No, la malattia di Lyme non è un’arma “sfuggita” al controllo. Un esperto di salute spiega perché

Perché esiste una ipotesi di complotto in base alla quale la malattia di Lyme sarebbe un'arma biologica messa a punto dei militari e sfuggita al controllo e perché questa ipotesi non ha fondamento, spiegato da un esperto del settore

0
2475

La malattia di Lyme potrebbe essere il risultato di una liberazione accidentale da un esperimento segreto sulle armi biologiche? I militari avrebbero potuto ingegnerizzare in modo specifico il batterio della malattia di Lyme per renderlo più insidioso e distruttivo, per poi perderne il controllo permettendone la diffusione in natura?
Sono 300.000 gli americani cui viene diagnosticata ogni anno questa malattia potenzialmente debilitante.
C’è una vecchia teoria della cospirazione che attualmente sta vivendo una rinascita con molti titoli e tweet sensazionali. Perfino il Congresso ha ordinato al Pentagono di rivelare se i militari sono responsabili di avere infettato le zecche con questa malattia.
Ma non è vero.
Le zecche possono, in effetti, trasportare agenti infettivi che potrebbero essere usati come armi biologiche e la ricerca militare si è concentrata a lungo sulle zecche. Diversi siti intorno a Long Island Sound, vicino al laboratorio di ricerca militare di Plum Island, furono alcuni dei primi luoghi in cui fu identificata l’epidemia della malattia di Lyme.
Ma non vi fu alcun rilascio dell’agente della malattia di Lyme o altro sul suolo americano, accidentale o meno, da parte dei militari.
Ho iniziato a lavorare sulla malattia di Lyme nel 1985. Nell’ambito della mia tesi di dottorato, ho studiato se gli esemplari museali di zecche e topi contenessero prove di infezione con l’agente batterico della malattia di Lyme in epoca antecedente ai primi casi umani americani noti, registrati intorno alla metà degli anni ’70.
Lavorando con il microbiologo David Persing, abbiamo scoperto che le zecche della South Fork di Long Island raccolte nel 1945 erano già infette. Studi successivi hanno scoperto che i topi di Cape Cod, raccolti nel 1896, erano infetti.
Così, decenni prima che l’agente della malattia di Lyme fosse identificato, – e prima che gli scienziati militari avessero i mezzi per modificarlo o aumentarne la virulenza il batterio che la causa era già presente in natura.
Questa, da sola, è già una prova che basta e avanza a dimostrare che la la teoria della cospirazione è sbagliata. Ma ci sono molte altre prove che dimostrano perché la malattia di Lyme non ha richiesto la mano umana per cambiare qualcosa che Madre Natura aveva coltivato di suo.

La malattia di Lyme è un’arma bio improbabile

Insegno in un corso di laurea in biodefense. La guerra biologica, l’uso di agenti biologici per causare danni, un tempo era un interesse dell’esercito americano e di quello di molti altri paesi.
Una delle caratteristiche più importanti che deve avere un agente di guerra biologica è la  capacità di disabilitare rapidamente i soldati bersaglio, ma i batteri che causano la malattia di Lyme non rientrano in questa categoria.
Molti degli agenti su cui si è concentrata la ricerca per la guerra biologica sono trasmessi da zecche, zanzare o altri artropodi: peste, tularemia, febbre Q, febbre emorragica del Congo,  di Crimea, encefalite equina orientale o encefalite russa estiva primaverile.
In tutte queste patologie la malattia precoce è molto debilitante e il tasso di mortalità può essere molto alto; Il 30 percento dei casi di encefalite equina orientale muoreIl tifo epidemico ha ucciso 3 milioni di persone durante la prima guerra mondiale.

E, anche se i medici europei avevano descritto casi di malattia di Lyme nella prima metà del 20° secolo, la causa non era stata identificata. In nessun modo i militari avrebbero potuto manipolarla perché non sapevano cosa fosse. Nessuno di noi lo sapeva fino al 1981, quando il defunto Willy Burgdorfer, un entomologo medico, la identificò in maniera fortuita.

La scoperta di Burgdorfer del batterio Lyme

Burgdorfer aveva studiato in Svizzera alla fine degli anni ’40, studiando la biologia della febbre recidivante dovuta alle zecche, una malattia batterica che può diffondersi dagli animali alle persone.
Nel corso di quel lavoro, sviluppò nuovi metodi per rilevare l’infezione nelle zecche e per infettare le zecche con dosi specifiche di un agente patogeno. Quei metodi sono ancora usati oggi da persone come me.
Alla fine, Burgdorfer si trasferì ai Rocky Mountain Laboratories nel Montana, un avamposto del servizio sanitario pubblico statunitense e del National Institutes of Health – all’epoca, il centro mondiale per la ricerca delle zecche.
La competenza unica di Burgdorfer era studiare come gli agenti microbici si adattassero ai tessuti interni delle zecche loro ospiti, usando infezioni sperimentali e microscopia. Fino all’arrivo della malattia di Lyme, la sua reputazione era dovuto al fatto di essere l’esperto mondiale del ciclo di vita della febbre maculata delle Montagne Rocciose (RMSF).
Fu proprio la RMSF a condurre Burgdorfer alla causa della malattia di Lyme. Aveva lavorato per comprendere meglio l’RMSF a Long Island a New York. Perché le zecche di cane, il vettore riconosciuto, non erano infette nelle aree in cui le persone si stavano ammalando?
Sapeva che in quel tempo si sospettava dei cervi come agenti vettori della malattia, così Burgdorfer chiese al suo collega Jorge Benach della Stony Brook University alcune zecche di cervo per verificare la presenza di batteri RMSF. A Benach era capitato di averne ricevute alcune dalla vicina Shelter Island.
Nel testare il “sangue” delle zecche di cervo, Burgdorfer trovò batteri RMSF. Ma individuò batteri a forma di spirale chiamati spirochete. Le spirochete erano molto simili a ciò che aveva studiato da studente universitario: la causa della febbre ricorrente. Se erano spirochete la causa della febbre ricorrente, forse altri batteri del genere spirochete erano responsabili della misteriosa nuova artrite di Lyme per la quale non era nota una causa.
Questa domanda portò all’articolo uscito su Science nel 1982 intitolato: “La malattia di Lyme – una spirochetosi trasmessa da zecche?

