Cosa dovremo fare se il nuovo coronavirus diventerà una malattia stagionale?

Un nuovo studio di Harvard modella per quanto tempo dovremmo mantenere le distanze sociali se il virus si rivelasse stagionale, come i suoi cugini coronavirus che provocano il raffreddore. Potrebbero volerci anni per tornare alla normalità.

0
1202

IL NUOVO CORONAVIRUS SARS-CoV-2 è spesso paragonato al suo cugino genetico stretto SARS-CoV-1. E per una buona ragione: il virus responsabile dell’epidemia di SARS dei primi anni 2000 è, per molti versi, il parallelo più vicino a quello che stiamo affrontando ora. I ricercatori lo osservano studiando per quanto tempo il nuovo virus sopravvive sulle superfici e se ha senso indossare maschere. Fornisce una guida su come la curva dei casi e dei decessi potrebbe piegarsi se tutti facciamo la nostra parte e restiamo a casa. Il confronto offre qualche speranza: l’allontanamento sociale e le restrizioni di viaggio contribuirono a reprimere l’epidemia di SARS in circa un anno.
Ma questo tipo di contenimento radicale comincia a sembrare molto meno plausibile. Per predire il corso a lungo termine di Covid-19, potrebbe essere più opportuno un diverso confronto. E se il virus fosse più simile ad alcuni dei suoi familiari meno conosciuti, come HCoV-OC43 e HCoV-HKU1? I nomi non sono così familiari, ma probabilmente li hai già incontrati prima. Questi virus causano il raffreddore comune. E mentre sono meno mortali di SARS o MERS, sono anche più fastidiosi; vanno e vengono con le stagioni, con l’immunità umana che cala nel tempo. È per questo che continuiamo ad essere infettati da loro, ancora e ancora.
Un articolo pubblicato su Science dai ricercatori di salute pubblica dell’Università di Harvard esplora questa possibilità e cosa significherebbe per la diffusione di Covid-19 a lungo termine. Le loro conclusioni sono piuttosto cupe.
Se SARS-CoV-2 dovesse seguire le orme di questi suoi cugini, l’immunità di gregge sarà più lenta da raggiungere e trattenere (L’immunità al gregge si verifica quando un numero sufficiente di membri di una popolazione ha già avuto una malattia o è stato vaccinato contro di essa, interrompendo il flusso della sua trasmissione). Fino ad allora, il riaccendersi di focolai sarebbero un fatto regolare della vita. Unito alla maggiore gravità della COVID-19 rispetto ad un raffreddore, ciò richiederebbe che gli interventi di distanziamento sociale si ripetessero ripetutamente, per evitare che ogni volta gli ospedali siano travolti.
I ricercatori di Harvard ritengono che potremmo rischiare di essere rimessi in quarantena, almeno di tanto in tanto, per un lungo periodo, almeno fino al 2022.
Il ruolo della stagionalità “non è certamente zero“, ha spiegato Marc Lipsitch, professore di epidemiologia ad Harvard, autore dello studio, durante una conferenza stampa tenutasi martedì.
La variabilità stagionale non è la stessa cosa che dire che il virus andrà via in estate. Le epidemie potrebbero verificarsi in qualsiasi momento, ma quelle che iniziano in autunno potrebbero essere più gravi. Questo tipo di variazione potrebbe avere importanti implicazioni sull’applicazione delle misure di allontanamento sociale.
Il virus ci è noto da pochi mesi, quindi nessuno è stato in grado di studiare direttamente come si diffonde durante le diverse stagioni. Inoltre non sappiamo ancora quanto bene si accumuli l’immunità e quanto tempo dura una volta stabilita. I modelli del team di Harvard dipendono anche in parte dal presupposto piuttosto desolante che la comunità scientifica non svilupperà trattamenti o vaccini che attenuano il peso del virus sui sistemi sanitari. Tutto ciò che potrebbe cambiare, dicono i ricercatori.
In assenza di dati concreti su SARS-CoV-2, i coronavirus che causano il raffreddore sono utili per fare confronti a lungo termine“, afferma Ashleigh Tuite, un epidemiologo dell’Università di Toronto che non era coinvolto nello studio. “Funzionano come il SARS-CoV-2? Probabilmente no. È un virus diverso“, afferma. “Ma è probabilmente la migliore analogia su cui possiamo lavorare adesso per analizzarne il comportamento a lungo termine“. Il documento fa un buon lavoro delineando le incertezze. Fa quello che fanno i modelli: ci aiuta a prepararci per l’ignoto.
