13.5 C
Rome
domenica, Novembre 27, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaUna stella gigante è stata oscurata da qualcosa al centro della nostra...

Una stella gigante è stata oscurata da qualcosa al centro della nostra galassia

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

C’è qualcosa di strano vicino al centro galattico.

A circa 25.000 anni luce dalla Terra, gli astronomi hanno individuato una strana stella che è quasi scomparsa dall’esistenza per diversi mesi prima di riapparire.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli astronomi ritengono che la stella, chiamata VVV-WIT-08, potrebbe appartenere a una nuova classe di stelle: strani giganti grandi oltre 100 volte il Sole che vengono eclissate da un misterioso corpo orbitante una volta ogni pochi decenni.

Le stelle con peculiari firme oscuranti sono di un fascino infinito. Sebbene lo spazio sia per lo più relativamente vuoto, è logico che, con tutte le cose là fuori, parte di esso si allineerà in modo tale che le stelle siano oscurate dalla nostra prospettiva terrestre di tanto in tanto.

Tuttavia, non è sempre facile dire di che cosa si tratta. Un pianeta gigante? Polvere spaziale? Detriti di un oggetto che si sta sbriciolando? Un drago cosmico?

Il caso di VVV-WIT-08 è assurdo. Sebbene altre stelle abbiano mostrato cali di luce simili, nessun caso è mai stato così evidente. Il colpevole, pensano gli astronomi, potrebbe essere un’altra stella o pianeta, circondato da uno spesso e opaco disco di polvere su una lunga orbita attorno a VVV-WIT-08, che copre completamente la stella quando si interpone davanti alla nostra vista.

È incredibile che abbiamo appena osservato un oggetto scuro, grande e allungato passare tra noi e la stella lontana e possiamo solo ipotizzare quale sia la sua origine“, ha detto l’astronomo Sergey Koposov dell’Università di Edimburgo in Scozia.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il modello di un compagno orbitale con un disco gigante non è senza precedenti. Un esempio famoso e ben noto è Epsilon Aurigae, una stella supergigante con un compagno avvolto da un disco su un’orbita di 27 anni che oscura la stella di circa il 50 percento per un massimo di 730 giorni.

Poi c’è il sistema TYC 2505-672-1, una stella gigante rossa con una compagna polverosa su un’orbita di 69 anni che eclissa la stella per un periodo di 3,5 anni.

Il sondaggio che ha raccolto VVV-WIT-08, il sondaggio VISTA Variables in the Via Lactea (VVV), ha individuato un paio di altri candidati che sembrano mostrare lo stesso comportamento. Poiché i dati su quelle stelle non sono così completi come i dati per VVV-WIT-08, devono ancora essere descritti.

Sappiamo però che la particolarità della stella non è un errore. L’oscuramento è stato osservato anche dall’esperimento di lente gravitazionale ottica utilizzando il telescopio di Varsavia in Cile, il che significa che non si trattava di un problema tecnico (anche se dovrebbe essere un tipo di problema tecnico molto strano).

I dati mostrano che l’evento di oscuramento è durato circa 200 giorni, con una curva di luce quasi simmetrica, spegnendo la luce della stella fino al 97 percento. La densità di oggetti richiesta in quella regione dello spazio per l’allineamento casuale di due corpi casuali è molto più alta di quella osservata, quindi il team ritiene che i due oggetti siano legati gravitazionalmente.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il periodo orbitale è sconosciuto, ma secondo i modelli matematici deve essere di almeno qualche decennio.

E la scoperta suggerisce che tali sistemi potrebbero non essere così rari.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

C’è sicuramente altro da trovare, ma la sfida ora è capire cosa sono i compagni nascosti e come sono stati circondati da dischi, nonostante orbitino così lontano dalla stella gigante“, ha commentato l’astronomo Leigh Smith dell’Università di Cambridge.

In tal modo, potremmo imparare qualcosa di nuovo su come si evolvono questi tipi di sistemi“.

Articoli più letti