Tracce di RNA e vitamina B3 su Ryugu

i risultati dei campioni di Ryugu finora si aggiungono alla crescente evidenza che i mattoni della vita hanno avuto origine nello spazio e sono stati originariamente consegnati sulla Terra miliardi di anni fa dai meteoriti

0
959
Ryugu

Molecole di RNA e vitamina B3 sono state individuate nei campioni dell’asteroide Ryugu, l’asteroide sito a poca distanza dalla Terra visitato dalla Missione Hayabusa2 della Japan Aerospace Exploration Agency.

Quando i ricercatori hanno analizzato i campioni, raccolti da due diverse posizioni sull’asteroide, hanno trovato uracile, uno dei mattoni dell’RNA, così  la niacina e la precitata vitamina B3.

L’uracile è una base azotata, una delle cinque basi azotate che compongono il DNA e l’RNA, le proteine ​​e le molecole che contengono informazioni genetiche e istruzioni cruciali per le cellule degli organismi viventi (un cofattore chiave per il metabolismo negli organismi viventi). I risultati dello studio sono stati pubblicati martedì sulla rivista Nature Communications.

Informazioni su Ryugu

Ryugu è un asteroide a forma di diamante ricco di carbonio che misura circa 1 chilometro di larghezza. Hayabusa2 è stata la prima missione a portare sulla Terra un campione del sottosuolo di un asteroide.

La missione dell’Agenzia giapponese per l’esplorazione aerospaziale ha raccolto un campione dalla superficie dell’asteroide nel febbraio 2019, quindi ha sparato un “proiettile” di rame nell’asteroide per creare un cratere da impatto largo 10 metri. Un campione è stato raccolto da questo cratere nel luglio 2019.



Quindi, Hayabusa2 è tornato verso la Terra e ha lasciato cadere il campione in Australia nel dicembre 2020. Nelle analisi precedenti, i ricercatori hanno rilevato amminoacidi e altre molecole nei campioni di Ryugu, mentre uracile e niacina sono stati trovati anche in meteoriti che precipitati sulla Terra.

Il punto di Yasuhiro Oba

Yasuhiro Oba è professore associato presso l’Università di Hokkaido in Giappone. Lo studioso ha riferito in una dichiarazione: “Gli scienziati hanno precedentemente trovato basi azotate e vitamine in alcuni meteoriti ricchi di carbonio, ma c’è sempre stata la questione della contaminazione dovuta all’esposizione all’ambiente terrestre. Poiché la sonda Hayabusa2 ha raccolto due campioni direttamente dall’asteroide Ryugu e li ha consegnati sulla Terra in capsule sigillate, la contaminazione può essere esclusa”.

I mattoni della vita

I ricercatori hanno scoperto le molecole quando hanno immerso le particelle raccolte da Ryugu in acqua calda e hanno analizzato i risultati utilizzando diversi metodi di osservazione, come la cromatografia liquida e la spettrometria di massa. Quindi, il team ha rilevato le firme di uracile, niacina e altri composti organici contenenti azoto.

Oba ha detto: “Nel campione sono state trovate anche altre molecole biologiche, tra cui una selezione di aminoacidi, ammine e acidi carbossilici, che si trovano rispettivamente nelle proteine ​​e nel metabolismo”.

Insieme, i risultati dei campioni di Ryugu finora si aggiungono alla crescente evidenza che i mattoni della vita hanno avuto origine nello spazio e sono stati originariamente consegnati sulla Terra miliardi di anni fa dai meteoriti.

Le molecole probabilmente si sono originariamente formate attraverso reazioni fotochimiche nel ghiaccio nello spazio prima ancora che esistesse il nostro sistema solare, ha aggiunto Oba.

Approfondimenti

Le concentrazioni delle molecole nei due campioni erano diverse, ma ciò è probabilmente dovuto all’esposizione al duro ambiente dello spazio. È possibile che Ryugu un tempo facesse parte di un corpo celeste più grande, come una cometa, prima che venisse fatto a pezzi dalle collisioni con altri oggetti spaziali.

Oba ha affermato: “Non c’è dubbio che molecole biologicamente importanti come gli aminoacidi e le basi azotate negli asteroidi/meteoriti siano giunte sulla Terra. In particolare, ci aspettiamo che possano svolgere un ruolo nell’evoluzione prebiotica sulla Terra primordiale”.

È anche possibile che quando le rocce spaziali si sono schiantate contro altri pianeti del nostro sistema solare, potrebbero aver trasportato alcuni degli stessi elementi costitutivi della vita.

Oba ha inoltre aggiunto: “Non posso dire che la presenza di tali ingredienti porti direttamente all’emergere o alla presenza di vita extraterrestre, ma almeno i loro componenti come aminoacidi e basi azotate possono essere presenti ovunque nello spazio”.

2