Pianeti erranti vagano solitari per la galassia

Secondo gli astronomi, i pianeti erranti si sono formati in sistemi solari simili al nostro. In seguito una stella di passaggio o un'interazione gravitazionale all'interno del sistema stesso li ha scagliati nello spazio interstellare. Probabilmente i pianeti erranti non possono ospitare la vita, ma la loro catalogazione fornirà agli astronomi molte informazioni utili

624

Siamo abituati a leggere che i pianeti orbitano attorno a una stella, ma in realtà l’affermazione non è sempre vera, alcuni viaggiano liberi dall’influenza gravitazionale del loro astro orbitando attorno al centro della galassia. Questi pianeti sono chiamati pianeti erranti è ora gli astronomi hanno scoperto il più piccolo di questi corpi celesti.
Il pianeta errante è stato scoperto dall’astronomo del Caltech Przemek Mróz e ha più o meno la massa della Terra. Il pianeta solitario vive immerso in una notte perenne, il suo cielo è molto più buio e punteggiato di stelle di qualsiasi notte terrestre.
Questo pianeta fa parte di un club esclusivo. Negli ultimi 20 anni, gli astronomi hanno trovato meno di due dozzine di pianeti che scorrazzano liberi nella nostra galassia. La maggior parte sono grandi sfere di gas più simili a Giove che al nostro pianeta. Ma gli scienziati pensano che questi mondi siano solo la punta di un enorme iceberg. Solo nella nostra galassia, potrebbero esserci miliardi di pianeti erranti.
Trovare questo minuscolo pianeta è “molto importante”, afferma Diana Dragomir, astronoma all’Università del New Mexico ad Albuquerque. Questo lavoro potrebbe farci capire quanti mondi diversi dalla Terra potrebbero ospitare un certo tipo di vita. Probabilmente i pianeti erranti non possono ospitare la vita, ma la loro catalogazione fornirà agli astronomi molte informazioni utili.
Secondo gli astronomi i pianeti erranti si sono formati in sistemi solari simili al nostro. In seguito una stella di passaggio o un’interazione gravitazionale all’interno del sistema stesso li ha scagliati nello spazio interstellare. Secondo Dragomir il nuovo mondo appena scoperto probabilmente si è formato abbastanza lontano dalla sua stella natale. Se fosse stato troppo vicino, la gravità della stella ospite ne avrebbe impedito la fuga.
I pianeti, specialmente quelli piccoli, che orbitano lontani dalle loro stelle sono spesso difficili da trovare. “Anche se pensiamo che ci siano pianeti lontani intorno a molte, molte stelle, non possiamo saperlo con certezza”, dice Dragomir. “Trovare anche solo uno come questo, utilizzando un’altra tecnica, è davvero utile perché si aggiunge a un campione piuttosto piccolo”. Aggiunge che la scoperta di questo pianeta errante “ci sta dicendo che questi piccoli pianeti a una distanza ragionevole dalla loro stella si formano”.
In genere siamo portati a pensare ai pianeti come a oggetti che orbitano attorno alle stelle. In effetti, la definizione ufficiale dice che un pianeta deve orbitare attorno a una stella. I pianeti erranti non soddisfano questa definizione che è stata decisa dall’Unione Astronomica Internazionale, o IAU, fa notare Jessie Christiansen, astronomo al Caltech.
Ma molti ora sostengono che un pianeta dovrebbe essere definito solo da come si è formato. L’IAU prosegue dicendo che un pianeta deve avere una gravità sufficiente a dargli una forma sferica ma non cosi grande da accenderlo come una stella.
La NASA registra i pianeti trovati al di fuori del nostro sistema solare in un database chiamato NASA Exoplanet Archive (Un esopianeta è un pianeta che non orbita attorno al nostro Sole). Ma Dragomir afferma che questo database non include ancora i mondi orfani del loro sole.
Gli astronomi trovano la maggior parte dei pianeti rilevando il modo in cui influenzano le stelle ospiti. Questo, ovviamente, non funziona con i pianeti erranti. Inoltre non emettono luce, quindi gli astronomi non possono osservarli direttamente. Tuttavia, i pianeti ribelli possono alterare la luce delle stelle lontane. Il processo è noto come lente gravitazionale.
