Test positivo per Il paracadute che dovrà atterrare su Marte 

Il sistema di paracadute che aiuterà a consegnare il rover Rosalind Franklin ExoMars su Marte ha completato il primo test di caduta da alta quota con elementi ridisegnati, dopo i due test infruttuosi dello scorso anno. L'intera sequenza, dall'ingresso atmosferico all'atterraggio, richiede solo sei minuti

0
1599

Nell’Oregon, negli Stati Uniti, il 9 di novembre, è stato avviato con successo il primo test di caduta su alta quota, che porterà su Marte, il rover Rosalind Franklin ExoMars. L’estrazione e la decelerazione del paracadute sono andate come previsto, il prototipo del veicolo è atterrato in sicurezza e i paracadute di prova sono stati recuperati. Tuttavia, si sono verificati alcuni danni al baldacchino, indicando che il processo necessita di ulteriori miglioramenti.

Per l’atterraggio su Marte non sono previsti errori

La questione è che atterrare su Marte è estremamente difficile, senza possibilità di errore, e Francois Spoto, capo del team del programma ExoMars, sta facendo di tutto per ottenere un paracadute perfetto a prova di fallimenti. “L’ultimo test è stato un buon passo avanti, ma non è ancora il risultato perfetto che stiamo cercando“, ha affermato lo scienziato.

Ed è proprio per questo che verranno utilizzati i numerosi dati di test acquisiti per perfezionare l’approccio, in modo tale da pianificare ulteriori test e restare in pista per il lancio previsto nel settembre del  2022.

Come è fatto il paracadute?

Il rover Rosalind Franklin, e la piattaforma di superficie Kazachok, sono incapsulati all’interno di un modulo di discesa che sarà trasportato su Marte da un modello portante. Il blocco di discesa è dotato di due paracadute, ciascuno con il proprio scivolo pilota per l’estrazione, per rallentarlo prima dell’atterraggio su Marte.

Una volta che la resistenza atmosferica ha rallentato il modulo di discesa, da circa 21.000 km/h a 1700 km/h, verrà dispiegato il primo paracadute. Circa 20 secondi dopo, più o meno a 400 km/h, si aprirà il secondo. Dopo la separazione dei paracadute a circa 1 km da terra, i motori frenanti entreranno in azione per consegnare in sicurezza la piattaforma di atterraggio sulla superficie di Marte.



Atterraggio su Marte in soli 6 minuti

L’intera sequenza, dall’ingresso atmosferico all’atterraggio, richiede solo sei minuti. Il sistema completo di discesa del paracadute necessita di test e verifica sulla Terra.

I test di caduta ad alta quota svolgono un ruolo essenziale per aiutare a rappresentare la bassa pressione atmosferica su Marte, un aspetto vitale quando si considera il gonfiaggio del paracadute.

Test condotto negli Stati Uniti

Il test condotto nell’Oregon, negli Stati Uniti, è stato ritardato da marzo 2020 a causa delle restrizioni COVID-19, degli incendi boschivi e delle condizioni di vento sfavorevoli. La riprogrammazione logistica e condizioni meteorologiche compatibili hanno finalmente permesso che si svolgesse il 9 novembre.

La configurazione di prova ha visto il veicolo di caduta sollevato a un’altezza di 29 km in un pallone stratosferico. Il primo paracadute principale aveva un sacchetto aggiornato e un rinforzo in Kevlar intorno l’orlo di sfiato (che è, intorno alla bocca “buco” nel centro del paracadute). Il secondo paracadute principale aveva diversi anelli di rinforzo e una borsa per paracadute migliorata, ma non le linee del paracadute rinforzate, anch’esse previste.

Il secondo paracadute completamente aggiornato verrà utilizzato in un test di caduta presso lo stabilimento Esrange, della Swedish Space Corporation, a Kiruna, in Svezia, a metà del 2021. Gli anelli di rinforzo sono stati introdotti per aiutare a prevenire il drammatico strappo delle tettoie assistito durante i test nel 2019.

Pianificazione per i futuri test

La sequenza temporale dell’ultimo test, comprese l’estrazione e la decelerazione, è andata esattamente secondo i piani. Tuttavia, dopo il recupero sono state trovate quattro rotture nella calotta del primo paracadute principale e una nel secondo paracadute principale. Il danno è successo all’inizio dell’inflazione, con la discesa altrimenti avvenuta nominalmente.

Il team sta ora analizzando i dati acquisiti per determinare ulteriori miglioramenti per i prossimi test. È in corso la pianificazione per future prove nella prima metà del prossimo anno, per qualificare il sistema di paracadute completo pronto per il lancio nel settembre 2022.

Una volta al sicuro, nella regione di Marte, di Oxia Planum, nel giugno 2023, il rover Rosalind Franklin lascerà la piattaforma e inizierà la sua missione scientifica. Cercherà siti geologicamente interessanti per perforare sotto la superficie, per determinare se la vita è mai esistita sul nostro vicino pianeta.

Fonte: https://phys.org/news/2020-11-exomars-parachute.html

2