Gli scienziati pensano di aver individuato la galassia più lontana dell’universo

La galassia GN-z11 sembra essere la galassia più vecchia e distante mai scoperta. Le osservazioni fatte da un team di astronomi misurando lo spostamento verso il rosso hanno stabilito che la galassia ha emesso la sua luce 13,4 miliardi di anni fa

0
1007
Indice

Gli astronomi hanno posato il loro sguardo nello spazio profondo e hanno individuato quella che sembra essere la galassia più lontana e più antica mai osservata prima.
La galassia in questione siglata semplicemente GN-z11 sembra essere la galassia più vecchia e distante mai scoperta. A fare la scoperta un gruppo di astronomi guidati da Nobunari Kashikawa, professore del dipartimento di astronomia dell’Università di Tokyo. Il team ha intrapreso la ricerca per trovare la galassia osservabile più distante dell’universo, per capire di più su come e quando si è formata.

“Da precedenti studi, la galassia GN-z11 sembra essere la galassia più lontana rilevabile, a 13,4 miliardi di anni luce”, ha detto Kashikawa . “Ma misurare e verificare una tale distanza non è un compito facile”.
Per stabilire quanto sia distante GN-z11 dal sistema solare, il team di Kashikawa ha studiato lo spostamento verso il rosso della galassia: quanto cioè la sua luce si è allungata o spostata verso l’estremità rossa dello spettro. In generale, più un oggetto cosmico è lontano da noi sulla Terra, più la sua luce sarà spostata verso il rosso.
Inoltre, il team ha esaminato le linee di emissione di GN-z11: firme chimiche osservabili nella luce proveniente da oggetti cosmici distanti.
Studiando queste firme, il team è stato in grado di capire quanto la luce proveniente da GN-z11 deve aver viaggiato per arrivare sulla Terra, fornendo loro gli strumenti per stimare la sua reale distanza.
“Abbiamo esaminato in modo specifico la luce ultravioletta, poiché quella è l’area dello spettro elettromagnetico dove ci aspettavamo di trovare le firme chimiche spostate verso il rosso“, ha detto Kashikawa. “Il telescopio spaziale Hubble ha rilevato la firma più volte nello spettro di GN-z11”. 
“Tuttavia“, ha aggiunto Kashikawa , “anche l’Hubble non può risolvere le linee di emissione ultravioletta nella misura in cui avevamo bisogno. Così ci siamo rivolti a uno spettrografo terrestre più aggiornato, uno strumento per misurare le linee di emissione, chiamato MOSFIRE, che è montato sul telescopio Keck I alle Hawaii “.
Utilizzando MOSFIRE, il team è stato in grado di osservare e studiare in dettaglio le linee di emissione provenienti dalla galassia. Se altre osservazioni confermassero le nuove scoperte, GN-z11 sarà ufficialmente la galassia più lontana e antica mai osservata.
Fonte: https://www.livescience.com/oldest-most-distant-galaxy-discovery.html

2