La teoria della cospirazione non può spiegare i fatti

Diciamo che alcuni si sono concentrati troppo sul fatto che gli spirochet responsabili della malattia di Lyme sono stati trovati per la prima volta nelle zecche della Shelter Island di New York, proprio accanto a Plum Island, una struttura isolata utilizzata come laboratorio di ricerca militare fino al 1954.
Ma era solo una coincidenza che le zecche di Shelter Island di Benach fossero quelle in cui Burgdorfer fece la sua scoperta fortuita. Nel 1984, una volta che i ricercatori sapevano cosa cercare, gli spirochet della malattia di Lyme furono trovati nelle zecche del Connecticut , del New Jersey e persino della California.
Ma facciamo finta che i militari abbiano iniziato a lavorare immediatamente sull’agente della malattia di Lyme scoperto nel 1981, molto tempo dopo che Fort Terry sull’isola di Plum Island era stata utilizzata nel 1954 dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti per studiare malattie animali esotiche.
È anche dopo che il presidente Richard Nixon aveva messo fuori legge la ricerca sulla guerra biologica nel 1969. Se i batteri fossero stati manipolati, questo intervento avrebbe avuto luogo dopo il 1981 – quindi la linea temporale della teoria della cospirazione non funziona.
Ma il chiodo nella bara dell’idea che la malattia di Lyme negli Stati Uniti sia stata in qualche modo rilasciata accidentalmente dalla ricerca di armi biologiche militari si trova nel fatto che il primo caso americano della malattia di Lyme risulta non essere stato dall’Old Lyme, nel Connecticut, nei primi anni ’70 .
Nel 1969, un medico identificò un caso a Spooner, nel Wisconsin, in un paziente che non aveva mai viaggiato da quella zona. E la malattia di Lyme fu rilevata in persone infette nel 1978 nella California settentrionale.
Come può avvenire un rilascio accidentale su tre posizioni distanti? Non può.
La ricerca sulla genetica della popolazione su Borrelia burgdorferi, l’agente batterico della malattia di Lyme, suggerisce che i batteri del nordest, del Midwest e della California sono separati da barriere geografiche che impediscono a queste popolazioni di mescolarsi.
Se ci fosse stata un incidente di laboratorio che avesse permesso la fuga dell’agente infettivo negli ultimi 50 anni, ci sarebbe stata una maggiore somiglianza genetica tra queste tre popolazioni geografiche. Inoltre non ci sono prove di un fatto simile per gli spirochet della malattia di Lyme.
Le vere ragioni per cui l’epidemia diventa così onerosa includono il rimboschimento, la suburbanizzazione e la mancata gestione delle mandrie di cervi.
I teorici della cospirazione si interessano molto alle attività dei militari nelle infezioni trasmesse da zecche ma, fino all’arrivo della malattia di Lyme, il numero di laboratori in tutto il mondo che si occupavano di zecche poteva essere contato su entrambe le mani.
Come esperto riconosciuto sulle zecche e sulle infezioni che trasmettono, è sicuramente possibile che Willy Burgdorfer abbia ricevuto finanziamenti dai militari, abbia intrapreso studi per loro o sia stato consultato da loro. Erano una delle poche fonti di fondi per la ricerca di progetti tick nel periodo dal 1950 al 1980.
L’obiettivo generale di tale lavoro applicato sarebbe stato quello di comprendere i rischi relativi alle zecche che i soldati americani potevano affrontare durante il dispiegamento e come proteggerli.
Che Burgdorfer abbia fatto allusione a programmi di guerra biologica o di biodifesa nelle interviste verso la fine della sua vita non dovrebbe essere interpretato come un’ammissione alla partecipazione a lavori top-secret. Ho incontrato Burgdorfer diverse volte e sono stato colpito dal suo ironico senso dell’umorismo.
Suppongo che il suo accenno al fatto che ci fosse una storia più grande in quello che ha fatto per i militari è stato un modo da burlone di giocare con l’intervistatore.



Avendo lavorato per più di tre decenni per comprendere l’epidemiologia e l’ecologia della malattia di Lyme al fine di ridurre il rischio di infezione degli americani, sono sconvolto dal fatto che questa teoria della cospirazione sia presa così seriamente al punto da avere coinvolto il Congresso.
L’idea che la malattia di Lyme sia dovuta alla ricerca sulle armi biologiche è facilmente confutabile. I nostri legislatori potrebbero dedicare meglio il loro tempo alla lotta per prevenire le malattie invece di indagare su una storia inverosimile basata su interpretazioni errate e insinuazioni.
Sam Telford, professore di malattie infettive e salute globale, Università Tufts.
Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale.

2