14 C
Rome
mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeChimicaIl farmaco TT-10 migliora la funzione cardiaca dopo un attacco di cuore

Il farmaco TT-10 migliora la funzione cardiaca dopo un attacco di cuore

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Il rilascio di TT-10 dalle nanoparticelle ha migliorato la funzione cardiaca dopo un attacco di cuore, accompagnata da un aumento della proliferazione dei cardiomiociti e dimensioni dell’infarto più piccole in un modello murino.

Un attacco di cuore (infarto) uccide le cellule del muscolo cardiaco, portando a una cicatrice che indebolisce il cuore, spesso ad un’eventuale insufficienza cardiaca

La mancanza di riparazione muscolare è dovuta alla capacità molto limitata delle cellule del muscolo cardiaco dei mammiferi di proliferare, tranne per un breve periodo intorno alla nascita.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Pertanto, si è pensato che un prodotto farmaceutico chiamato TT-10, che agisce attraverso componenti della via di segnalazione Hippo-Yap per stimolare la proliferazione delle cellule del muscolo cardiaco, offrisse la promessa di trattare gli attacchi di cuore.

Iniezioni intraperitoneali di TT-10 in un modello di attacco cardiaco di topo inizialmente hanno promosso la proliferazione delle cellule del muscolo cardiaco e hanno mostrato riduzioni delle dimensioni dell’area morta del muscolo cardiaco una settimana dopo la somministrazione. Tuttavia, quei primi miglioramenti sono stati seguiti da un peggioramento della funzione cardiaca in momenti successivi.

Quindi, Jianyi “Jay” Zhang, MD, Ph.D., e i suoi colleghi dell’Università dell’Alabama presso il Dipartimento di Ingegneria Biomedica di Birmingham, si sono posti una semplice domanda: cosa accadrebbe se TT-10 fosse caricato in nanoparticelle fatte di poli-lattico-co -glycolic-acido, o PLGA, che consentono un lento rilascio di TT-10?

Il rilascio lento si è effettivamente rivelato vantaggioso, come riportano i colleghi di Zhang e UAB sulla rivista JCI Insight. La somministrazione di TT-10 a lento rilascio mediata da nanoparticelle ha migliorato la potenza e la durata del trattamento con TT-10 per la riparazione del muscolo cardiaco nel modello di attacco cardiaco su topo.

L’iniezione delle nanoparticelle TT-10 nel muscolo cardiaco infartuato ha migliorato la funzione cardiaca – come misurato da frazioni di eiezione significativamente migliorate e accorciamento funzionale e diminuzioni significative dei diametri telesistolici e telediastolici – rispetto ai gruppi di topi trattati con soluzione salina , nanoparticelle vuote o soluzione diretta TT-10.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Inoltre, i cuori trattati con nanoparticelle TT-10 avevano dimensioni dell’infarto significativamente inferiori e rapporti peso cardiaco/peso corporeo inferiori rispetto agli altri tre gruppi, che avevano tutti misurazioni simili. Tutte queste misure hanno indicato un miglioramento della funzione cardiaca per il gruppo trattato con nanoparticelle TT-10.

I ricercatori hanno anche misurato gli effetti del TT-10 sulla biologia delle cellule del muscolo cardiaco (cardiomiociti), e su diversi marcatori della riproduzione cellulare, sia in coltura che nel modello di attacco cardiaco su topo.

Cardiomiociti umani con cellule staminali pluripotenti indotte cresciute in diverse concentrazioni di TT-10 hanno mostrato un aumento dei marcatori molecolari per la proliferazione, la fase S del ciclo cellulare (quando la cellula replica il suo contenuto genomico), la fase M del ciclo cellulare (quando la cellula divide il DNA copiato) e la citochinesi (quando il citoplasma delle due cellule figlie si divide in due). L’attività di picco è stata osservata a concentrazioni di TT-10 da 10 a 20 micromoli.

I cardiomiociti coltivati ​​hanno anche mostrato una morte cellulare programmata significativamente ridotta e una proporzione significativamente aumentata di cardiomiociti con il co-attivatore trascrizionale Yap situato nei nuclei. Quella presenza di Yap nel nucleo, dove aiuta attivamente l’espressione genica, è coerente con un ruolo della segnalazione di Hippo-Yap nella rigenerazione cardiaca, dice Zhang.

Correlato: Cardiomiopatia ipertrofica: nuovo farmaco per curarla

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I cuori trattati con nanoparticelle TT-10 nel modello di attacco cardiaco su topo avevano un numero notevolmente maggiore di cardiomiociti della zona di confine che mostravano marcatori per la proliferazione cellulare, la crescita della fase M e la posizione nucleare di Yap a una settimana dopo l’infarto, rispetto agli altri tre gruppi di trattamento. La zona di confine è l’area prossima all’infarto. Inoltre, il trattamento con nanoparticelle TT-10 sembrava promuovere la crescita dei vasi sanguigni, chiamata angiogenesi.

Ciò suggerisce che i miglioramenti nel recupero del miocardio osservati nei topi trattati con nanoparticelle TT-10 sembrano essere, almeno in parte, attribuibili all’attivazione della segnalazione di Hippo-Yap e alla proliferazione dei cardiomiociti, affermano i ricercatori dell’UAB.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Pertanto, i nostri risultati suggeriscono che le nanoparticelle di PLGA potrebbero essere utilizzate per migliorare l’efficienza della somministrazione del trattamento per numerosi farmaci cardiovascolari“, ha affermato Zhang. “Inoltre, sebbene gli animali nella nostra attuale indagine siano stati trattati con nanoparticelle di TT-10 tramite iniezioni intramiocardiche dirette durante la chirurgia a torace aperto, le nanoparticelle di PLGA sono pienamente compatibili con metodi di consegna clinica meno invasivi, come il miocardio transtoracico ecoguidato o transtoracico basato su catetere”.

I coautori dello studio sono Wangping Chen, Danielle Pretorius, Yang Zhou e Yuji Nakada, Dipartimento di ingegneria biomedica dell’UAB e Jinfu Yang, secondo ospedale di Xiangya, Central South University, Changsha, Cina. Chen è uno studioso in visita dal Second Xiangya Hospital, Central South University.

Correlato: Le apnee notturne possono peggiorare le malattie cardiache

Articoli più letti