16 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
HomePreppingAlcuni tipi di persone hanno meno probabilità di essere pronti ad affrontare...

Alcuni tipi di persone hanno meno probabilità di essere pronti ad affrontare un disastro

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Quali persone hanno meno probabilità di essere pronte a reagiredi fronte a disastri come uragani, inondazioni e incendi? Un recente studio svolto negli Stati Uniti fornisce una risposta a questa domanda.

I ricercatori hanno scoperto che le famiglie guidate da donne, quelle con bambini piccoli (sotto i 18 anni), gli affittuari, le persone con uno status socioeconomico povero, gli afroamericani e gli asiatici hanno tutte meno probabilità di altre di essere almeno minimamente preparate ai disastri.

Smitha Rao, autrice principale dello studio e professore associato di assistenza sociale presso la Ohio State University, ha affermato che le persone in queste categorie necessiterebbero di un’attenzione speciale prima dei disastri per assicurarsi che abbiano le risorse necessarie per rispondere.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Concentrarsi sui gruppi vulnerabili, comprendere le loro barriere specifiche e collegarli alle risorse all’interno della comunità sono strategie chiave per garantire che nessuno venga lasciato indietro in caso di disastro“, ha affermato Rao.

Lo studio è stato recentemente pubblicato sull’International Journal of Disaster Risk Reduction. Altri coautori erano Fiona Doherty, una studentessa di dottorato in assistenza sociale all’Ohio State, e Samantha Teixeira, professoressa associata di assistenza sociale al Boston College.

I ricercatori hanno utilizzato i dati dell’indagine nazionale sulle famiglie dell’Agenzia federale per la gestione delle emergenze del 2018. 4.743 intervistati provenienti da tutta la nazione hanno costituito il campione rappresentativo a livello nazionale del sondaggio e hanno risposto a una serie di domande su quanto fossero preparate per i disastri. Secondo Rao, l’importanza del problema è in aumento negli Stati Uniti.

Secondo un rapporto del governo federale, il 2021 è arrivato secondo al 2020 in termini di numero di disastri da miliardi di dollari avvenuti negli Stati Uniti (20 nel 2021, rispetto ai 22 nel 2020). Il fatto che ci siano stati 123 distinti disastri da miliardi di dollari negli anni 2010 rispetto ai soli 29 negli anni ’80 è ancora più preoccupante.

Per molti americani, il problema non è se saranno colpiti da un disastro, ma di quando lo saranno“, ha detto.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Per il nuovo studio, Rao e i suoi colleghi hanno considerato le persone “minimamente preparate” se avevano gli elementi più essenziali necessari per un’evacuazione immediata o un riparo in loco per tre giorni. Questi includevano fondi di emergenza, accesso alle forniture per sopravvivere per tre giorni senza elettricità o acqua corrente e accesso ai trasporti.

È davvero solo il minimo. Dovremmo avere tutti una “borsa da viaggio” con cibi non deperibili, farmaci importanti, una torcia e un po’ di contanti per le emergenze“, ha detto.

Oltre a esaminare lo stato di preparazione dei gruppi socialmente vulnerabili, i ricercatori hanno anche esaminato i fattori socio-cognitivi che potrebbero essere associati alla preparazione.

I risultati hanno mostrato che la convinzione nell’utilità di prepararsi ai disastri è associata all’essere almeno adeguatamente preparati. Coloro che hanno meno fiducia nella propria capacità personale di agire di fronte a un’emergenza hanno meno probabilità di essere minimamente preparati.

La fiducia è un aspetto importante della preparazione. Non possiamo dirlo con certezza da questi dati, ma parte di questo potrebbe essere la fiducia che hanno nel fatto che le istituzioni governative li aiuteranno quando necessario“, ha affermato Rao. “I gruppi socialmente vulnerabili che abbiamo riscontrato hanno meno probabilità di essere minimamente preparati sembrano non avere fiducia nelle istituzioni che dovrebbero aiutare durante i disastri“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Non sorprende che i gruppi socioeconomici inferiori abbiano meno probabilità di essere preparati ai disastri, ha affermato. Coloro che stanno lottando per soddisfare le esigenze quotidiane spesso non hanno la capacità e le risorse per pianificare gli eventi quotidiani, tanto meno la hanno per pianificare la reazione ai disastri, ha detto Rao.

Ma i risultati hanno mostrato che anche un leggero salto dal gruppo a reddito più basso era associato a un punteggio di prontezza più alto nel campione dello studio. Un altro risultato fondamentale è stato che i partecipanti al sondaggio che avevano ricevuto informazioni relative alla preparazione alle catastrofi negli ultimi sei mesi avevano maggiori probabilità di essere preparati.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ma più della metà del campione – il 56% – ha riferito di non aver ricevuto alcuna informazione sulla preparazione negli ultimi sei mesi, quindi questa è un’area di intervento importante“, ha affermato Rao.

Nel complesso, i risultati suggeriscono che gli assistenti sociali e altri operatori sanitari e di assistenza dovrebbero lavorare specificamente con i gruppi identificati in questo studio per aiutarli a prepararsi prima che si verifichino disastri.

I disastri non colpiscono tutti in modo uniforme“, ha detto Rao. “Dobbiamo trovare modi per aiutare coloro che sono più a rischio delle conseguenze dei disastri”.

Riferimento: “Are you prepared? Efficacy, contextual vulnerability, and disaster readiness” di Smitha Rao, Fiona C. Doherty e Samantha Teixeira, 30 maggio 2022, International Journal of Disaster Risk Reduction .
DOI: 10.1016/j.ijdrr.2022.103072

Articoli più letti