Rilevato un megamaser a 5 miliardi di anni luce di distanza

I ricercatori hanno scoperto un potente laser a onde radio, chiamato "megamaser"

6438

Un team internazionale di astronomi guidato dal dott. Marcin Glowacki, che in precedenza ha lavorato presso l’Istituto interuniversitario di astronomia intensiva e l’Università del Capo Occidentale in Sud Africa, ha fatto un’impressionante scoperta a 5 miliardi di anni luce di distanza, secondo in una dichiarazione rilasciata giovedì dall’istituzione.

Utilizzando il telescopio MeerKAT in Sud Africa, i ricercatori hanno scoperto un potente laser a onde radio, chiamato “megamaser“, che è il megamaser più distante mai rilevato nel suo genere. La sua luce ha percorso 58 miliardi di miliardi di miliardi (58 seguiti da 21 zeri) di chilometri fino alla Terra.

Quando le galassie si scontrano…

Come è successo? I megamaser si verificano quando due galassie si scontrano violentemente nell’Universo.

Quando le galassie si scontrano, il gas che contengono diventa estremamente denso e può innescare l’emissione di fasci di luce concentrati“, ha detto Glowacki. “Questo è il primo megamaser idrossile del suo genere osservato da MeerKAT e il più lontano visto da qualsiasi telescopio fino ad oggi. È impressionante che, con una sola notte di osservazioni, abbiamo già trovato un megamaser da record. Questo dimostra la qualità del telescopio“.

I ricercatori hanno chiamato l’oggetto “Nkalakatha” [pronunciato ng-kuh-la-kuh-tah], una parola isiZulu che significa “grande capo” e hanno ulteriormente sottolineato quanto sia stato impressionante trovare l’oggetto da record in una sola notte di osservazioni.

Una sola notte di osservazioni

È impressionante che in una sola notte di osservazioni con MeerKAT, abbiamo già trovato un megamaser da record. L’intero sondaggio LADUMA di oltre 3000 ore sarà il più sensibile del suo genere“, ha affermato Glowacki in una dichiarazione dell’Università del  Capo Occidentale.  LADUMA è il progetto su cui Glowacki e il suo team stanno attualmente lavorando e sta per Looking at the Universo lontano con l’array Meerkat.

Successivamente, il team ha cercato di esplorare da dove provenisse il megamaser. Fortunatamente, la porzione di cielo esplorata dal team LADUMA è stata osservata nei raggi X, nella luce ottica e nell’infrarosso, rendendo facile individuare la galassia ospite dell’oggetto.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ora il loro lavoro continuerà poiché l’oggetto celeste ha ancora molti misteri da svelare. “Abbiamo già pianificato osservazioni di follow-up del megamaser e, man mano che LADUMA progredisce, faremo molte altre scoperte“, ha concluso Glowacki.

Advertisement
Advertisement