14.6 C
Rome
sabato, Dicembre 3, 2022
HomeTecnologiaLetta una lettera sigillata 300 anni fa senza aprirla

Letta una lettera sigillata 300 anni fa senza aprirla

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Il contenuto di una lettera manoscritta rimasta sigillata per 300 anni non è più un segreto, grazie a una tecnica che permette agli studiosi di sbirciare all’interno virtualmente e senza danneggiare il documento storico. 

Nella lettera, datata 31 luglio 1697, Jacques Sennacques chiede a suo cugino Pierre Le Pers, un mercante francese dell’Aia, una copia autentica di un certificato di morte per Daniel Le Pers. Non è una rivelazione storica, ma la tecnica utilizzata potrebbe essere promettente conoscere il contenuto di documenti storici sigillati che potrebbe contenere notizie inedite.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La lettera

La lettera di Sennacques fu sigillata utilizzando un processo chiamato “letterlocking“, una complessa tecnica di piegatura utilizzata a livello globale per proteggere la posta prima dell’invenzione delle buste. Una specie di antica tecnica di crittografia: le lettere sigillate in questo modo non potevano essere aperte senza essere strappate e gli strappi indicavano che una nota era stata manomessa prima di raggiungere il destinatario previsto. 

“Il letterlocking è stato un’attività quotidiana per secoli, attraverso culture, confini e classi sociali”, ha affermato Jana Dambrogio, conservatore presso le biblioteche del MIT e uno degli autori di un articolo pubblicato martedì sulla rivista Nature Communications che descrive in dettaglio il tecnica di apertura virtuale. 

Nessun foglio è stato danneggiato durante la lettura di questa lettera: è stato spiegata virtualmente. Nature Communications

Il letterlocking ha svolto un ruolo fondamentale nella protezione delle comunicazioni fisiche prima dell’era della moderna crittografia digitale. Alcuni dei primi esempi di queste lettere si trovano negli Archivi Segreti Vaticani risalenti al 1494. I ricercatori avrebbero potuto semplicemente strappare la lettera, ma volevano conservare tutte le sue pieghe, che a loro volta costituiscono prove sulle pratiche di comunicazione. 

“Questa ricerca ci porta direttamente nel cuore di una lettera chiusa”, ha detto Dambrogio in una nota

Per aprire la lettera, un team interdisciplinare di ricercatori del MIT e del King’s College di Londra ha utilizzato macchine a raggi X avanzate progettate per l’odontoiatria per produrre scansioni 3D ad alta risoluzione che hanno mostrato esattamente come è configurata la carta. Un algoritmo computazionale automatizzato sviluppato da uno studente del MIT ha quindi prodotto immagini leggibili del contenuto della lettera e intricati schemi di pieghe. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Il dispiegamento virtuale è un processo computazionale che analizza le scansioni TC dei pacchetti di lettere piegati  e crea un’immagine appiattita del loro contenuto”, ha spiegato il team. “La nostra pipeline di sviluppo virtuale genera una ricostruzione 3D della lettera piegata, una corrispondente ricostruzione 2D che la rappresenta aperta e le immagini piatte sia della superficie … che del modello di piega di ogni lettera”. 

Letta una lettera sigillata 300 anni fa senza aprirla
Letta una lettera sigillata 300 anni fa senza aprirla

Algoritmi di calcolo erano già stati applicati con successo alle scansioni di rotoli, libri e documenti con una o due pieghe. Ma la complessità di documenti piegati con la tecnica del letterlocking poneva sfide più importanti. 

La lettera proveniva dalla Brienne Collection, un baule di legno di un direttore delle poste europeo che conteneva 3.148 articoli, tra cui 577 lettere mai aperte. Il team di ricerca ha sbloccato diverse lettere utilizzando la nuova tecnica. 

Un esempio importante sono le centinaia di articoli non aperti tra le 160.000 lettere non consegnate nei Prize Papers, un archivio di documenti confiscati dagli inglesi alle navi nemiche tra il XVII e il XIX secolo”, si legge nello studio. “Se questi potranno essere letti senza aprirli fisicamente, potrebbe essere possibile recuperare informazioni molto rare”.

Articoli più letti