11 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeEsplorazione SpazialePerché Titano somiglia alla Terra?

Perché Titano somiglia alla Terra?

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La luna di Saturno, Titano, ha alcune sorprendenti somiglianze con la Terra. Ha fiumi, laghi, mari e temporali, sebbene questi siano composti da metano liquido piuttosto che da acqua.

Ora, un nuovo studio condotto da ricercatori della Stanford University approfondisce gli enigmatici misteri della luna.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Una luna simile alla Terra

Per anni, gli scienziati non sono stati in grado di spiegare come questi paesaggi simili alla Terra, comprese le dune di sabbia fatte di idrocarburi, si siano formati sulla superficie di Titano. Si teorizza che i sedimenti lunari siano composti da composti organici solidi, che sono più fragili dei sedimenti a base di silicati che si trovano sulla Terra. Ciò significa che non dovrebbero essere in grado di formare strutture così varie sulla superficie lunare.

Il team di Stanford ha studiato un tipo di sedimento di carbonato di calcio chiamato ooids, che si trova sulla Terra, nel tentativo di capire meglio come la superficie di Titano sia così simile a quella terrestre. Hanno scoperto che è probabilmente dovuto al vento, ai cambiamenti stagionali e alla sinterizzazione, il processo di formazione di una massa solida di materiale attraverso il calore e la pressione senza che il materiale si sciolga.

Abbiamo ipotizzato che la sinterizzazione – che coinvolge i grani vicini che si fondono insieme in un unico pezzo – potrebbe controbilanciare l’abrasione quando i venti trasportano i grani“, ha spiegato il capo dello studio  Mathieu Lapôtre nella dichiarazione di Standord.

Sulla Terra, gli ooidi si trovano tipicamente nelle acque tropicali dove si formano in grani fini. Mantengono una dimensione costante grazie al fatto che accumulano materiale tramite precipitazione chimica mentre vengono erosi dALl mare. I ricercatori di Stanford ritengono che un processo simile potrebbe verificarsi su Titano.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I dati di Cassini forniscono nuove informazioni sulla somiglianza di Titano con la Terra

Il team, che ha pubblicato i risultati in Geophysical Research Letters, ha anche analizzato i dati di Titano registrati durante la missione Cassini e ha scoperto che i venti sono più comuni attorno all’equatore lunare. Ciò ha creato le condizioni necessarie per la formazione delle dune. In altre parti di Titano, i venti più bassi hanno permesso la formazione di rocce sedimentarie, che sono poi state erose in sedimenti più fini.

I ricercatori ritengono inoltre che il ciclo stagionale di trasporto dei liquidi di Titano svolga un ruolo chiave. “Stiamo dimostrando che su Titano, proprio come sulla Terra e come avveniva su Marte, abbiamo un ciclo sedimentario attivo che può spiegare la distribuzione latitudinale dei paesaggi attraverso l’abrasione episodica e la sinterizzazione guidata dalle stagioni“, ha detto Lapôtre .

È piuttosto affascinante pensare a come ci sia questo mondo alternativo così lontano là fuori, dove le cose sono così diverse, eppure così simili“.

Articoli più letti