SpaceX e Space Adventures dal 2021 insieme per il turismo spaziale

SpaceX e Space Adventures probabilmente inizieranno ad effettuare voli turistici non appena la capsula Dragon conseguirà la licenza della NASA che autorizza al trasporto di esseri umani nello spazio

1442

SpaceX ha trovato un nuovo partner per i voli commerciali dedicati al turismo spaziale. Sarà, almeno all’inizio, la navicella Dragon Crew il mezzo utilizzato per i voli spaziali turistici.
Il partner scelto da SpaceX è Space Adventures, una società che già da tempo promuove il turismo spaziale e che ha già lanciato nello spazio alcuni astronauti privati, tra cui Anousheh Ansari, Guy Laliberté e Mark Shuttleworth.
Space Adventures ha lavorato, in otto missioni, con sette clienti presso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Per queste missioni spaziali commerciali, sono stati utilizzati posti a pagamento sul razzo russo Soyuz per portare i clienti a destinazione. Questa esperienza già acquisita dimostra che Space Adventures, si trova in una posizione unica nel settore del turismo spaziale commerciale.
Ciò significa che SpaceX e Space Adventures probabilmente inizieranno ad effettuare voli turistici non appena la capsula Dragon conseguirà la licenza della NASA che autorizza al trasporto di esseri umani nello spazio, cosa che dovrebbe realizzarsi dopo la missione DE.MO 2 il prossimo maggio utilizzerà la Dragon Crew per portare due astronauti veterani della NASA fino alla Stazione Spaziale Internazionale. È probabile, quindi, che SpaceX e Space adventures inizieranno a pianificare voli turistici ed a vendere biglietti già nel 2021.
SpaceX, per certificare la capsula Dragon per il volo spaziale con esseri umani a bordo, ha lavorato con la NASA nel programma Commercial Crew. Questo programma ha comportato il collaudo e lo sviluppo della navicella spaziale Crew Dragon per il trasporto degli astronauti alla Stazione Spaziale Internazionale.
Il CEO e fondatore di SpaceX, Elon Musk, ha già parlato in precedenza di turismo spaziale a bordo della Crew Dragon, che può trasportare da quattro a sette passeggeri per volo. Musk e SpaceX hanno già riservato un viaggio turistico per un volo circumlunare al miliardario giapponese Yusaku Maezawa nel 2023, a bordo della astronave in corso di sviluppo e collaudo Starship.
I viaggi di turisti come astronauti privati di Space Adventures su Crew Dragon inizieranno tra la fine del 2021 o il 2022 (probabilmente nello stesso periodo o subito dopo che SpaceX avvierà il servizio regolare di astronauti per la NASA). Il veicolo spaziale decollerà da Cape Canaveral. In realtà, al momento, non sembra che saranno previste visite alla ISS ma saranno missioni che potranno durare, secondo quanto comunicato da SpaceX, fino a cinque giorni e prevederanno lanci bel oltre l’orbita bassa, più in alto rispetto a qualsiasi privato che in passato ha intrapreso un viaggio nello spazio.
Il viaggio, ovviamente, offrirà spettacolari e interessanti vedute della Terra, l’emozione del volo a gravità zero o quasi e la possibilità di mangiare e dormire a bordo della navicella. Da non sottovalutare sarà l’occasione di acquisire le ali di astronauta, concesse a chi vola oltre i 100 chilometri di altezza, là dove, convenzionalmente, finisce l’atmosfera e inizia lo spazio.
I turisti spaziali, oltre a pagare il biglietto per il volo, dovranno sottoporsi ad un addestramento spaciale che si terrà presso lo Space Center di SpaceX.
Non si sa ancora quale sarà il prezzo ma ci si aspetta che sarà abbastanza alto, probabilmente più costoso dei biglietti pagati per salire a bordo del veicolo spaziale della SpaceShipTwo della Virgin Galactic, la compagnia fondata da sir Richard Branson, che, come è noto, per un volo suborbitale (poco oltre i 100 chilometri di quota) di poche ore  chiede un prezzo superiore ai 200.000 dollari.