Scoperta super-Terra TOI-715 b: potrebbe ospitare l’acqua?

Un team internazionale di scienziati guidato da Georgina Dransfield dell'Università di Birmingham ha scoperto la Super-Terra TOI-715 b abbastanza vicina a noi, a soli 137 anni luce di distanza

0
146
super-Terra TOI-715 b

Una “super-Terra”, denominata TOI-715 b, orbita attorno a una piccola stella rossastra che è, per gli standard astronomici, abbastanza vicina a noi, a soli 137 anni luce di distanza. Lo stesso sistema potrebbe anche ospitare un secondo pianeta delle dimensioni della Terra.

super-Terra TOI-715 b

Super-Terra TOI-715 b: cosa significa la sua scoperta?

La super-Terra TOI-715 b è circa una volta e mezza più largo della Terra e orbita all’interno della zona abitabile “conservativa” attorno alla sua stella madre. Si tratta della distanza dalla stella che potrebbe fornire al pianeta la giusta temperatura affinché si formi acqua sulla sua superficie.

Naturalmente, affinché l’acqua superficiale sia presente, dovrebbero concorrere molti altri fattori, soprattutto con un’atmosfera adatta. Ma la zona abitabile conservativa, una definizione più ristretta e potenzialmente più robusta rispetto alla più ampia zona abitabile “ottimistica”, colloca la super-Terra TOI-715 b in una posizione privilegiata, almeno secondo le misurazioni approssimative effettuate finora.

Il pianeta più piccolo potrebbe essere solo leggermente più grande della Terra e potrebbe anche trovarsi proprio all’interno della zona abitabile conservativa.



Gli astronomi stanno iniziando a scrivere un capitolo completamente nuovo nella nostra comprensione degli esopianeti, pianeti oltre il nostro sistema solare. I più recenti strumenti spaziali, compresi quelli a bordo del James Webb Space Telescope della NASA, sono progettati non solo per rilevare questi mondi lontani, ma per rivelare alcune delle loro caratteristiche. Questo include la composizione delle loro atmosfere, che potrebbe offrire indizi sulla possibile presenza di vita.

La super-Terra TOI-715 b, potrebbe fare la sua comparsa proprio al momento giusto. La sua stella madre è una nana rossa, più piccola e più fredda del nostro Sole. È noto che alcune di queste stelle ospitano piccoli mondi rocciosi. Al momento, rappresentano la soluzione migliore per trovare pianeti abitabili.

Super-Terra TOI-715 b

Questi pianeti compiono orbite molto più vicine di quelle attorno a stelle come il nostro Sole, ma poiché le nane rosse sono più piccole e più fredde, i pianeti possono affollarsi più vicini e rimanere comunque al sicuro all’interno della zona abitabile della stella.

Le orbite più strette significano anche che quelle che attraversano le loro stelle, cioè, se viste dai nostri telescopi spaziali, si incrociano molto più spesso. Nel caso del pianeta b, si tratta di una volta ogni 19 giorni, un “anno” su questo strano mondo.

Quindi questi pianeti che attraversano le stelle (“in transito”) possono essere rilevati più facilmente e osservati più frequentemente. Questo è il caso di TESS (Transiting Exoplanet Survey Satellite), che ha trovato la super-Terra TOI-715 b e ha aggiunto alle scorte degli astronomi di esopianeti della zona abitabile sin dal suo lancio nel 2018. Osservando tali transiti, ad esempio, per un pianeta delle dimensioni della Terra intorno a una stella simile al Sole (e in attesa di un anno terrestre, 365 giorni, per catturare un altro transito) va oltre la capacità dei telescopi spaziali esistenti.

Super-Terra TOI-715 b

La super-Terra TOI-175 b si aggiunge all’elenco dei pianeti della zona abitabile che potrebbero essere esaminati più da vicino dal telescopio Webb, forse anche per individuare segni di atmosfera.

Molto dipenderà dalle altre proprietà del pianeta, tra cui quanto è massiccio e se può essere classificato come un “mondo acquatico”, rendendo la sua atmosfera, se presente, più prominente e molto meno difficile da rilevare rispetto a quella di un pianeta più massiccio e denso, un mondo più secco, che probabilmente manterrà la sua atmosfera di basso profilo più vicina alla superficie.

Un team internazionale di scienziati guidato da Georgina Dransfield dell’Università di Birmingham, Regno Unito, ha pubblicato un articolo nel gennaio 2024 sulla loro scoperta della super-Terra TOI-175 b nella rivista “Monthly Notice of the Royal Astronomical Society”. Una serie internazionale di strutture utilizzate per confermare il pianeta ha incluso Gemini-South, i telescopi dell’Osservatorio Las Cumbres, i telescopi ExTrA, la rete SPECULOOS e il telescopio TRAPPIST-south.

2