New York e altre città USA verranno a breve sommerse

Una nuova ricerca condotta da Virginia Tech e US Geological Survey rivela che le principali città della costa atlantica degli Stati Uniti stanno affondando a ritmi superiori all’innalzamento globale del livello del mare, con aree come New York City, Long Island, Baltimora, Virginia Beach e Norfolk che stanno sperimentando un significativo cedimento del terreno

0
338
New York e altre città USA verranno a breve sommerse
New York e altre città USA verranno a breve sommerse

Le principali città sulla costa atlantica degli Stati Uniti, tra cui New York City, stanno affondando, in alcuni casi fino a 5 millimetri all’anno – un declino in riva all’oceano che supera di gran lunga l’innalzamento globale del livello del mare, conferma una nuova ricerca della Virginia Tech e dell’US Geological Survey.

New York City e altre città a rischio

Centri abitati particolarmente colpiti come New York City e Long Island, Baltimora, Virginia Beach e Norfolk stanno vedendo aree di rapido “cedimento” o sprofondamento del terreno, insieme a terreni che sprofondano più lentamente o relativamente stabili, aumentando il rischio per le strade, piste, fondazioni di edifici, linee ferroviarie e condutture, secondo uno studio pubblicato il 2 gennaio negli Atti delle Accademie nazionali delle scienze.

Il punto della situazione

Leonard Ohenhen è uno studente laureato che lavora con il professore associato Manoochehr Shirzaei presso l’Earth Observation and Innovation Lab della Virginia Tech. Ohenhen ha spiegato, tramite alcune dichiarazioni riportate da SciTechDaily: “La subsidenza continua e assoluta sulla costa orientale degli Stati Uniti dovrebbe destare preoccupazione. Ciò avviene in particolare nelle aree con un’elevata densità di popolazione e proprietà e con una storica compiacenza nei confronti della manutenzione delle infrastrutture”.

I dati degli esperti

Shirzaei e il suo gruppo di ricerca hanno messo insieme una vasta raccolta di punti dati misurati da satelliti radar spaziali e hanno utilizzato queste informazioni altamente accurate per costruire mappe digitali del terreno che mostrano esattamente dove i paesaggi che sprofondano presentano rischi per la salute delle infrastrutture vitali. Utilizzando le immagini satellitari disponibili al pubblico, Shirzaei e Ohenhen hanno misurato milioni di casi di cedimento del terreno nell’arco di più anni. Hanno quindi creato alcune delle prime rappresentazioni al mondo ad alta risoluzione del cedimento del terreno.

Queste nuove mappe rivoluzionarie mostrano che una vasta area della costa orientale sta affondando di almeno 2 mm all’anno, con diverse aree lungo la costa medio-atlantica fino a 3.700 chilometri quadrati, o più di 1.400 miglia quadrate, che affondano di più di 5 mm. all’anno, più dell’attuale tasso globale di innalzamento del livello del mare di 4 mm all’anno.



Cosa implica la subsidenza

“Abbiamo misurato tassi di subsidenza di 2 mm all’anno che colpiscono più di 2 milioni di persone e 800.000 proprietà sulla costa orientale”, ha affermato Shirzaei. “Sappiamo in una certa misura che il terreno sta sprofondando. Attraverso questo studio, evidenziamo che lo sprofondamento del terreno non è una minaccia immateriale. Colpisce te, me e tutti, può essere graduale, ma gli impatti sono reali”. In diverse città lungo la costa orientale, molteplici infrastrutture critiche come strade, ferrovie, aeroporti e argini sono interessate da diversi tassi di subsidenza.

Le paure di Ohenhen

“Qui il problema non è solo che il terreno sta sprofondando. Il problema è che i punti caldi dei terreni che sprofondano si intersecano direttamente con la popolazione e i centri infrastrutturali”, ha affermato Ohenhen. “Ad esempio, aree significative delle infrastrutture critiche di New York, compresi gli aeroporti JFK e LaGuardia e le relative piste, insieme ai sistemi ferroviari, sono interessati da tassi di subsidenza superiori a 2 mm all’anno. Gli effetti di tutto ciò, ora e in futuro, sono potenziali danni alle infrastrutture e un aumento del rischio di inondazioni”.

Il punto della situazione

I nuovi risultati appaiono nella rivista ad accesso aperto PNAS Nexus. Nel lavoro “Lentamente ma sicuramente: esposizione di comunità e infrastrutture alla subsidenza sulla costa orientale degli Stati Uniti”, gli scienziati del Virginia Tech e dell’US Geological Survey (USGS) hanno misurato quanto è sprofondato il terreno lungo la costa orientale e quali aree, popolazioni e le infrastrutture critiche entro 100 km dalla costa sono a rischio di cedimento del terreno. La subsidenza può minare le fondamenta degli edifici; danneggiare strade, linee del gas e dell’acqua; provocare il crollo dell’edificio; ed esacerbare le inondazioni costiere, soprattutto se abbinate all’innalzamento del livello del mare causato dai cambiamenti climatici.

2