Rinvenuta un’antica mummia precedente all’epoca dei faraoni

Un'antica mummia rivela che l'imbalsamazione nell'antico Egitto precede i faraoni. Ciò significherebbe che la pratica è iniziata almeno 1.500 anni prima di quanto si pensasse

0
1634

Un’antica mummia rivela che l’imbalsamazione nell’antico Egitto precede i faraoni. Ciò significherebbe che la pratica è iniziata almeno 1.500 anni prima di quanto si pensasse.

La mummia – un maschio adulto rannicchiato sul lato sinistro in posizione fetale – ha circa 6000 anni. In precedenza si pensava che fosse naturalmente protetto dalle condizioni del deserto nel luogo in cui era sepolto. Ma i primissimi test effettuati sui resti hanno mostrato che la mummia era stata imbalsamata, rendendolo il primo esempio conosciuto di mummificazione egiziana, secondo i ricercatori in un nuovo studio.

L’antica mummia custodisce la ricetta dell’imbalsamazione

Un esame più attento ha rivelato che gli antichi balsami usavano più ingredienti per preservare il cadavere, usando una ricetta simile a quella di 2.500 anni dopo, quando la mummificazione in Egitto era al suo apice. 

La mummia è stata scoperta in Egitto più di un secolo fa. La posizione esatta è sconosciuta, anche se si pensa che provenga dall’antica città meridionale di Gebelein sul fiume Nilo e rappresenti un uomo che aveva circa 20-30 anni quando morì, hanno riferito gli scienziati. La mummia è stata ottenuta nel 1901 dal Museo Egizio di Torino, in Italia, e risale dal 3700 a.C. al 3500 a,C, secondo lo studio.

Né il commerciante che ha venduto la mummia né il museo in mostra hanno mai applicato alcun tipo di trattamento di conservazione ai fragili resti, “quindi presenta un’opportunità unica per l’analisi”, hanno scritto i ricercatori.



Dopo l’imbalsamazione, le spoglie venivano avvolte nel lino, deposte in una fossa poco profonda e circondate da oggetti funerari.

L'antica mummia custodisce la ricetta dell'imbalsamazione
L’antica mummia custodisce la ricetta dell’imbalsamazione

In precedenza, gli scienziati avevano analizzato frammenti di tutori mammari provenienti da un’altra posizione, risalenti all’incirca allo stesso periodo della mummia di Torino, e hanno trovato tracce di composti che suggeriscono procedure di imbalsamazione. Ma la mummia di Torino ha offerto ai ricercatori una rara opportunità di cercare prove simili su un corpo conservato, ha detto l’autrice principale dello studio Jana Jones, ricercatrice nel dipartimento di storia antica della Macquarie University di Sydney, in Australia, durante un briefing di notizie.

I ricercatori hanno campionato frammenti di lino dal busto e dal polso destro della mummia, nonché da un cesto intrecciato sepolto accanto ai resti. Oli vegetali e grassi animali permeavano l’antico tessuto e gli scienziati hanno collaborato con una “ricetta” per l’imbalsamazione dei composti che hanno trovato, tra cui zucchero o gomma, resina di conifere, estratti di piante aromatiche e agenti antibatterici. Questi ingredienti erano nelle stesse proporzioni di quelli trovati nei balsami usati durante il periodo dinastico, secondo lo studio.

La mummia rinvenuta è così vecchia che precede anche la lingua scritta (la prima prova conosciuta di scrivere date a circa 3400 a.C). Quindi, è probabile che le istruzioni per l’imbalsamazione siano state conservate oralmente “e tramandate di generazione in generazione”, ha affermato Jones durante il briefing.

Non solo la mummia ha confermato che gli egiziani preistorici imbalsamavano i loro morti, ma ha collocato la procedura in più di un luogo: gli involucri funerari descritti dagli scienziati nel 2014 sono stati trovati a circa 200 chilometri da dove è stata probabilmente trovata la mummia di Torino. 

Respingendo gli inizi dell’imbalsamazione egiziana di oltre un millennio, le nuove scoperte offrono indizi allettanti sul comportamento sociale, le credenze religiose e l’esperienza scientifica nelle comunità preistoriche della regione, ha affermato Jones.

“Avevano una credenza ben sviluppata nell’aldilà: volevano che i loro corpi fossero preservati”, ha spiegato. “E avevano una buona conoscenza della scienza che è andata a preservare il corpo.”

2