Perché i fulmini non sono pericolosi per gli aerei

I fulmini sono fenomeni atmosferici legati all'elettricità atmosferica che produce una scarica elettrica di grandi dimensioni che si instaura fra due corpi con elevata differenza di potenziale elettrico

0
327
Perché i fulmini non sono pericolosi per gli aerei
Perché i fulmini non sono pericolosi per gli aerei

I fulmini sono fenomeni atmosferici legati all’elettricità atmosferica che produce una scarica elettrica di grandi dimensioni che si instaura fra due corpi con elevata differenza di potenziale elettrico.

I fulmini più facilmente osservabili sono quelli fra nuvola e nuvola, ma sono comuni anche quelli fra nuvola e suolo. Inoltre qualsiasi oggetto sospeso nell’atmosfera può innescare un fulmine: si sono osservati infatti fulmini tra nuvola, aeroplano e suolo. Un caso particolare sono i cosiddetti fulmini globulari al suolo, tuttora in fase di studio.

Le condizioni ideali per lo sviluppo di fulmini sono i cumulonembi tipici dei fenomeni temporaleschi, ma sono stati osservati fulmini anche durante tempeste di sabbia, bufere di neve e nelle nuvole di cenere vulcanica o comunque di vasti incendi (fulmini a secco).

Un caso particolare e raro è quello legato alla cosiddetta “tempesta di fulmini” ovvero sequenze ininterrotte di fulmini a brevissima distanza uno dall’altro (pochi secondi) per una durata complessiva anche di un’ora.

A causa della grande potenza rilasciata, essi costituiscono una minaccia per l’incolumità umana e per gli incendi, sebbene con rischi inferiori a molti altri fenomeni. Una loro rappresentazione stilizzata è spesso usata nell’iconografia mitologica e araldica.

I fulmini, come è facile immaginare, possono rappresentare una grave minaccia per gli aeroplani. Infatti, nel campo dell’innovazione aerospaziale, i compositi di carbonio hanno innescato una rivoluzione con le loro straordinarie proprietà. Tuttavia, questo materiale ha costretto gli ingegneri ad affrontare una sfida formidabile: la sua conduttività limitata rispetto ai metalli tradizionali.

Questa situazione ha fatto sorgere una domanda cruciale: come proteggere gli aerei moderni dalle formidabili forze dei fulmini, che rappresentano una potente minaccia per la loro integrità strutturale?



La soluzione, nata da ingegnose menti ingegneristiche, prevede l’integrazione di una rete realizzata con fibre conduttive annidate all’interno degli strati di questi compositi di carbonio. Sebbene questa rete rimanga impercettibile a occhio nudo, svolge un ruolo fondamentale nell’evitare il disastro.

Quando il fulmine colpisce, invece di provocare la distruzione incanalando l’energia elettrica attraverso il materiale, viene reindirizzato via da questa rete incorporata, preservando la solidità strutturale dell’aereo.

L’ingegnere della Boeing Stephen Henning, una figura di riferimento nel settore aerospaziale, ha accolto questa innovazione come una testimonianza del costante impegno per la sicurezza e l’innovazione dei passeggeri. Test rigorosi hanno dimostrato che ora gli aerei possono resistere ai fulmini con notevole efficacia.

Quindi, la prossima volta che ti troverai in volo, ad assistere allo spettacolo luminoso di fulmini nei cieli, dedica un momento per riconoscere le sorprendenti imprese ingegneristiche che sono alla base della tua sicurezza. Come sottolinea giustamente Stephen, grazie a questo progetto, i fulmini rimangono uno spettacolo mozzafiato della natura, piuttosto che una pericolosa minaccia.

2