Nel loro nuovo studio, i ricercatori iniziano con un obiettivo che sta al centro di tutte le misure di allontanamento sociale: come gestire la diffusione del virus senza esaurire i letti d’ospedale? Utilizzando modelli di computer, hanno individuato potenziali variazioni stagionali, utilizzando il comportamento di HCoV-OC43 e HCoV-HKU1 come guida e prendendo in considerazione ciò che è noto sul tasso di diffusione e gravità di Covid-19.
Hanno scoperto che, probabilmente, sarà necessario estendere gli interventi di distanziamento sociale fino al 2022 per tenere sotto controllo il nuovo virus. Nel tempo, man mano che l’immunità di gregge aumenterà, tali interventi potrebbero essere ridotti sia in lunghezza che in gravità, alternandoli con periodi sempre più lunghi di relativa normalità.
Per modellare la potenziale ricorrenza del virus, le domande principali sono: quanta parte della popolazione ottiene l’immunità e quanto velocemente? La serosurveys sarebbe un buon punto di partenza, ritiene Lipsitch. un’ampio ricorso ad esami del sangue per individuare gli anticorpi contro il virus consentirebbe ai funzionari della sanità pubblica di studiare direttamente la questione dell’immunità — prima misurando quante persone hanno quell’immunità e poi, infine, quanto dura quell’immunità.
Un’immunità più lunga, o potenzialmente persino un’immunità crociata con altri coronavirus, significherebbe che la malattia potrebbe essere eliminata più rapidamente.
Altri fattori esterni potrebbero aiutare a ridurre la necessità del distanziamento sociale. tra questi un possibile vaccino o terapie migliori che riducano il numero di persone che finiscono in terapia intensiva. Uno dei fattori più critici per quanto devono essere rigorosi gli interventi sociali è la capacità di assistenza sanitaria della nazione. Un numero maggiore di posti letto e di personale, osservano i ricercatori, potrebbe aiutarci a raggiungere l’immunità di gregge più rapidamente, semplicemente perché più persone potrebbero ammalarsi alla volta senza che gli ospedali vengano bloccati.
Anche il tracciamento dei contatti o la registrazione di tutte le persone con cui una persona infetta ha avuto contatti, avranno un ruolo. L’idea attuale tra epidemiologi e funzionari della sanità pubblica è che, una volta domata l’attuale ondata di casi negli Stati Uniti, passeremo alla modalità di sorveglianza, riaprendo l’economia ma impiegando test anticorpali diffusi e rintracciando i contatti delle persone tramite telefoni cellulari o un esercito di funzionari della sanità pubblica.
Ma le esperienze dei paesi dell’Asia orientale come Singapore, che hanno avuto un successo iniziale con la tracciabilità dei contatti e l’isolamento, ma che attualmente stanno affrontando una recrudescenza dei casi di Covid-19 grazie alle infezioni riportate dai viaggiatori, mettono in dubbio l’idea che la sola sorveglianza possa tenere il passo se le persone non si rifugiano anche a casa. “Il problema con casi come questo – come Singapore, dove c’è probabilmente il miglior sistema sanitario pubblico al mondo, ci ha fatto capire che è molto difficile avere a che fare con questa infezione“, ha detto Lipsitch.
I test a tappeto e la sorveglianza saranno importanti per la gestione dei casi che emergono durante i periodi di relativa calma e per avvisare le autorità sanitarie di nuovi focolai. Ma altri sistemi di sanità pubblica sono molto meno attrezzati per queste misure e stanno ancora cercando di portare sotto controllo l’attuale epidemia.
Il factoring nella stagionalità potrebbe essere importante per assicurarsi che tali interventi siano tempestivi. Un pericolo, ad esempio, potrebbe essere quello di mantenere le misure di allontanamento sociale per un lungo periodo ma allentarle appena prima di una nuova ondata. Poiché poche persone avrebbero sviluppato l’immunità durante il precedente periodo di distanziamento sociale, ciò potrebbe provocare potenzialmente un risultato più terribile della prossima recrudescenza dell’epidemia.
Logisticamente, sarà difficile gestire le misure di contenimento. Avremo bisogno di test sufficienti per monitorare quando si verificano picchi di nuovi casi. Ma sarà difficile calibrare quando, esattamente, ripristinare il distanziamento sociale per prepararsi a un successivo aumento.
La società potrebbe avere difficoltà ad accettare un ritorno balbettante, barcollante alla normalità, in particolare un nuovo modo di vivere che, periodicamente, tornasse a chiudere le scuole, le attività lavorative e quant’altro.
Ciò che questi modelli mostrano è che il prossimo passo che sarà necessario fare è capire come arrivare a qualcosa di sostenibile“.

2