Teletrasporto umano: basta una stampante 3D

Il teletrasporto umano rimane un punto fermo della ricerca scientifica associata alle tecnologie più avanzate, e diverse sono le soluzioni che si prospettano sia nel presente che nel futuro

0
562
Teletrasporto umano

Il teletrasporto umano, che ha avuto un notevole successo nelle trasposizioni cinematografiche fantascientifiche degli anni 60/70, per ora non rimane che un’immagine proiettata nel futuro e senza l’ausilio di nessun pulsante.

Teletrasporto umano

Quelle proiezioni dove si immaginava il 2000 con un progresso tecnologico capace di spostare un organismo, praticando il teletrasporto umano, da un pianeta ad un altro con un click, dove gli outfit erano rigorosamente confezionati con tessuti tecnici e l’unica cosa che aveva resistito al tempo, ma che in realtà si è dimostrata la più versatile, era il makeup, rigorosamente fatto di eccessi e contrasti tipici del periodo, per ora non rimane che un’immagine che viaggia nel futuro grazie alla fantasia e senza l’ausilio di nessun pulsante.

Possiamo dunque continuare a sognare di essere trasportati da Bologna a Diyarbakir in un nanosecondo, senza scali, senza ore di volo e senza i salatini di serie Z delle varie compagnie aeree, ma il teletrasporto umano oggi necessita di una tecnologia che non è in grado di disgregare un organismo e ricomporlo come se fosse un semplice puzzle.

Teletrasporto umano: esistono metodi alternativi che possono sostituirlo?

In teoria, il teletrasporto umano dovrebbe utilizzare i principi della fisica quantistica, un insieme di regole che descrivono lo strano comportamento di fotoni, elettroni e altre minuscole particelle che compongono l’Universo.

Teletrasporto umano



Nel mondo quantistico, le regole basilari dell’Universo non si applicano: frammenti di materia possono entrare e uscire dall’esistenza. Le particelle a volte si comportano come grumi solidi e altre volte come onde, che quindi il teletrasporto umano sia possibile?

Uno dei fenomeni più strani nel mondo quantistico è chiamato entanglement quantistico. Quando due particelle sono “intrecciate”, non significa che siano attorcigliate l’una attorno all’altra. Significa invece che le azioni dell’una influenzano le azioni dell’altra.

In laboratorio, gli scienziati hanno imparato come intrecciare due particelle, per poi modificarne deliberatamente una. Quando questo accade, anche l’altra particella cambierà istantaneamente, anche se le due particelle sono distanti. Nel 2017, gli scienziati cinesi hanno utilizzato questo principio per “teletrasportare” le informazioni da una particella sulla Terra a un’altra su un satellite nello spazio.

Naturalmente tra una particella e un intero e complesso organismo umano, esiste una sostanziale differenza. La fisica quantistica però ci viene incontro suggerendoci di ragionare sempre in grande e specialmente, di non smettere di sognare.

Nel frattempo però bisogna ingegnarsi, e trovare soluzioni alternative. Se l’esigenza è quella di arrivare in un luogo con una certa rapidità, si possono vagliare realtà già esistenti.

Paul Weaver ha suggerito l’utilizzo di una stampante 3D notevolmente avanzata, che potrebbe essere in grado di stampare un essere umano in una destinazione lontana. Presumibilmente potremmo praticare il teletrasporto umano in quel modo. La vera sfida, aggiunge, sarebbe inviare le “informazioni” che ci definiscono. Dopotutto abbiamo già assistito ad una forma embrionale di riproduzione in 3D di organoidi umani in miniatura, perfetti in ogni loro dettaglio.

In cosa consisterebbero tali informazioni? Quanti dati ci vorrebbero per definire qualcuno? Di quale larghezza di banda avremmo bisogno per trasferire tali dati in modalità wireless?

Nel 2013, i fisici dell’Università di Leicester, in Inghilterra, hanno provato sviluppare queste informazioni. Gli scienziati inglesi hanno calcolato il tempo, l’energia e i dati necessari per teletrasportare qualcuno dalla Terra allo spazio: alla velocità di trasferimento dati disponibile 10 anni fa, hanno scoperto, ci sarebbero voluti almeno 4,8 trilioni di anni. È 350 volte più lungo dell’età dell’universo! Anche con la maggiore velocità dei dati odierna, quel tipo di teletrasporto rimane totalmente irrealistico.