Se qualcosa nello spazio passa tra la Terra e una stella, la gravità dell’oggetto focalizza la luce da quella stella sulla Terra, proprio come farebbe una lente di ingrandimento. Ed è così che i ricercatori hanno scoperto questo minuscolo pianeta errante.
Nel giugno 2016, una debole stella nella costellazione del Sagittario si è illuminata per tornare poi alla normalità. Mróz e il suo team hanno misurato il tempo impiegato dalla stella per illuminarsi e oscurarsi. Il cambiamento ha richiesto circa cinque ore. Questo ha detto loro la massa approssimativa dell’oggetto tra la Terra e la stella. La massa stimata potrebbe essere tra un terzo della massa della Terra o il doppio. Il team ha condiviso la scoperta su Astrophysical Journal Letters.
Mróz e il suo team hanno scoperto il pianeta con un telescopio chiamato OGLE, “esperimento di lente gravitazionale ottica”. Il telescopio si trova nel deserto di Atacama in Cile. Osserva parti della nostra Via Lattea che hanno molte stelle, come il centro della galassia. Quindi misura i cambiamenti nella luce delle stelle causati da oggetti scuri che interrompono la linea visuale.
L’allineamento tra la Terra, L’oggetto e una stella sullo sfondo deve essere quasi perfetto. “Se osservassi solo una stella, dovresti aspettare in media un milione di anni” prima che passi qualcosa, afferma Mróz. Quindi, per aumentare le possibilità, invece di guardare una stella, gli scienziati guardano milioni di stelle. Il telescopio OGLE monitora gli stessi 200 milioni di stelle ogni notte. Ciò consente loro di trovare un paio di migliaia di potenziali pianeti erranti ogni anno, sebbene la maggior parte di essi siano solo stelle fioche.
Questo piccolo pianeta spinge il limite di ciò che possono fare telescopi come OGLE, afferma Mróz. Per trovare molto di più, gli astronomi hanno bisogno di un telescopio nello spazio che sia all’altezza della sfida.
È qui che entra in gioco il telescopio spaziale Nancy Grace Roman. Il lancio è previsto intorno al 2025. Sarà grande quanto il telescopio spaziale Hubble, ma vedrà 100 volte più cielo contemporaneamente. Il nuovo telescopio prende il nome da Nancy Grace Roman, il primo capo astronomo della NASA. Nel 1959 scrisse che mettere un telescopio nello spazio avrebbe permesso agli astronomi di trovare pianeti attorno ad altre stelle .
Il telescopio Roman orbiterà molto al di sopra dell’atmosfera della Terra. Da lì, sarà in grado di trovare molti pianeti ribelli e fare anche altre ricerche.
“In questo momento, sappiamo molto poco sui pianeti erranti”, afferma Samson Johnson astronomo presso la Ohio State University di Columbus. Di recente, lui e altri scienziati hanno stimato che il telescopio Roman potrebbe trovare almeno 250 pianeti erranti, alcuni piccoli come Marte.
Tali scoperte potrebbero dire molto agli astronomi su come si formano i pianeti. Alcuni dei sistemi solari nella nostra galassia. Ospitano pianeti con orbite inclinate e distanziate in modi strani. Mentre altri sistemi solari sono puliti e ordinati.
“Una delle domande in futuro è: qual è la più comune?” Dice Christiansen. Se il telescopio Roman scoprisse molti pianeti erranti potrebbe indicare che si tratta di un fenomeno frequente. E questo può significare che molti giovani sistemi planetari sono disordinati.
Anche il nostro sistema solare una volta era caotico. Ma per centinaia di anni, gli astronomi hanno presunto che il nostro sistema solare fosse sempre stato come appare ora. Ritenevano che altri sistemi planetari sarebbero stati simili al nostro. Ma la varietà di mondi scoperti, compresi i pianeti erranti, ci insegna che non è così. E alcuni scienziati ora pensano che il nostro sistema solare abbia perso un pianeta molto tempo fa.
“Una delle cose belle, più sorprendenti ed eccitanti che sono emerse dagli esopianeti”, dice Christiansen, “è scoprire che ci sono così tanti diversi tipi di sistemi planetari là fuori”.
Fonte: https://www.sciencenewsforstudents.org/article/rogue-planets-wander-galaxy-space