Neo P1: la pianta geneticamente modificata che purifica l’aria – video

Una startup con sede a Parigi chiamata Neoplants ha modificato geneticamente una pianta per fare il lavoro di 30 purificatori d'aria

1829
Neo P1: la pianta geneticamente modificata che purifica l'aria
Neo P1: la pianta geneticamente modificata che purifica l'aria

Una startup con sede a Parigi chiamata Neoplants ha modificato geneticamente una pianta per fare il lavoro di 30 purificatori d’aria.

L’azienda ha ingegnerizzato geneticamente sia una pianta di pothos (Epipremnum aureum) e il suo microbioma per produrre Neo P1, un potente purificatore d’aria. Ora, il nuovo impianto super efficiente è arrivato sul mercato e potrebbe benissimo rivoluzionare il settore della purificazione dell’aria.

La nuova invenzione è destinata a diventare popolare. “Uno degli effetti collaterali della pandemia è che le persone sono molto più consapevoli di ciò che c’è nell’aria che respirano”, ha dichiarato Patrick Torbey, biologo molecolare e direttore tecnico di Neoplants.

Nessuna elettricità richiesta

Una delle sue caratteristiche principali è che non necessita di elettricità e quindi non inquina. Inoltre, in un periodo in cui gli incendi colpiscono molte regioni, la purificazione dell’aria è molto richiesta.

La nuova invenzione ha anche il potenziale per rimuovere i composti organici volatili (VOC) che i purificatori d’aria convenzionali non possono elaborare. Questo perché i composti sono così piccoli che non possono essere catturati con i metodi tradizionali.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Tuttavia, le piante sono progettate per essere in grado di catturare, assorbire e metabolizzare anche le particelle più piccole. Neo P1 fa esattamente questo e si presenta sotto forma di una delle piante più comuni.

“Abbiamo iniziato con una delle piante d’appartamento più popolari”, ha affermato Lionel Mora, co-fondatore e amministratore delegato della startup.

Questo non è stato un compito facile tuttavia, il team di Neoplants ha dovuto mappare l’intero genoma del pothos (noto anche come edera del diavolo), e quindi determinare a quali geni mirare per la massima filtrazione dei COV. “È come cercare di costruire un aereo mentre si vola”, ha affermato Torbey.

L’intero calvario è durato quattro anni, ma alla fine gli ingegneri hanno prodotto un impianto in grado di metabolizzare quattro importanti inquinanti dell’aria interna, tra cui formaldeide e toluene, e che può persino assorbire alcuni COV.

Ulteriori esperimenti hanno portato a risultati migliori

Gli ingegneri non si sono fermati qui. Hanno anche sperimentato i microrganismi che vivono nelle radici della pianta, inserendo geni di batteri estremofili, che prosperano in ambienti inospitali consumando sostanze chimiche tossiche. Questa alterazione ha aumentato significativamente la capacità di metabolizzazione degli inquinanti della pianta risultante.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Per conformarsi ulteriormente agli standard della FDA ed evitare disastri naturali, gli ingegneri hanno evitato di sperimentare parti del genoma che potrebbero favorire la sopravvivenza della pianta in natura. “Non diamo un vantaggio selettivo all’impianto. Non lo facciamo crescere più velocemente, non aumentiamo la sua resistenza ai pesticidi”, ha affermato Torbey

Ora, l’azienda si sta concentrando sulla modifica di altri tipi di piante per soddisfare gusti diversi. Sta anche lavorando per ridurre il prezzo dell’impianto che è attualmente fissato a $ 179.

Nel 2018, i ricercatori dell’Università di Washington hanno anche modificato la pianta di pothos per rimuovere il cloroformio e il benzene dall’aria circostante. A quel tempo, la tecnologia era considerata rivoluzionaria.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ora che gli ingegneri sanno quali geni prendere di mira e quali strumenti utilizzare, il processo di personalizzazione di altre specie di piante d’appartamento dovrebbe essere relativamente semplice, secondo Torbey. “La cosa interessante del DNA è che è universale”, dice, “È facile trasferire la tecnologia da una pianta all’altra”.

Lotta al cambiamento climatico

Mora e Torbey sperano che Neoplants possa persino aiutare a combattere il cambiamento climatico. Sebbene le piante estraggano naturalmente l’anidride carbonica in eccesso dall’aria tramite la fotosintesi, il team ritiene che potrebbe essere possibile inviare la fotosintesi in overdrive con l’aiuto dell’ingegneria genetica. Gli ingegneri potrebbero modificare le piante per catturare e immagazzinare molto più carbonio di quanto farebbero naturalmente. Secondo Mora questa potrebbe diventare una strategia chiave nella mitigazione del clima.

“Da quello che vediamo, la cattura e lo stoccaggio del carbonio è il problema più urgente”, ha affermato Mora. “E non è possibile che la biologia non abbia un ruolo nella soluzione”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Fonte: Inverse