12 C
Rome
sabato, Dicembre 3, 2022
HomeEcologia e AmbienteIl rallentamento di una corrente nell'Oceano Atlantico si ripercuoterebbe in tutto il...

Il rallentamento di una corrente nell’Oceano Atlantico si ripercuoterebbe in tutto il mondo

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Il cambiamento climatico sta rallentando il nastro trasportatore delle correnti oceaniche che porta l’acqua calda dai tropici fino al Nord Atlantico.

Una nuova ricerca, pubblicata su Nature Climate Change, esamina le profonde conseguenze che si verificheranno sul clima globale se questo trasportatore atlantico collasserà completamente.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Secondo lo studio, il collasso di questo sistema – chiamato circolazione di ribaltamento meridionale dell’Atlantico – sposterebbe il clima della Terra in uno stato simile a quello che provoca La Niña nel Pacifico meridionale. Ciò significherebbe più piogge alluvionali sull’Australia orientale e peggiori siccità e stagioni di incendi boschivi nel sud-ovest degli Stati Uniti.

Il cambiamento climatico ha caricato la nostra atmosfera di aria più umida, mentre per due estati La Niña ha riscaldato l’oceano a nord dell’Australia. Questo ha contribuito ad alcune delle condizioni più piovose mai sperimentate, con inondazioni da record nel New South Wales e nel Queensland.

Nel frattempo, nel sud-ovest del Nord America, una siccità record e gravi incendi boschivi ha messo a dura prova i servizi di emergenza e l’agricoltura, con i soli incendi del 2021 che si stima siano costati almeno 70 miliardi di dollari.

Il clima terrestre è dinamico, variabile e in continua evoluzione. Ma la nostra attuale traiettoria di emissioni ininterrotte di gas serra sta dando all’intero sistema un calcio gigantesco che avrà conseguenze incerte, conseguenze che riscriveranno la nostra descrizione da manuale della circolazione oceanica del pianeta e del suo impatto.

La circolazione di ribaltamento dell’Atlantico meridionale comprende un flusso massiccio di acqua tropicale calda che, incanalandosi verso il Nord Atlantico aiuta a mantenere il clima europeo mite, consentendo ai tropici la possibilità di perdere il calore in eccesso. Un equivalente capovolgimento delle acque antartiche si trova nell’emisfero australe.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I record climatici che risalgono a 120.000 anni fa rivelano che la circolazione di ribaltamento dell’Atlantico si è interrotta, o drammaticamente rallentata, durante le ere glaciali. Questa circolazione delle correnti calde accende e placa il clima europeo durante i cosiddetti “periodi interglaciali“, quando il clima terrestre è più caldo.

Da quando la civiltà umana è iniziata circa 5.000 anni fa, il ribaltamento dell’Atlantico è stato relativamente stabile. Ma negli ultimi decenni è stato rilevato un rallentamento e questo ha preoccupato gli scienziati.

Perché il rallentamento? Una conseguenza inequivocabile del riscaldamento globale è lo scioglimento delle calotte polari in Groenlandia e in Antartide. Quando queste calotte polari si sciolgono scaricano enormi quantità di acqua dolce negli oceani, rendendo l’acqua più dinamica e riducendo l’affondamento di acqua densa alle alte latitudini.

Solo intorno alla Groenlandia, negli ultimi 20 anni si sono sciolti ben 5 trilioni di tonnellate di ghiaccio. Questo tasso di fusione è destinato ad aumentare nei prossimi decenni se il riscaldamento globale continuerà senza sosta.

Un crollo delle circolazioni del Nord Atlantico e dell’Antartico altererebbe profondamente l’anatomia degli oceani del mondo. Li renderebbe più freschi in profondità, li impoverirebbe di ossigeno e farebbe morire di fame l’oceano superiore interrompendo la risalita dei nutrienti dal fondo quando le acque profonde riemergono dall’abisso oceanico. Le implicazioni per gli ecosistemi marini sarebbero profonde.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Con lo scioglimento dei ghiacci della Groenlandia già ben avviato, gli scienziati stimano che il ribaltamento dell’Atlantico sia al suo punto più debole almeno nell’ultimo millennio, con previsioni di un futuro collasso nei prossimi secoli se le emissioni di gas serra non saranno controllate.

Le conseguenze di un rallentamento

Il nuovo studio, ha utilizzato un modello globale completo per esaminare come sarebbe il clima terrestre sotto un tale collasso. Si è simulato la disattivazione del ribaltamento dell’Atlantico applicando una massiccia anomalia dell’acqua di disgelo al Nord Atlantico, quindi l’hanno confrontata con una corsa equivalente senza l’applicazione dell’acqua di disgelo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’obiettivo era guardare oltre i ben noti impatti regionali in Europa e Nord America e verificare come il clima terrestre sarebbe cambiato in località remote, fino all’Antartide.

La prima cosa che le simulazioni del modello hanno rivelato è che senza il ribaltamento dell’Atlantico, si verifica un enorme accumulo di calore appena a sud dell’Equatore. Questo eccesso di calore tropicale dell’Atlantico spinge aria più calda e umida nella troposfera superiore (a circa 10 chilometri nell’atmosfera), facendo scendere l’aria secca sul Pacifico orientale.

L’aria discendente rafforza quindi gli alisei, che spingono l’acqua calda verso i mari indonesiani. E questo aiuta a portare il Pacifico tropicale in uno stato simile a La Niña.

Gli australiani possono pensare alle estati di La Niña come fresche e umide. Ma sotto la tendenza al riscaldamento a lungo termine del cambiamento climatico, il loro impatto peggiore sarà la pioggia battente, specialmente a est.

Un arresto del ribaltamento dell’Atlantico meridionale si farebbe sentire fino all’Antartide. L’aumento dell’aria calda sul Pacifico occidentale attiverebbe cambiamenti di vento che si propagherebbero a sud fino all’Antartide. Ciò approfondirebbe il sistema atmosferico di bassa pressione sul Mare di Amundsen, che si trova al largo dell’Antartide occidentale.

Questo sistema a bassa pressione è noto per influenzare lo scioglimento della calotta glaciale e della piattaforma di ghiaccio, nonché la circolazione oceanica e l’estensione del ghiaccio marino fino all’estremo ovest del Mare di Ross.

Un nuovo ordine mondiale

In nessun momento nella storia della Terra, meteoriti giganti e supervulcani a parte, il nostro sistema climatico è stato scosso da cambiamenti nella composizione del gas atmosferico come quello che stiamo imponendo oggi dalla nostra incessante combustione di combustibili fossili.

Gli oceani sono il volano del clima terrestre, rallentando il ritmo del cambiamento assorbendo calore e carbonio in grandi quantità. Ma c’è un prezzo, cioè l’innalzamento del livello del mare, lo scioglimento dei ghiacci e un significativo rallentamento dell’Atlantico che capovolge la circolazione entro questo secolo.

Ora sappiamo che questo rallentamento non riguarderà solo la regione dell’Atlantico settentrionale, ma anche l’Australia e l’Antartide.

Possiamo impedire che questi cambiamenti avvengano facendo crescere una nuova economia a basse emissioni di carbonio. In questo modo cambierà, per la seconda volta in meno di un secolo, il corso della storia climatica della Terra, questa volta in meglio.La conversazione

Articoli più letti