Dalla banana una terapia efficace contro tutti i coronavirus e i ceppi influenzali conosciuti

Uno studio ha reso noto lo sviluppo di una potenziale terapia che potrebbe essere utilizzata per combattere tutti i coronavirus ed i ceppi conosciuti dell'influenza

0
590
Dalla banana una terapia efficace contro tutti i coronavirus e i ceppi influenzali conosciuti
Dalla banana una terapia efficace contro tutti i coronavirus e i ceppi influenzali conosciuti

Uno studio ha reso noto lo sviluppo di una potenziale terapia che potrebbe essere utilizzata per combattere tutti i coronavirus ed i ceppi conosciuti dell’influenza.

Una settimana dopo, il primo caso confermato in laboratorio di SARS-CoV-2 ha innescato la pandemia di COVID-19.

È interessante notare che il team di ricerca mondiale dietro il rapporto sull’influenza aveva esaminato il trattamento dei coronavirus prima che arrivasse il virus che ha temporaneamente interrotto il loro lavoro.

All’epoca pensavamo che la MERS sarebbe stata l’obiettivo principale, cosa di cui eravamo preoccupati a causa del suo tasso di mortalità del 35%“, ha affermato David Markovitz, MD, professore di medicina interna, Divisione di malattie infettive presso la University of Michigan Medical School.
La MERS, o sindrome respiratoria mediorientale, ha causato una breve epidemia nel 2015 e ha provocato 858 decessi confermati.

Uno studio pubblicato su Cell Reports Medicine descrive l’efficacia del principio attivo H84T-BanLec contro tutti i coronavirus noti per infettare gli esseri umani, tra cui MERS, la SARS originale e SARS-CoV2, inclusa la variante omicron. Markovitz è affiancato da due autori senior: Peter Hinterdorfer, Ph.D., dell’Istituto di Biofisica della Johannes Kepler University, e Kwok-Yung Yuen, MBBS, MD, dell’Università di Hong Kong. Jasper Fuk-Woo Chan, MD, dell’Università di Hong Kong, è il primo autore del documento.

Quando è iniziata la pandemia di COVID-19 ovviamente volevamo studiare il potenziale della terapia e abbiamo scoperto che era efficace contro ogni tipo di coronavirus, in vitro e in vivo”, ha affermato Markovitz. “Sia somministrato sistemicamente o attraverso il naso in modelli animali o profilatticamente o terapeuticamente all’inizio della malattia, ha funzionato“.

H84T-BanLec deriva da una lectina (una proteina legante i carboidrati) isolata dal frutto della banana. Raggiunge le sue notevoli capacità di blocco virale legandosi a glicani ad alto contenuto di mannosio, polisaccaridi presenti sulla superficie dei virus, ma solo molto raramente su cellule umane normali e sane. Dopo il legame, il virus non può entrare nelle cellule per infettarle.

Utilizzando la microscopia a forza atomica e metodi correlati, il team ha confermato che l’H84T sviluppa molteplici legami forti con la proteina spike, il che, ha affermato Markovitz, probabilmente spiega perché è difficile per un coronavirus resistere alla lectina.



Nonostante il loro potenziale antivirale, le lectine vengono tradizionalmente evitate come possibili terapie perché sono proteine ​​in grado di stimolare il sistema immunitario in modo potenzialmente dannoso, spiega Markovitz. Tuttavia, H84T-BanLec è stato modificato per rimuovere questo effetto e non ha mostrato effetti dannosi nei modelli animali.

Sebbene attualmente esistano diversi trattamenti per la COVID-19, inclusi remdesivir, Paxlovid e anticorpi monoclonali, hanno diversi livelli di efficacia, effetti collaterali e facilità d’uso e molti si sono dimostrati meno efficaci man mano che il SARS-CoV2 continua ad evolversi.

H84T-BanLec ha una promessa unica, secondo il team, perché è efficace contro tutte le varianti di coronavirus e i virus dell’influenza.

Markovitz e il team sperano di vedere la terapia fare il passo più difficile dal modello animale alla sperimentazione sugli esseri umani. Il team prevede uno spray nasale o gocce che possono essere utilizzate per prevenire o curare le infezioni da coronavirus e influenza in situazioni stagionali e pandemiche. Sperano anche di esaminare l’uso di H84T-BanLec contro il cancro, poiché le cellule tumorali, come i virus, hanno anche alti glicani mannosio sulla loro superficie.


Riferimento: “A molecularly engineered, broad-spectrum anti-coronavirus lectin inhibits SARS-CoV-2 and MERS-CoV infection in vivo” di Jasper Fuk-Woo Chan, Yoo Jin Oh, Shuofeng Yuan, Hin Chu, Man-Lung Yeung, Daniel Canena, Chris Chung-Sing Chan, Vincent Kwok-Man Poon, Chris Chun-Yiu Chan, Anna Jinxia Zhang, Jian-Piao Cai, Zi-Wei Ye, Lei Wen, Terrence Tsz-Tai Yuen, Kenn Ka-Heng Chik, Huiping Shuai, Yixin Wang, Yuxin Hou, Cuiting Luo, Wan-Mui Chan, Zhenzhi Qin, Ko-Yung Sit, Wing-Kuk Au, Maureen Legendre, Rong Zhu, Lisa Hain, Hannah Seferovic, Robert Tampé, Kelvin Kai-Wang To , Kwok-Hung Chan, Dafydd Gareth Thomas, Miriam Klausberger, Cheng Xu, James J. Moon, Johannes Stadlmann, Josef M. Penninger, Chris Oostenbrink, Peter Hinterdorfer, Kwok-Yung Yuen e David M. Markovitz, 26 settembre 2022, Cell Reports Medicine.
DOI: 10.1016/j.xcrm.2022.100774