Morte nello spazio: ecco cosa accadrebbe ai nostri corpi

Poiché i viaggi nello spazio per scopi ricreativi stanno diventando una possibilità molto reale, potrebbe arrivare un momento in cui viaggeremo su altri pianeti per le vacanze, o forse anche per vivere

6577

Poiché i viaggi nello spazio per scopi ricreativi stanno diventando una possibilità molto reale, potrebbe arrivare un momento in cui viaggeremo su altri pianeti per le vacanze, o forse anche per vivere. La società spaziale commerciale Blue Origin ha già iniziato a inviare clienti paganti su voli suborbitali. Ed Elon Musk spera di avviare una base su Marte con la sua SpaceX.

Ciò significa che dobbiamo iniziare a pensare a come sarà vivere nello spazio, ma anche a cosa accadrà se qualcuno dovesse morirvi.

Dopo la morte, qui sulla Terra, il corpo umano passa attraverso una serie di stadi di decomposizione. Questi sono stati descritti già nel 1247 in The Wash Away of Wrongs di Song Ci, essenzialmente il primo manuale di scienze forensi.

Prima il sangue smette di scorrere e inizia a depositarsi a causa della gravità, un processo noto come livor mortis. Quindi il corpo si raffredda fino all’algor mortis e i muscoli si irrigidiscono a causa dell’accumulo incontrollato di calcio nelle fibre muscolari. Questo è lo stato di rigor mortis. Successivamente gli enzimi, proteine ​​che accelerano le reazioni chimiche, abbattono le pareti cellulari liberandone il contenuto.

Allo stesso tempo, i batteri nel nostro intestino iniziano a diffondersi in tutto il corpo. Divorano i tessuti molli – putrefazione – ed i gas che rilasciano fanno gonfiare il corpo. Il rigor mortis viene annullato quando i muscoli vengono distrutti, vengono emessi odori forti e i tessuti molli vengono distrutti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Questi processi di decomposizione sono i fattori intrinseci, ma ci sono anche fattori esterni che influenzano il processo di decomposizione, tra cui la temperatura, l’attività degli insetti, seppellire o avvolgere un corpo e la presenza di fuoco o acqua.

La mummificazione, l’essiccazione o disseccamento del corpo, avviene in condizioni asciutte che possono essere calde o fredde.

In ambienti umidi e privi di ossigeno può verificarsi la formazione di adipocere, dove l’acqua può provocare la scomposizione dei grassi in un materiale ceroso attraverso il processo di idrolisi. Questo rivestimento ceroso può fungere da barriera sulla pelle proteggendola e preservandola.

Ma nella maggior parte dei casi, i tessuti molli alla fine scompariranno per rivelare lo scheletro. Questi tessuti duri sono molto più resistenti e possono resistere per migliaia di anni.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Arresto della decomposizione

Allora, che dire della morte nell’ultima frontiera?

Bene, la diversa gravità su altri pianeti avrà sicuramente un impatto sullo stadio del livor mortis, e la mancanza di gravità nello spazio significherebbe che il sangue non si raccoglierebbe.

All’interno di una tuta spaziale, il rigor mortis si verificherebbe comunque poiché è il risultato della cessazione delle funzioni corporee. E i batteri dell’intestino divoreranno comunque i tessuti molli. Ma questi batteri hanno bisogno di ossigeno per funzionare correttamente e quindi una fornitura d’aria limitata rallenterebbe notevolmente il processo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Anche i microbi del suolo aiutano la decomposizione, quindi qualsiasi ambiente planetario che inibisce l’azione microbica, come l’estrema secchezza, migliora le possibilità di conservazione dei tessuti molli.

La decomposizione in condizioni così diverse dall’ambiente terrestre significa che i fattori esterni sarebbero più complicati, come con lo scheletro. Quando siamo vivi, l’osso è un materiale vivente che comprende sia materiali organici come vasi sanguigni e collagene, sia materiali inorganici in una struttura cristallina.

Normalmente, la componente organica si decompone, e quindi gli scheletri che vediamo nei musei sono per lo più resti inorganici. Ma in suoli molto acidi, che possiamo trovare su altri pianeti, può succedere il contrario e la componente inorganica potrebbe scomparire lasciando solo i tessuti molli.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Sulla Terra la decomposizione dei resti umani fa parte di un ecosistema equilibrato in cui i nutrienti vengono riciclati da organismi viventi, come insetti, microbi e persino piante. Gli ambienti su pianeti diversi non si saranno evoluti per utilizzare i nostri corpi nello stesso modo efficiente. Insetti ed animali spazzini non sono presenti su altri pianeti del nostro sistema solare.

Ma le condizioni aride del deserto di Marte potrebbero significare che i tessuti molli si asciugheranno e forse il sedimento trasportato dal vento eroderà e danneggerà lo scheletro in un modo che vediamo qui sulla Terra.

La secca superficie rocciosa e sabbiosa arancione di Marte
L’ambiente arido di Marte. https://pixabay.com/users/wikiimages-1897 , CC BY-NC

Anche la temperatura è un fattore chiave nella decomposizione. Sulla Luna, ad esempio, le temperature possono variare da 120°C a -170°C. I corpi potrebbero quindi mostrare segni di cambiamento indotto dal calore o danni da congelamento.

Ma probabilmente i resti non sembreranno ancora umani poiché l’intero processo di decomposizione che vediamo qui sulla Terra non si verificherà. I nostri corpi saranno “alieni” nello spazio. Forse avremmo bisogno di trovare una nuova forma di pratica funeraria, che non implichi le elevate esigenze energetiche della cremazione o lo scavo di tombe in un ambiente duro e inospitale.