Raven, un drone per i rover esploratori – video

La NASA sta per far atterrare un drone elicottero su Marte ma già sta progettando il successore

258

La NASA sta per far atterrare un elicottero su Marte ma sta già progettando il suo successore.

Giovedì 18 febbraio 2021, il rover Mars 2020 Perseverance della NASA atterrerà nel cratere Jezero, su Marte, che si pensa sia un antico letto di fiume. Legato alla sua pancia c’è un piccolo drone chiamato “Ingenuity” che è destinato a compiere diversi brevi voli.

Diventerà il primo veicolo a volare su un altro pianeta.

Tuttavia, “Ingenuity” è solo un dimostratore tecnologico ed è programmato solo per alcuni brevi voli di prova a energia solare nel corso di un mese.

Il passo successivo si chiama RAVEN, che sta per Rover – Aerial Vehicle Exploration Networks (RAVEN), un concetto di esplorazione di nuova generazione che ha appena ricevuto una sovvenzione della NASA da 3,1 milioni di dollari.

Cos’è Ingenuity

È un velivolo a tre rotori autonomo, un drone, del peso di 1,8 chilogrammi che diventerà molto presto la prima macchina in assoluto a realizzare il volo a motore su un altro pianeta del Sistema Solare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---


Le sue quattro pale in fibra di carbonio, disposte in due rotori, gireranno in direzioni opposte a circa 2.400 giri al minuto, molte volte più veloci di quanto richiesto sulla Terra, questo perché l’atmosfera di Marte è meno densa del 99% rispetto a quella della Terra.

Il piano della NASA è di schierarlo sulla superficie marziana nei primi 90 giorni della missione, quindi tentare un volo.

Cosa farà Ingenuity su Marte?

Dopo alcuni voli molto brevi volerà sempre più in alto nel tentativo di vedere cosa c’è davanti al rover Perseverance.

Ha anche una fotocamera a colori, quindi dovrebbe anche essere in grado di ottenere immagini del rover Perseverance sulla superficie di Marte.

Cos’è RAVEN?

RAVEN è un concetto di esplorazione planetaria di prossima generazione che cercherà di basarsi sull’imminente missione della NASA Mars 2020 e, si spera, renderà la combinazione “rover + drone” il modo predefinito per esplorare la superficie di un pianeta.

RAVEN è basato su una nuova tecnologia davvero interessante:

  • RAVEN Claw: un prototipo di dispositivo di cattura collegato a un drone in grado di raccogliere pietre o raccogliere sabbia e portare i campioni prelevati al rover.
  • Lidar (Light Detection and Ranging): un metodo di rilevamento remoto per misurare le distanze utilizzando la luce laser. RAVEN creerà modelli di terreno 3D generati dal computer per gli ingegneri sulla Terra per aiutare a decidere dove inviare il rover.
  • Fotocamera iperspettrale: questa consentirà a RAVEN di vedere la luce in molte lunghezze d’onda, il che renderà più facile inviare il rover nei luoghi più interessanti della superficie marziana.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Perché RAVEN è importante?

Quando la NASA esplora un oggetto precedentemente non visitato nel Sistema Solare, si avvicina ad esso in quattro fasi: sorvolo, orbita, atterraggio e poi esplorazione. “Con RAVEN, stiamo aggiungendo “sorvolo” alla lista“, ha spiegato Christopher Hamilton, professore associato presso il Lunar and Planetary Laboratory dell’Università dell’Arizona, che supervisiona un team di 20 scienziati e ingegneri coinvolti nel progetto RAVEN.

L’intero concetto è davvero orientato alla costruzione di nuove tecnologie e procedure che permettano a due robot di lavorare insieme su un corpo extraterrestre“, ha detto Hamilton. “Vedremo come un rover e un drone possono lavorare insieme per massimizzare la produzione scientifica di una tale missione“.

Perché un assistente drone è vantaggioso per i rover

Uno dei problemi su Marte è come navigare su terreni vulcanici relativamente giovani che hanno superfici troppo ruvide per essere attraversate da un rover. RAVEN esplorerà il percorso migliore in avanti e raccoglierà e restituirà anche campioni remoti da siti inaccessibili.

I terreni vulcanici offrono obiettivi interessanti per l’esplorazione a causa del loro potenziale di generare sistemi idrotermali abitabili, che potrebbero supportare o preservare la vita microbica“, ha detto Hamilton. “RAVEN renderebbe tali luoghi accessibili“.