Cosa sono 4,8 trilioni di anni di fronte all”eternità? Bisogna sempre osservare i fenomeni in prospettiva, con un occhio ben ancorato al presente. Altri tipi di teletrasporto umano sono abbastanza reali. Ad esempio, come menzionato sopra, il teletrasporto quantistico è stato dimostrato a livello subatomico. È qualcosa che Albert Einstein descrisse come “spettrale azione a distanza ”. E per aver dimostrato la sua esistenza, due fisici hanno portato a casa un premio Nobel 2022.

Laura Shackelford lavora presso l’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign. Come paleoantropologa, studia gli antichi esseri umani. Come parte del suo lavoro, insegna agli studenti come eseguire gli scavi. Di solito si svolgono in qualche scuola sul campo, ma nel 2017 ha iniziato a progettare qualcosa di diverso: scavi virtuali.

I suoi studenti vengono “trasportati” – virtualmente – in una grotta in un parco nazionale. Presumibilmente una società privata ha scoperto delle forniture di gas naturale sotto questo sito. Ora vuole iniziare a estrarre il gas lì tramite il fracking.

Teletrasporto umano

Gli studenti fanno esattamente quello che farebbero in una vera scuola sul campo: imparano le tecniche di scavo; recuperano artefatti; eseguono anche analisi di laboratorio.

L’obiettivo di Shackelford è aumentare l’accessibilità dei siti sul campo. Le scuole sul campo tendono ad essere costose. Possono anche essere piuttosto impegnativi per le persone con disabilità fisiche e il suo programma virtuale risolve questi problemi. I suoi studenti ottengono le esperienze di cui hanno bisogno senza dover lasciare la sua classe, sfruttando un accessibile teletrasporto umano, con un successo importante.

L’archeologia è molto collaborativa per quanto riguarda fonti alternative di teletrasporto umano. Per sottolinearlo, gli studenti di Shackelford lavorano in coppia. A turno indossano il visore per la realtà virtuale (VR) della loro squadra per scavare. Altre volte fungono da persona di supporto della squadra.

I partner di supporto hanno una serie di compiti, uno è quello di impedire ai compagni di squadra che indossano i visori VR di imbattersi in oggetti e negli altri compagni di classe che scavano: “È in parte una questione di sicurezza”, spiega Shackelford: “Ho una stanza piena di studenti, la metà dei quali sono ciechi perché indossano un visore virtuale”.

A cosa serve tuttavia il teletrasporto umano, anche quello virtuale, se non puoi teletrasportare le persone nello spazio? In un certo senso è già possibile. Nell’ottobre 2021, la NASA ha teletrasportato uno dei suoi medici, Josef Schmid, sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Lì, il medico ha sottoposto un astronauta a un esame virtuale.

L’agenzia spaziale ha utilizzato una tecnica nota come olotrasporto (un mashup di ologramma e teletrasporto umano). E questo termine calza a pennello: combina l’olografia con la realtà estesa (XR). Per farlo, la NASA ha utilizzato hardware standard.

L’auricolare aveva al suo interno un intero computer olografico. Una telecamera con rilevamento del movimento utilizzava sensori avanzati per catturare “modelli” 3D di alta qualità della squadra da “trasportare”. Tali dati sono stati poi compressi e trasmessi in diretta alla ISS. Un’app chiamata HoloWizard (progettata dalla società di software AEXA) alimentava il sistema.

Schmid è un chirurgo di volo della NASA. Essendo un medico, si prende cura degli astronauti e delle loro famiglie, ma per la sua visita alla ISS non ha mai lasciato la Terra. La NASA lo ha proiettato lassù come un ologramma tridimensionale. Lo ha fatto anche per altri membri della squadra, come il capo di AEXA, Fernando De La Peña Llaca. Gli astronauti potevano vedere i visitatori virtuali e interagire con loro in tempo reale.

Teletrasporto umano

È importante specificare che le immagini non erano perfette. C’erano problemi di pixelizzazione e a volte il collegamento diventava traballante, ma per Schmid è stato come uno sguardo al futuro.

Un giorno, l’olotrasporto potrebbe essere utilizzato per visite mediche e psichiatriche private con gli astronauti. Potrebbe anche consentire alla NASA di ospitare dignitari presso la stazione spaziale. Schmid può persino immaginare gli astronauti cenare con le loro famiglie – virtualmente. “Davvero”, dice, “il cielo non è più il limite”.

Per quanto invece riguarda un vero teletrasporto umano, con un essere in carne ed ossa? “Per quanto ne sappiamo“, dice Weaver, “Al momento non esiste alcuna tecnologia in grado di trasportare un intero essere umano”.

2