Straordinaria scansione a grandezza naturale del Titanic – video

La prima scansione digitale a grandezza naturale del Titanic ha rivelato il naufragio più famoso al mondo con dettagli "sorprendenti" mai visti prima

0
3445
Straordinaria scansione a grandezza naturale del Titanic
Straordinaria scansione a grandezza naturale del Titanic

La prima scansione digitale a grandezza naturale del Titanic ha rivelato il naufragio più famoso al mondo con dettagli “sorprendenti” mai visti prima.

Incrostato di fango e circondato da acque nere come la pece, il relitto corroso del Titanic è stato scansionato dai sommergibili utilizzando la mappatura delle profondità marine per creare “un esatto ‘gemello digitale'” che gli esperti useranno per far luce sulle ultime ore della nave sopra l’acqua.

Il naufragio del Titanic

Dopo essere stata colpita da un iceberg appena quattro giorni dopo il suo viaggio inaugurale da Southampton, in Inghilterra, a New York City nell’aprile 1912, la nave si tuffò nel suo attuale luogo di riposo a 12.500 piedi (3.800 metri) sotto la superficie nel Nord Atlantico, a circa 370 miglia nautiche (690 chilometri) a sud di Terranova, in Canada. Dei 2.240 passeggeri e dell’equipaggio della nave, più di 1.500 persone persero la vita in seguito al catastrofico incidente.

I resti della nave affondata furono scoperti inaspettatamente durante una missione segreta della Guerra Fredda nel 1985. Da allora, i subacquei hanno esplorato il relitto diverse volte, fotografando artefatti lasciati nel caos dell’affondamento della nave.

Ora la nuova scansione, che mostra l’intera nave non oscurata dall’acqua cupa, può aiutare gli scienziati a capire meglio come ha virato nell’iceberg e come è affondata.



“Questo modello consentirà alle persone di rimpicciolire e guardare l’intera nave per la prima volta. Quindi, grazie a questo modello 3D, ciò che siamo stati in grado di fare è visualizzare il relitto in un modo completamente nuovo, si possono vedere tutti i tipi di piccoli e sorprendenti dettagli”, ha dichiarato Gerhard Seiffert, uno specialista di immagini 3D presso la società di mappatura di acque profonde Magellan che ha condotto la scansione insieme ai cineasti Atlantic Productions.

“Questo è il Titanic come nessuno l’aveva mai visto prima”, ha aggiunto Seiffert.

I ricercatori hanno creato la scansione senza precedenti unendo più di 715.000 immagini sonar del relitto con riprese video 4K, effettuate durante più di 200 ore di rilevamento con due sommergibili chiamati “Romeo” e “Juliet”.

Il modello mappa la nave con precisione millimetrica, rivelando i singoli rivetti; il numero di serie della nave; e il campo di detriti lungo 3 miglia (5 km) che circonda la nave.

Una vista completa del Titanic, con una fessura visibile tra la prua e la poppa della nave.(Credito immagine: Atlantic Productions/Magellan)
Una vista completa del Titanic, con una fessura visibile tra la prua e la poppa della nave.(Credito immagine: Atlantic Productions/Magellan)

Per gli esperti che studiano il relitto, la scansione arriva giusto in tempo. La nave si sta lentamente disintegrando mentre i microbi delle profondità marine si nutrono del suo scafo di ferro e le precedenti operazioni di salvataggio hanno causato danni accidentali alla nave. Ad esempio, un’operazione condotta nel 2019 dalla società RMS Titanic Inc. ha distrutto il nido di corvi della nave durante il recupero della sua campana.

“Ho studiato il Titanic per 20 anni, ma questo è un vero punto di svolta”, ha dichiarato Parks Stephenson, un esperto di Titanic. “Abbiamo dati reali che gli ingegneri possono utilizzare per esaminare i veri meccanismi dietro la rottura e l’affondamento della nave e quindi avvicinarsi ancora di più alla vera storia del disastro del Titanic. Per la prossima generazione di esplorazione, ricerca e analisi del Titanic, questo è l’inizio di un nuovo capitolo”, ha concluso.

2