Molti pianeti canaglia avvistati vicino al centro della nostra galassia

Sono state scoperte prove allettanti per una misteriosa popolazione di pianeti canaglia (o "fluttuanti"), pianeti che potrebbero essere soli nello spazio profondo, non legati a nessuna stella ospite

0
1247

Sono state scoperte prove allettanti per una misteriosa popolazione di pianeti canaglia (o “fluttuanti”), pianeti che potrebbero essere soli nello spazio profondo, non legati a nessuna stella ospite.

I risultati includono quattro nuove scoperte coerenti con pianeti di massa simile alla Terra, pubblicate in Monthly Notice of the Royal Astronomical Society .

Lo studio, condotto da Iain McDonald dell’Università di Manchester, Regno Unito, (ora con sede presso la Open University, Regno Unito) ha utilizzato i dati ottenuti nel 2016 durante la fase di missione K2 del Kepler Space Telescope della NASA. Durante questa campagna di due mesi, Keplero ha monitorato un campo affollato di milioni di stelle vicino al centro della nostra Galassia ogni 30 minuti per individuare eventuali microlenti gravitazionali.

Il team di studio ha trovato 27 segnali candidati per il fenomeno del microlensing variabili su scale temporali comprese tra un’ora e 10 giorni. Molti di questi erano stati visti in precedenza nei dati ottenuti contemporaneamente da terra. Tuttavia, i quattro eventi più brevi sono nuove scoperte coerenti con pianeti di massa simile alla Terra.

Questi nuovi eventi non mostrano un segnale di accompagnamento più lungo che ci si potrebbe aspettare da una stella ospite, suggerendo che questi nuovi eventi potrebbero essere pianeti canaglia.

Tali pianeti potrebbero forse essersi formati originariamente attorno a una stella ospite prima di essere espulsi dall’attrazione gravitazionale di altri pianeti più pesanti nel sistema.



Predetto da Albert Einstein 85 anni fa come conseguenza della sua Teoria della Relatività Generale, il microlensing descrive come la luce di una stella sullo sfondo possa essere temporaneamente ingrandita dalla presenza di altre stelle in primo piano.

Ciò produce una breve esplosione di luminosità che può durare da ore a pochi giorni. Circa una stella su ogni milione nella nostra Galassia è visibilmente colpita dal microlensing in un dato momento, ma si prevede che solo una piccola percentuale di queste sia causata dai pianeti.

Kepler non è stato progettato per trovare pianeti usando le microlenti, né per studiare i campi stellari estremamente densi della Galassia interna. Ciò ha comportato la necessità di sviluppare nuove tecniche di riduzione dei dati per cercare segnali all’interno del set di dati Kepler.

Iain osserva: “Questi segnali sono estremamente difficili da trovare. Abbiamo usato un telescopio anziano e malato, al termine della sua missione e con la visione offuscata, in una delle parti più densamente affollate del cielo, dove ci sono già migliaia di stelle luminose che variano in luminosità e migliaia di asteroidi che sfioravano il nostro campo visivo”.

“Da quella cacofonia, cerchiamo di estrarre minuscole e caratteristiche schiarite causate dai pianeti, e abbiamo solo una possibilità di vedere un segnale prima che scompaia. È facile come cercare il singolo battito di una lucciola nel bel mezzo di un’autostrada, usando solo un telefono palmare”.

Anche il coautore Eamonn Kerins dell’Università di Manchester commenta: “Kepler ha ottenuto ciò per cui non era mai stato progettato, fornendo ulteriori prove provvisorie dell’esistenza di una popolazione di pianeti canaglia di massa terrestre”.

“Ora passa il testimone ad altre missioni che saranno progettate per trovare tali segnali, segnali così sfuggenti che lo stesso Einstein pensava che difficilmente sarebbero mai stati osservati. Sono molto entusiasta che anche la prossima missione Euclid dell’ESA possa unirsi a questo sforzo come attività scientifica aggiuntiva alla sua missione principale”.

Confermare l’esistenza e la natura dei pianeti fluttuanti sarà un obiettivo importante per le prossime missioni come il telescopio spaziale Nancy Grace della NASA e forse la missione Euclid dell’ESA, entrambe ottimizzate per cercare segnali di microlenti.

Riferimento: “Kepler K2 Campaign 9 – I. Candidate short-duration events from the first space-based survey for planetary microlensing” di I McDonald, E Kerins, R Poleski, MT Penny, D Specht, S Mao, P Fouqué, W Zhu e W Zang, 6 luglio 2021, avvisi mensili della Royal Astronomical Society .
DOI: 10.1093/mnras/stab1377

2