Perseverance trova sostanze organiche compatibili con la vita nelle antiche rocce del letto di Jezero crater

La NASA ha fatto sapere che il rover Perseverance ha trovato rocce biologicamente interessanti che potrebbero indicare l'esistenza in tempi antichi di vita microbica sul pianeta rosso

156

La NASA ha fatto sapere che il rover Perseverance ha trovato rocce biologicamente interessanti che potrebbero indicare l’esistenza in tempi antichi di vita microbica sul pianeta rosso.

Giovedì, i responsabili di missione hanno fornito un aggiornamento su ciò che il rover aveva scoperto durante la sua esplorazione del cratere Jezero. Più di 3,5 miliardi di anni fa, l’area era probabilmente un lago, motivo per cui è stata scelta dalla NASA come area di atterraggio del rover, per cercare prove della vita in un antico ambiente abitabile.

Questa missione non è alla ricerca di segni di vita attuali“, ha affermato Ken Farley, scienziato del progetto Perseverance. “Invece, stiamo esaminando un passato molto lontano quando il clima di Marte era molto diverso da quello che è oggi, molto più favorevole alla vita“.

In più di 550 sol, o giorni marziani, Perseverance ha scoperto che la storia del fondo del cratere è più complicata del previsto. Sulla base delle analisi effettuate sulla roccia formata dall’attività vulcanica, il team scientifico ora ritiene che prima di contenere un letto di un lago, il cratere avesse una qualche attività vulcanica attiva, persino un lago di lava.

Wildcat Ridge e Skinner Ridge

Gli scienziati hanno affermato che diversi dei campioni di roccia raccolti da Perseverance contengono molecole organiche associabili alla vita. Due campioni di roccia, in particolare, sono stati raccolti da rocce che il team ha chiamato Wildcat Ridge e Skinner Ridge, che hanno entusiasmato il team scientifico. Le pietre prendono il nome dai sentieri nel Parco Nazionale di Shenandoah.

Le rocce, a circa 20 metri di distanza l’una dall’altra, hanno offerto campioni molto diversi, ma ciascuno con un alto valore scientifico, ha affermato David Shuster, scienziato del team che sta sviluppando la missione Mars Sample Return che, nei primi anni ’30, si recherà su Marte per riportare sulla Terra i campioni raccolti da Perseverance. Tuttavia, entrambi i campioni hanno qualcosa in comune.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Entrambe queste rocce sono composte da sedimenti che sono stati trasportati da acqua liquida“, ha detto Shuster, aggiungendo che entrambe le rocce hanno subito alterazioni che coinvolgono l’acqua. “Così, queste rocce si sono formate e registrano indicazioni di un ambiente abitabile“.

Utilizzando lo strumento del rover chiamato Scanning Habitable Environments with Raman & Luminescence for Organics & Chemicals, o SHERLOC, per analizzare l’area in cui il rover ha raccolto i campioni, il team ha trovato la più alta concentrazione di materia organica mai vista durante la missione. Questa materia organica può essere creata attraverso processi cosiddetti biotici ma anche in altre circostanze, come l’attività geologica, che non coinvolgono la vita.

Se questa è una caccia al tesoro per potenziali segni di vita su un altro pianeta, la materia organica è un indizio. E stiamo ottenendo indizi sempre più forti mentre ci muoviamo nella nostra esplorazione del Delta“, ha detto Sunanda Sharma, scienziata dello strumento Perseverance SHERLOC. “Personalmente trovo questi risultati così commoventi perché sembra che siamo nel posto giusto con gli strumenti giusti in un momento molto cruciale“.

I campioni hanno le dimensioni di un mignolo e verranno conservati in provette fino a quando una missione di follow-up non potrà raccogliere le rocce marziane da Perseverance negli anni ’30.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---