Secondo gli esperti, la pandemia di COVID-19 non sarà l’ultima

Anthony Fauci, uno dei maggiori esperti mondiali di malattie infettive, prevede che i focolai diffusi accelereranno nei prossimi anni.

15453

Gli esperti avvertono che la pandemia di COVID-19 potrebbe essere solo la prima di una serie di epidemie virali sempre più frequenti, poiché la specie umana è entrata in quella che descrivono come “un’era pandemica“.
Anthony Fauci, uno dei principali immunologi statunitensi e direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID), e David Morens, medico epidemiologo del NIAID, prevedono che focolai diffusi di malattie ed epidemie non faranno che accelerare nei prossimi anni a causa della crescita della popolazione, l’espansione delle aree urbanizzate e l’aumento della deforestazione.
Come parte della ricerca pubblicata il mese scorso sulla rivista scientifica Cell, Fauci e Morens sottolineano che “l’ultimo decennio è stato testimone di esplosioni pandemiche senza precedenti” – citando l’influenza suina, il virus Zika e la febbre Ebola – e suggeriscono che “COVID-19, riconosciuto in ritardo nel 2019 non è che l’ultimo esempio di una pandemia inaspettata, nuova e devastante”.
Si può concludere da questa recente esperienza che siamo entrati in un’era di pandemie“, affermano. “Le cause di questa nuova e pericolosa situazione sono molteplici, complesse e meritano un serio esame“.
Fauci e Morens spiegano che sebbene le malattie infettive emergenti abbiano minacciato gli esseri umani sin dal neolitico, circa 12.000 anni fa, quando i cacciatori-raccoglitori si stabilirono nei villaggi per addomesticare gli animali e coltivare i raccolti, negli ultimi dieci anni si è assistito a un forte aumento del numero di focolai di nuovi coronavirus dopo più di un secolo di assenza.
La maggior parte di questi virus sono, e storicamente sono stati, zoonotici, ovvero originari di un animale, e si diffondono agli esseri umani attraverso un processo noto come “cambio di ospite“. E alcuni dei fattori prevalenti che contribuiscono a questa diffusione hanno a che fare con il comportamento umano.
La crescita della popolazione, l’affollamento, il movimento umano e altri comportamenti che “perturbano l’ambiente o si traducono in nuove nicchie ecologiche create dall’uomo” contribuiscono all’emergere e alla trasmissione di malattie infettive, un problema per una specie così impegnata nella globalizzazione e nella crescita sociale. Fauci e Morens sottolineano che “più diventiamo numerosi come specie, e più viaggiamo, più offriamo opportunità di diffusione a malattie emergenti“.
Fattori ambientali come l’immagazzinamento dell’acqua, lo sgombero dei terreni e i mercati umidi con pollame e altri animali potenzialmente infettivi contribuiscono in modo simile al rischio di epidemie virali, aggiungendo ulteriore peso a ciò che Fauci e Morens descrivono come “un potente argomento che le attività e le pratiche umane sono diventate il determinante chiave dell’emergenza delle malattie“.
Se queste pratiche continueranno, concludono i due scienziati, è probabile che la “COVID-19 sarà solo il più recente esempio di una raffica mortale di emergenze ìdi malattie infettive”.
James Gilkerson, professore di microbiologia veterinaria presso l’Università di Melbourne, ha fatto eco a queste preoccupazioni.
Intervistato dalla rivista VICE News, ha spiegato che “[sebbene] abbiamo sempre avuto epidemie e pestilenze, è il massiccio aumento della mobilità della popolazione che ha portato a un aumento del rischio. Combinate con la distruzione dell’habitat e l’espansione degli esseri umani che utilizzano gran parte della superficie disponibile, questi tre fattori aumenteranno il rischio di future pandemie“.
Il professor Gilkerson ha dichiarato che spera che le società saranno in grado di imparare dalla pandemia di COVID-19 su come ridurre al minimo la diffusione di malattie future, sviluppando allo stesso tempo antibiotici, antivirali e vaccini per mitigare il rischio.
Fauci e Morens avvertono, tuttavia, che a meno che gli esseri umani non apportino cambiamenti significativi al loro comportamento come specie, epidemie mortali come quella di SARS-CoV-2 continueranno quasi inevitabilmente a verificarsi.
Man mano che le società umane crescono in dimensioni e complessità, creiamo una varietà infinita di opportunità per agenti infettivi geneticamente instabili di emergere nelle nicchie ecologiche vuote che continuiamo a creare“, scrivono. “Non c’è niente di nuovo in questa situazione, tranne che ora viviamo in un mondo dominato dall’uomo in cui le nostre alterazioni sempre più estreme dell’ambiente inducono contraccolpi sempre più estremi dalla natura.
Non c’è motivo di pensare che [farmaci e vaccini salvavita] da soli possano superare la minaccia di emergenze sempre più frequenti e mortali di malattie infettive“, aggiungono. “La pandemia di COVID-19 è un altro promemoria … che in un mondo dominato dall’uomo, in cui le nostre attività rappresentano interazioni aggressive, dannose e sbilanciate con la natura, provocheremo sempre più nuove emergenze di malattie.
Ci attende un futuro a rischio“.