Scoperta una nuova e rarissima specie di cavalletta

Scoperta una nuova specie di insetto "incredibilmente raro" appartenente alla famiglia delle Phlogis

0
921

Uno scienziato britannico ha scoperto una nuova specie appartenente a un gruppo di insetti così raro che il suo parente più prossimo è stato avvistato per l’ultima volta nel 1969.
Il Dr. Alvin Helden della Anglia Ruskin University (ARU) ha trovato una nuova specie di cavalletta, che ha chiamato Phlogis kibalensis, durante il lavoro sul campo con gli studenti nella foresta pluviale del Kibale National Park in Uganda occidentale, e la scoperta è stata annunciata sulla rivista Zootaxa.

In realtà le cavallette sono dette Celiferi, e possono, in linea generica anche indicare i membri delle famiglie Tetrigidae (cavallette nane) e Acrididae (dette locuste), appartenenti al presente sottordine celiferi.

220px Tetrix.undulata4. .lindsey
Scoperta una nuova e rarissima specie di cavalletta – Tetrigidae

Con essi troviamo anche la cavalletta verde Tettigonia viridissima (Tettigoniidae), che è quella più comune ed è appartenente al secondo sottordine degli ortotteri, gli Ensifera.

Questo nuovo esemplare, che ha una particolare lucentezza metallica, un corpo butterato e, come la maggior parte delle cavallette, organi riproduttivi maschili di forma unica – in questo caso parzialmente a forma di foglia – appartiene a un gruppo, o genere, chiamato Phlogis.

Scoperta una nuova specie di insetti appartenenti alla famiglia delle Phlogis kibalensis

Anteriormente a questa nuova ricerca, l’ultimo avvistamento di una cavalletta di questo raro genere era stato registrato nella Repubblica Centrafricana nel 1969.



Le cavallette sono strettamente legate alle cicale, ma sono molto più piccole, con il maschio della specie Phlogis kibalensis appena scoperta lungo solo 6,5 mm. Le cavallette si nutrono principalmente della linfa delle piante, succhiata direttamente dal floema, e sono prede di invertebrati, tra cui ragni, coleotteri e vespe parassite, oltre che di uccelli.

Il dottor Helden, membro del gruppo di ricerca di ecologia applicata all’Università Anglia Ruskin (ARU), ha detto:

“Trovare questa nuova specie è un risultato che capita una volta nella vita, in particolare perché il suo parente più prossimo è stato trovato per l’ultima volta in un altro paese più di 50 anni fa. Sapevo che era qualcosa di molto speciale non appena l’ho individuato”.

Le cavallette di questo genere, e la più ampia famiglia, hanno un aspetto molto insolito e si trovano raramente. In effetti, sono così incredibilmente rare che la loro biologia rimane quasi completamente sconosciuta, e non sappiamo quasi nulla di Phlogis kibalensis, la nuova specie che ho trovato, compreso di quali piante si nutre o il suo ruolo nell’ecosistema locale”.

Le specie rare potrebbero vivere ovunque, tuttavia …

C’è ancora così tanto da scoprire, non solo su questa specie ma su tante altre, comprese le molte specie che sono ancora in attesa di essere conosciute. È incredibilmente triste pensare che alcune specie si estingueranno prima ancora che siamo consapevoli della loro esistenza“.
Ci sono alcuni posti meravigliosi, come il Kibale National Park in Uganda, dove la fauna selvatica sopravvive, ma al di fuori dei parchi nazionali e delle riserve, la quantità di foresta pluviale che è stata abbattuta nei tropici è devastante. Le specie rare potrebbero vivere ovunque, ma la deforestazione significa che è inevitabile che perderemo delle specie prima di averle scoperte”.

Il Dr. Alvin Helden e le conclusioni su altre specie e sulla Phlogis kibalensis

Il Dr. Helden ha guidato le gite degli studenti nel Parco Nazionale di Kibale, vicino al confine dell’Uganda con la Repubblica Democratica del Congo, dal 2015. Come parte del lavoro, ha documentato gli insetti che si trovano all’interno del parco, e ha prodotto delle guide illustrate sulle farfalle di Kibale, sulle falene e sui coleotteri tartaruga.

Il Dr. Helden ha aggiunto: “Ho fotografato gli insetti nel Parco Nazionale di Kibale per molti anni, e ora abbiamo iniziato a raccogliere questi in guide fotografiche sul campo perché volevamo restituire qualcosa alla gente dell’Uganda, che è stata così ospitale con la Anglia Ruskin University durante i nostri viaggi sul campo”.

2