Scoperto un possibile residuo fossile risalente alla nascita dell’universo

Si ritiene che quanto scoperto dall'Università delle Hawaii, ovvero, un'immensa bolla lontana 820 milioni di anni luce dalla Terra, sia un residuo fossile risalente alla nascita dell'universo

0
720
Scoperto un possibile residuo fossile risalente alla nascita dell'universo

La scoperta dell’Università delle Hawaii relativa a un’immensa bolla a 820 milioni di anni luce dalla Terra ha del sorprendente, potrebbe infatti trattarsi di un residuo fossile risalente alla nascita dell’universo.

L’astronomo Brent Tully dell’UH Institute for Astronomy e il team da lui coordinato hanno trovato inaspettatamente la bolla all’interno di una rete di galassie. Al misterioso corpo celeste è stato dato il nome di Ho’oleilana, un termine tratto da un antico canto hawaiano, il Kumulipo. Un canto molto suggestivo se si pensa che il Kumulipo riguarda la creazione del mondo secondo la religione hawaiana.

L’articolo sulla nuova scoperta è stato pubblicato su The Astrophysical Journal.

Un nuovo mistero dell’universo

Tully ha spiegato: “Non lo stavamo cercando. È così enorme che si estende fino ai bordi del settore del cielo che stavamo analizzando. Come aumento della densità delle galassie è una caratteristica molto più forte del previsto. Il diametro molto grande di un miliardo di anni luce va oltre le aspettative teoriche. Se la sua formazione ed evoluzione sono in accordo con la teoria, questo BAO è più vicino del previsto, il che implica un valore elevato per il tasso di espansione dell’universo”.

Gli astronomi hanno individuato la bolla utilizzando i dati di Cosmicflows-4, che ad oggi è la più grande raccolta di distanze precise delle galassie. Tully ha co-pubblicato l’eccezionale catalogo nell’autunno del 2022. Il suo team di ricercatori ritiene che questa potrebbe essere la prima volta che gli astronomi identificano una struttura individuale associata a un BAO (Baryon acoustic oscillations, fluttuazioni nella densità della materia barionica visibile dell’universo, causate dalle onde di densità acustiche nel plasma primordiale dell’universo primordiale, fonte: Wikipedia). La scoperta potrebbe aiutare a rafforzare la conoscenza degli scienziati sugli effetti dell’evoluzione delle galassie.



Enormi bolle di materia generate dal Big Bang?

Secondo la consolidata teoria del Big Bang, durante i primi 400.000 anni, l’universo è un calderone di plasma caldo simile all’interno del sole. All’interno di un plasma, gli elettroni erano separati dai nuclei atomici. Durante questo periodo, le regioni con una densità leggermente superiore iniziarono a collassare sotto la gravità, proprio mentre l’intenso bagno di radiazioni tentava di separare la materia. Questa lotta tra gravità e radiazione faceva oscillare o increspare il plasma e diffonderlo verso l’esterno.

Le più grandi increspature nell’universo primordiale dipendevano dalla distanza che un’onda sonora poteva percorrere. Fissata dalla velocità del suono nel plasma, questa distanza era di quasi 500 milioni di anni luce, e fu fissata una volta che l’universo si raffreddò e smise di essere un plasma, lasciando vaste increspature tridimensionali. Nel corso degli eoni, le galassie si sono formate ai picchi di densità, in enormi strutture simili a bolle. I modelli nella distribuzione delle galassie, adeguatamente individuati, potrebbero rivelare le proprietà di questi antichi messaggeri.

La mappa di Ho’oleilana

“Sono il cartografo del gruppo e la mappatura di Hoʻoleilana in tre dimensioni ci aiuta a comprenderne il contenuto e la relazione con l’ambiente circostante”, ha affermato il ricercatore Daniel Pomarede dell’Università CEA Paris-Saclay in Francia. “È stato un processo straordinario costruire questa mappa e vedere come la gigantesca struttura a conchiglia di Hoʻoleilana è composta da elementi che in passato erano stati identificati come essi stessi alcune delle più grandi strutture dell’universo”.

Lo stesso team di ricercatori ha anche identificato il superammasso di Laniākea nel 2014. Quella struttura, che include la Via Lattea, è piccola in confronto. Estendendosi con un diametro di circa 500 milioni di anni luce, Laniākea si estende fino al bordo più vicino di questa bolla molto più grande.

Il primo avvistamento nel 2016

Il team di Tully ha scoperto che Ho’oleilana era stata notata in un documento di ricerca del 2016 come la più importante tra le numerose strutture a forma di conchiglia viste nello Sloan Digital Sky Survey. Tuttavia, il lavoro precedente non ha rivelato l’intera estensione della struttura e il team non ha concluso di aver trovato un BAO.

2