New Horizons ha condotto il primo esperimento di parallasse interstellare

L'effetto parallasse è un fenomeno per cui un oggetto sembra spostarsi rispetto allo sfondo se si cambia il punto di osservazione.

6748

Per la prima volta, un veicolo spaziale ha rispedito le immagini del cielo da una distanza cosi grande che alcune stelle vicine appaiono spostate rispetto allo sfondo del cielo stellato che osserviamo dalla Terra.
A spedire sulla Terra le straordinarie immagini è stata la sonda New Horizons della NASA che si trova a miliardi di chilometri di distanza è ha oggi una vista unica delle stelle più vicine.
È giusto dire che la New Horizons sta guardando un cielo alieno, diverso da quello che vediamo dalla Terra“, ha affermato Alan Stern, ricercatore principale di New Horizons del Southwest Research Institute (SwRI) a Boulder, Colorado. “E questo ci ha permesso di fare qualcosa che non era mai stato fatto prima: vedere le stelle più vicine spostate visibilmente sul cielo dalle posizioni che vediamo sulla Terra“.
Tra il 22 e il 23 aprile scorsi, la sonda spaziale New Horizons ha ripreso con la sua fotocamera telescopica a lungo raggio una coppia di stelle “più vicine” alla Terra, Proxima Centauri e Wolf 359, mostrando esattamente come appaiono in luoghi del cielo diversi da quelli che vediamo dalla Terra.
Questo effetto è detto parallasse, un fenomeno per cui un oggetto sembra spostarsi rispetto allo sfondo se si cambia il punto di osservazione, quantitativamente, con il termine parallasse si indica il valore dell’angolo di spostamento.
Misurando l’angolo della parallasse e la distanza tra i due punti di osservazione è possibile calcolare la distanza dell’oggetto per mezzo della trigonometria. La tecnica viene usata in astronomia per calcolare la distanza dei corpi celesti non troppo distanti dal nostro pianeta. Il punto di osservazione dalla Terra può cambiare in seguito alla rotazione terrestre e si ha la parallasse diurna oppure in seguito alla rivoluzione annuale intorno al Sole, ed in tal caso si ha la parallasse annua. Tuttavia i cambiamenti di parallasse sono minimi nel caso di stelle distanti e possono essere misurati solo con strumentazione estremamente precisa.
Quando le immagini riprese da New Horizons vengono sovrapposte a immagini delle stesse stelle, riprese nelle stesse date dai telescopi Terrestri, lo spostamento della parallasse è immediatamente visibile. La combinazione produce una vista 3D delle stelle che “danzano” davanti allo sfondo dei loro campi stellari.
L’esperimento della New Horizons fornisce la più grande base di parallasse mai realizzata oltre 7 miliardi di chilometri, ed è la prima dimostrazione di una parallasse stellare facilmente osservabile“, ha dichiarato Tod Lauer, membro del team scientifico di New Horizons del National Optical-Infrared Astronomy della National Science Foundation Laboratorio di ricerca che ha coordinato la dimostrazione di parallasse.
La navicella spaziale New Horizons è davvero una missione di prim’ordine, e la dimostrazione della parallasse stellare non è diversa“, ha dichiarato Kenneth Hansen, scienziato del programma New Horizons presso la sede della NASA a Washington. “Il veicolo spaziale New Horizons continua ad allontanarsi dalla Terra verso lo spazio interstellare e continua a restituire nuovi entusiasmanti dati per la scienza planetaria“.
Lauer, lo scienziato del progetto New Horizons John Spencer, della SwRI, e il collaboratore del team scientifico, l’astrofisico, noto per essere chitarrista dei Queen e appassionato di imaging stereo, Brian May, hanno creato le immagini che mostrano chiaramente l’effetto della vasta distanza tra la Terra e le due stelle vicine.
Si potrebbe sostenere che nell’astrofotografia stereoscopica, e nelle immagini tridimensionali di oggetti astronomici, il team New Horizons della NASA guida già il campo, avendo consegnato immagini stereoscopiche sorprendenti sia di Plutone che del remoto oggetto Arrokoth della Cintura di Kuiper“, ha detto Brian May. “Ma l’ultimo esperimento stereoscopico di New Horizons infrange tutti i record. Queste fotografie di Proxima Centauri e Wolf 359, stelle famose sia per gli astronomi dilettanti che per gli appassionati di fantascienza, impiegano la distanza più grande tra i punti di vista mai raggiunti in 180 anni di stereoscopia!“.
Le immagini di accompagnamento di Proxima Centauri e Wolf 359 sono state fornite dall’Osservatorio di Las Cumbres, che gestisce un telescopio remoto al Siding Spring Observatory in Australia, e dagli astronomi John Kielkopf, University of Louisville e Karen Collins, Harvard e Smithsonian Center for Astrophysics, che gestiscono un telescopio remoto sul Monte Lemmon Observatory in Arizona.
Le comunità di astronomia professionale e amatoriale stavano aspettando di provare questo, ed erano molto entusiaste di fare un po ‘di storia dell’esplorazione dello spazio“, ha detto Lauer. “Le immagini raccolte sulla Terra quando New Horizons osservava Proxima Centauri e Wolf 359 hanno davvero superato le mie aspettative“.
Nel corso della storia, i navigatori hanno usato le stelle per stabilire la loro posizione sulla Terra. I navigatori interstellari possono fare lo stesso per stabilire la loro posizione all’interno della galassia, usando una tecnica che New Horizons ha dimostrato per la prima volta.
Mentre il tracciamento radio della Deep Space Network della NASA è molto più accurato, il primo utilizzo della parallasse è una pietra miliare importante per quella che un giorno potrebbe diventare l’esplorazione umana della Via lattea.
Al momento delle osservazioni, New Horizons era a più 7 miliardi di chilometri dalla Terra, il suo segnale radio, viaggiando alla velocità della luce, impiega poco meno di sei ore e 30 minuti per raggiungerci.
Lanciata nel 2006, New Horizons è la prima missione lanciata per esplorare Plutone e la Cintura di Kuiper. Ha esplorato Plutone e le sue lune a luglio 2015, completando la ricognizione dei pianeti iniziata 50 anni prima, e ha continuato il suo viaggio di esplorazione con il sorvolo dell’oggetto Arrokoth ( ex Ultima Thule) della Cintura di Kuiper a gennaio 2019. New Horizons alla fine lascerà il sistema solare, raggiungendo le Voyager e i Pioneer nel loro viaggio verso le stelle.
Fonte: Phys.org