2.3 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeAttualitàAumenta la tensione in Corea, gli Stati uniti dispiegano il gruppo d'attacco...

Aumenta la tensione in Corea, gli Stati uniti dispiegano il gruppo d’attacco della portaerei Reagan

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Prosegue l’escalation della tensione nell’area della penisola coreana dopo i ripetuti lanci di missili sperimentali effettuati dalla Carea del nord intervallati dal lancio di missili nel corso di un’esercitazione effettuato da Corea del sud e Stati Uniti. Adesso, il gruppo d’attacco della portaerei USS Ronald Reagan della Marina degli Stati Uniti si sta spostando nelle acque al largo della penisola coreana.

Il Consiglio di sicurezza nazionale (NSC) della Corea del Sud ha tenuto una riunione di emergenza dopo che la Corea del Nord ha lanciato altri due missili balistici a corto raggio, il sesto lancio di questo tipo in 12 giorni, ha affermato l’ufficio presidenziale del paese in una nota.

L’NSC ha avvertito che la provocazione della Corea del Nord dovrà affrontare una risposta più forte, come dimostrato dal ridispiegamento della portaerei USS Ronald Reagan e del suo gruppo d’attacco nel Mare Orientale, noto anche come Mar del Giappone, in seguito al lancio da parte di Pyongyang di un missile balistico (IRBM), che ha sorvolato il Giappone, martedì.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Mercoledì il Joint Chiefs of Staff della Corea del Sud ha affermato che il gruppo d’attacco della portaerei statunitense sarà dispiegato nel Mar del Giappone, in quella che ha definito una mossa insolita intesa a “dimostrare la risoluta volontà dell’alleanza SK-US di rispondere con decisione a qualsiasi provocazione o minaccia dalla Corea del Nord”.

Un caccia F/A-18E Super Hornet opera mercoledì sul ponte di volo della portaerei USS Ronald Reagan nel Mar del Giappone.
Un caccia F/A-18E Super Hornet opera mercoledì sul ponte di volo della portaerei USS Ronald Reagan nel Mar del Giappone.

La dichiarazione sudcoreana sui movimenti del gruppo d’attacco della Marina degli Stati Uniti ha suscitato una dura risposta da Pyongyang.

La RPDC sta osservando gli Stati Uniti che rappresentano una seria minaccia alla stabilità della situazione nella penisola coreana e nelle sue vicinanze ridistribuendo la task force nelle acque al largo della penisola coreana“, si legge in una dichiarazione del ministero degli Esteri nordcoreano pubblicata sull’agenzia di stampa statale coreana.

Con gli ultimi lanci di missili, siamo a 24 test di questo tipo effettuati da Pyongyang quest’anno, inclusi missili balistici e da crociera, il conteggio annuale più alto da quando Kim Jong Un ha preso il potere nel 2012.

In questa settimana la Corea del nord ha effettuato un lancio altamente provocatorio lanciando un missile balistico senza preavviso sul Giappone – il primo in cinque anni – spingendo Tokyo a esortare i residenti del nord a ritirarsi nei rifugi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Martedì e mercoledì gli Stati Uniti e la Corea del Sud hanno risposto con lanci di missili ed esercitazioni nella penisola coreana.

Intervenendo mercoledì durante un viaggio in Sud America, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha avvertito che se la Corea del Nord continuerà “su questa strada“, “aumenterà solo la condanna, aumenterà l’isolamento e aumenterà i passi compiuti in risposta alle sue azioni”.

Il mese scorso, le marine statunitensi, giapponesi e sudcoreane hanno condotto esercitazioni congiunte anti-sottomarino nelle acque internazionali al largo della costa orientale della penisola coreana per migliorare la capacità di risposta alle minacce dei sottomarini nordcoreani.

Il gruppo d’attacco della portaerei Reagan così come alcuni cacciatorpediniere della Corea del Sud e del Giappone sono stati coinvolti in quell’esercitazione congiunta, secondo la Marina sudcoreana.

Gli Stati Uniti incolpano la Russia e la Cina per aver incoraggiato Pyongyang

L’ultimo lancio della Corea del Nord è arrivato poche ore dopo un briefing del Consiglio di sicurezza presso la sede delle Nazioni Unite a New York sul suo programma di armi. Parlando al consiglio, l’ambasciatore statunitense alle Nazioni Unite Linda Thomas-Greenfield ha accusato Russia e Cina, senza nominarle, di incoraggiare la Corea del Nord.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La Corea del Nord “ha goduto di una protezione totale da due membri di questo consiglio. Questi due membri hanno fatto di tutto per giustificare le ripetute provocazioni della RPDC e bloccare ogni tentativo di aggiornare il regime delle sanzioni”, ha affermato.

Riferendosi a Russia e Cina, Thomas-Greenfield ha affermato: “Due membri permanenti del Consiglio di sicurezza hanno consentito a Kim Jong Un” di continuare queste provocazioni“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La Cina ha ribattuto che è Washington ad aumentare le tensioni. “Gli Stati Uniti hanno recentemente rafforzato le loro alleanze militari nella regione dell’Asia del Pacifico e intensificato il rischio di un confronto militare nucleare“, ha affermato il vice ambasciatore cinese alle Nazioni Unite Geng Shuang durante una riunione del Consiglio di sicurezza.

Gli Stati Uniti stanno “avvelenando l’ambiente della sicurezza regionale“, ha aggiunto.

Anche la Russia ha accusato gli Stati Uniti. “È ovvio che i lanci di missili da parte di Pyongyang sono stati una risposta alle attività militari di confronto miope degli Stati Uniti“, ha affermato Anna Evstigneeva, vice rappresentante permanente della Russia presso le Nazioni Unite.

Previsti altri test nordcoreani

Gli esperti hanno avvertito che i recenti test della Corea del Nord suggeriscono che un’escalation ancora maggiore dei test sulle armi potrebbe essere all’orizzonte. “La Corea del Nord continuerà a condurre test missilistici fino al completamento dell’attuale ciclo di modernizzazione“, ha detto alla Galileus Web Jeffrey Lewis, direttore del programma di non proliferazione dell’Asia orientale presso il Center for Nonproliferation Studies.

Un test nucleare potrebbe arrivare “in qualsiasi momento“, ha aggiunto.

Funzionari sudcoreani e statunitensi hanno avvertito da maggio che la Corea del Nord si potrebbe stare prepararando per un test nucleare, con immagini satellitari che mostrano attività nel suo sito sotterraneo di test nucleari. Se la Corea del Nord conducesse un test, sarebbe il settimo test nucleare sotterraneo del Paese e il primo in quasi cinque anni.

Articoli più letti