Taylor Swift è una spia del Deep State?

Nuove teorie cospirazioniste vedono la pop star Taylor Swift come un agente segreto capace di tutto pur di far rieleggere Biden a scapito del "povero" Trump

2
173
Taylor Swift

Secondo alcuni ambienti della destra statunitense, Taylor Swift sarebbe un agente segreto del governo. La teoria del complotto sembra ridicola, ma la pop star è stata definita una “risorsa del Pentagono” che fa parte di una “psyop” per “truccare il Super Bowl” al fine di influenzare le elezioni presidenziali del 2024 a favore dell’attuale presidente Joe Biden.

Taylor Swift

Taylor Swift un agente segreto con microfono che parteggia per Biden

Secondo The Guardian, l’influencer di destra Jack Posobiec ha diffuso per primo la teoria del complotto. Posobiec, che in un’indagine del Southern Poverty Law Center ha scoperto di aver collaborato per anni con suprematisti bianchi, neofascisti e antisemiti, ha dichiarato che “loro” stanno “usando” Taylor Swift, che ha una relazione di alto profilo con Travis Kelce, il tight end dei Kansas City Chiefs destinato al Super Bowl LVIII . Chi siano “loro” non è dato saperlo.

Si stanno preparando per un’operazione per usare Taylor Swift nelle elezioni contro contro Trump e a favore di Biden“, ha aggiunto Posobiec.

Nel frattempo, Vivek Ramaswamy, la cui sconfitta alle primarie presidenziali repubblicane non ha richiesto eventi sportivi truccati, ha dichiarato che Taylor Swift e Travis Kelce sono: “una Coppia costruita a tavolino”, e Jack Lombardi, che ha perso la Camera degli Stati Uniti nel distretto dell’Illinois 14 primarie repubblicane nel 2022 con più di 6.000 voti, ha twittato: “Non sono mai stato più convinto che il Super Bowl sia truccato“, dopo che i Baltimore Ravens hanno perso contro i Kansas City Chiefs per soli 7 punti nel campionato AFC 2024.



I teorici della cospirazione devono ancora fornire prove concrete a sostegno delle loro affermazioni. Inoltre, faticano a giustificare il motivo per cui un collettivo indefinito di “liberali” avrebbe orchestrato un piano del genere prendendo di mira in particolare una squadra dalle ideologie controverse.

Ecco la verità: non ci sono prove concrete che il Super Bowl sia truccato, certamente non come uno stratagemma per influenzare le elezioni a favore del presidente Joe Biden con il sostegno di Taylor Swift, che in precedenza lo ha sostenuto senza alcun incoraggiamento da parte di qualche grande cospirazione sportiva.

Taylor Swift

Questa non sarebbe la prima volta che un braccio del Governo americano viene accusato di utilizzare musicisti per influenzare un risultato politico. Né è vero che le celebrità non abbiano mai, consapevolmente o inconsapevolmente, commesso atti segreti per conto di una superpotenza globale.

In effetti, l’infondata teoria del complotto che accusa Taylor Swift di aver truccato il Super Bowl riporta alla mente gli esempi vociferati e, in alcuni casi, confermati, di celebrità che sono state anche spie del Governo.

Anche Cary Grant è stato a suo tempo sospettato di spionaggio: “Non ci sono dubbi sul fatto che Cary Grant fosse un agente speciale o un contatto dell’FBI”, ha scritto Marc Eliot in Cary Grant: A Biography . Lavorando per J. Edgar Hoover come volontario, Grant è stato incaricato incaricato di tenere d’occhio l’allora marito dell’ereditiera Barbara Hutton, il conte Kurt von Haugwitz-Hardenberg-Reventlow. Come un proto-James Bond, Grant alla fine è riuscito a sedurre l’ereditiera a sposarla nel 1942.

Taylor Swift non è stata l’unica a cadere nel mirino dei sospettati, anche la grande Nina Simone, musicista e attivista ribelle e schietta, era disposta a sacrificare la sua carriera per promuovere le cause in cui credeva non ha mai vacillato in tal senso. Considerata: “La voce del movimento per i diritti civili“, Simone ha composto importanti canzoni di protesta come “Mississippi Goddam“.

Taylor Swift

Nel 1961, Nina Simone si è unita a un elenco di artisti incaricati di visitare la Nigeria per esibirsi per conto dell’American Society of African Culture (AMSAC) e insieme ai suoi colleghi hanno sostenuto che l’AMSAC fosse un’organizzazione indipendente dedita alla promozione dei legami tra africani e afroamericani. Solo anni dopo si è scoperto che l’AMSAC fungeva da copertura per un’altra agenzia: la CIA.

Durante un periodo in cui la CIA mirava a vincere la guerra ideologica e culturale contro l’URSS, l’agenzia ha sfruttato l’espressione artistica americana per mostrare sottilmente i vantaggi della democrazia capitalista rispetto al dominio comunista. Di conseguenza, Nina Simone, un’artista che si è battuta attivamente contro molte delle politiche del suo stesso Governo, è diventata inconsapevolmente portavoce di quel sistema.

Verso la fine degli anni ’60, una Simone assediata, alle prese con difficoltà finanziarie e problemi di salute mentale,  ha lasciato il paese che l’aveva sfruttata, definendolo amaramente: gli “United Snakes of America”.

2