La sonda spaziale Voyager 1 è stata lanciata dalla Terra nel settembre 1977 e ora si trova a circa 23,5 miliardi di chilometri di distanza da casa e oltre. Ma nonostante la distanza strabiliante, gli scienziati della NASA hanno appena eseguito un lavoro di riparazione sulla navicella spaziale.

Da maggio, Voyager 1 ha inviato informazioni confuse dal suo sistema di articolazione e controllo dell’assetto (AACS), che è la parte della sonda che assicura che la sua antenna sia puntata verso la Terra.

Sebbene il resto della sonda abbia continuato a comportarsi normalmente, le informazioni che ha inviato sulla sua salute e sulle sue attività non avevano alcun senso. Attraverso un cambiamento nel modo in cui i dati vengono restituiti da Voyager 1, il problema è stato risolto.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Siamo felici di riavere la telemetria“, afferma Suzanne Dodd, project manager di Voyager presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA in California.

Gli scienziati sono stati in grado di capire che il veicolo spaziale aveva iniziato a trasmettere dati attraverso un computer di bordo che si riteneva avesse smesso di funzionare anni fa. Il team della NASA ha ordinato alla Voyager 1 di tornare al computer corretto per le comunicazioni.

Quello che non sappiamo ancora è il motivo per cui Voyager 1 ha deciso di iniziare a cambiare il modo in cui inviava i dati al suo pianeta natale. La spiegazione più probabile è un comando errato generato da qualche altra parte sui sistemi elettronici della sonda.

Ciò a sua volta suggerisce che c’è un altro problema da qualche altra parte, altrimenti il ​​cambio di computer non sarebbe mai avvenuto. Tuttavia, il team di Voyager 1 è fiducioso che la salute a lungo termine del veicolo spaziale non sia minacciata.

Faremo una lettura completa della memoria dell’AACS e esamineremo tutto ciò che sta facendo“, afferma Dodd. “Questo ci aiuterà a provare a diagnosticare il problema che ha causato il problema di telemetria“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Voyager 1 e Voyager 2 (che in realtà è stato lanciato un mese prima del suo gemello) hanno viaggiato così lontano in 45 anni che ora sono entrambi oltre il punto noto come eliopausa, dove i venti solari non possono più essere percepiti e lo spazio è ufficialmente considerato interstellare.

Nonostante Voyager 1 abbia spento alcuni dei suoi sistemi e abbia ormai perso alcune funzionalità, e anche Voyager 2 abbia bisogno di risolvere un po’ di problemi, entrambe le sonde continuano a inviare dati sulla Terra, anche se un messaggio può richiedere circa due giorni per percorrere la distanza richiesta.

La navicella spaziale ha inviato immagini passando vicino a Giove, Saturno, Urano, Nettuno e Plutone, e negli ultimi anni ha continuato a registrare e analizzare le strane e meravigliose esperienze che sta vivendo nello spazio.

Voyager 1 non ha attivato la sua routine di “modalità sicura”, il che suggerisce che non rileva nulla di difettoso e il segnale del veicolo spaziale non si è indebolito. Se tutto va bene, potrà continuare a inviare dati per molti anni a venire.

Siamo cautamente ottimisti, ma abbiamo ancora altre indagini da fare“, afferma Dodd.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Puoi tenere traccia della sonda sul sito Web dedicato dalla NASA allo stato della missione di Voyager.