Movimenti di mammut di 14.000 anni fa legati ai primi campi di caccia dell’Alaska

Un nuovo studio ha collegato le peregrinazioni di un mammmut lanoso di 14.000 anni fa ai primi insediamenti umani avvenuti in Alaska

0
1767
Mammut, de-estinzione dei mammut lanosi

Un team di ricercatori ha collegato i viaggi di un mammut lanoso di 14.000 anni con i più antichi insediamenti umani conosciuti in Alaska, fornendo indizi sulla relazione tra le specie iconiche e alcune delle prime persone che attraversarono il Bering Land Bridge.

Mammut

Peregrinazioni dei mammut lanosi: ecco cosa raccontano degli insediamenti umani in Alaska

I dati isotopici, insieme al DNA di altri mammut del sito e alle prove archeologiche, indicano che i primi abitanti dell’Alaska probabilmente strutturarono i loro insediamenti in modo che si sovrapponessero alle aree in cui si riunivano i mammut.

Tali risultati forniscono la prova che i mammut e i primi cacciatori-raccoglitori hanno condiviso l’habitat nella regione. La presenza prevedibile a lungo termine di mammut lanosi avrebbe attratto gli esseri umani nell’area.

Gli scienziati hanno stabilito queste connessioni utilizzando l’analisi isotopica per studiare la vita di una femmina di mammut, chiamata Élmayųujey’eh, da parte dell’Healy Lake Village Council. Una zanna di Elma è stata scoperta nel sito archeologico di Swan Point nell’Alaska interna.



I campioni della zanna hanno rivelato dettagli su Elma e sul viaggio di circa 1.000 chilometri che ha intrapreso attraverso l’Alaska e il Canada nordoccidentale durante la sua vita.

I dati isotopici, insieme al DNA di altri mammut del sito e alle prove archeologiche, hanno indicato che i primi abitanti dell’Alaska probabilmente hanno strutturato i loro insediamenti in modo che si sovrapponessero alle aree in cui si riunivano i mammut.

Mammut

Ha vagato per la regione più densa di siti archeologici dell’Alaska“, ha detto Audrey Rowe, Ph.D. dell’Università dell’Alaska Fairbanks, studentessa e autrice principale dello studio.

Sembra che questi primi popoli stabilissero campi di caccia in aree frequentate dai mammut.” La zanna di mammut è stata rinvenuta e identificata nel 2009 da Charles Holmes, Professore di ricerca affiliato di antropologia presso l’UAF, e François Lanoë, ricercatore associato di archeologia presso il Museo del Nord dell’Università dell’Alaska.

Gli studiosi hanno trovato la zanna di Elma e i resti di due mammut giovani imparentati, insieme a prove di fuochi da campo, l’uso di strumenti di pietra e resti macellati di altra selvaggina. Tutto questo: “Indica un modello coerente con la caccia umana ai mammut“, ha affermato Ben Potter, archeologo e Professore di antropologia presso l’UAF.

I ricercatori dell’Alaska Stable Isotope Facility dell’UAF hanno poi analizzato migliaia di campioni dalla zanna di Elma per ricreare la sua vita e i suoi viaggi. Gli isotopi forniscono marcatori chimici della dieta e della posizione di un animale.

Mammut

I marcatori vengono poi registrati nelle ossa e nei tessuti degli animali e rimangono anche dopo la loro morte. Le zanne di mammut sono adatte allo studio isotopico perché sono cresciute durante la vita degli animali, con strati chiaramente visibili che sono stati identificati quando sono stati sezionati longitudinalmente.

Queste bande di crescita offrono ai ricercatori un modo per raccogliere una registrazione cronologica della vita di un mammut studiando gli isotopi nei campioni lungo la zanna. Gran parte del viaggio di Elma si è sovrapposto a quello di un mammut maschio precedentemente studiato che è vissuto 3.000 anni prima, dimostrando modelli di movimento a lungo termine della specie nel corso di diversi millenni.

Nel caso di Elma, hanno anche indicato che si è trattato di una femmina sana di 20 anni: “Era una giovane adulta nel fiore degli anni. I suoi isotopi hanno mostrato che non era malnutrita e che è morta nella stessa stagione del campo di caccia stagionale a Swan Point dove è stata trovata la sua zanna”, ha spiegato l’autore senior Matthew Wooller, che è direttore dell’Alaska Stable Isotope Facility e Professore presso il College of Fisheries and Ocean Sciences dell’UAF.

L’era in cui è vissuta Elma potrebbe aver reso più frequenti i pericoli causati dalla comparsa relativamente recente degli esseri umani. Il paesaggio steppico dominato da erba e arbusti che è stato comune nell’interno dell’Alaska stava cominciando a modificarsi verso un terreno più boscoso.

Il cambiamento climatico alla fine dell’era glaciale ha frammentato l’habitat aperto preferito dei mammut, diminuendone potenzialmente i movimenti e rendendoli più vulnerabili alla predazione umana“, ha concluso Potter.

2