Momento storico per il volo spaziale: LightSail 2 sta volando spinta dalla luce

il cubesat a vela solare ha raggiunto i propri obbiettivi di missione alzando il punto più alto della propria orbita di due chilometri

486
Indice

Anni di simulazioni al computer. Innumerevoli prove a terra. Hanno condotto tutti fino ad ora. La navicella spaziale LightSail 2, costruita in crowdfunding, della Planetary Society sta sollevando con successo la sua orbita esclusivamente grazie alla potenza della luce solare.

Da quando, la scorsa settimana, si è dispiegata la vela solare d’argento del veicolo spaziale, i responsabili della missione hanno ottimizzato il modo in cui il veicolo spaziale si orienta durante la navigazione solare. Dopo alcune modifiche, LightSail 2 ha iniziato a sollevare la sua orbita attorno alla Terra. Negli ultimi 4 giorni, l’astronave ha sollevato il suo punto più alto orbitale, o apogeo, di circa 2 chilometri. Il perigeo, o punto più basso della sua orbita, è diminuito di una quantità simile, il che è coerente con le aspettative pre-volo per gli effetti della resistenza atmosferica sul veicolo spaziale. Il team della missione ha confermato che l’aumento dell’apogeo può essere attribuito solo alla navigazione solare, il che significa che LightSail 2 ha completato con successo il suo obiettivo primario di dimostrare il volo con la luce di un CubeSats.


Siamo entusiasti di annunciare il successo della missione per LightSail 2“, ha dichiarato il responsabile del programma LightSail e scienziato capo della Planetary Society, Bruce Betts. “Il nostro obbiettivo era dimostrare che è possibile la navigazione solare controllata di un CubeSat modificando l’orbita del veicolo spaziale usando solo la leggera pressione del Sole, qualcosa che non era mai stato fatto prima. Sono enormemente orgoglioso di questa squadra. È stata una lunga strada e ce l’abbiamo fatta“.

Il team della missione continuerà a sollevare l’orbita di LightSail 2 per circa un mese, fino a quando il perigeo non diminuirà al punto in cui la resistenza atmosferica supera la spinta della vela solare. Durante il periodo di sollevamento dell’orbita, il team continuerà a ottimizzare le prestazioni della vela solare.

Lavoriamo alla distribuzione della vela per perfezionare il modo in cui la navicella spaziale segue il Sole“, ha dichiarato il responsabile del progetto LightSail 2 Dave Spencer. “Il team ha fatto un ottimo lavoro portandoci al punto in cui possiamo dichiarare il successo della missione. Andando avanti, continueremo a lavorare per ottimizzare le prestazioni del controllo della vela e vedere quanto possiamo aumentare l’apogeo nel tempo“.

Uno di questi perfezionamenti riguarda la ruota a slancio singolo di LightSail 2, che ruota la fiancata del veicolo spaziale e quindi si inclina verso il Sole ogni orbita per attivare e disattivare la spinta dalla vela solare. Le ruote del momento possono “saturare“, raggiungendo limiti di velocità predefiniti, dopo di che non sono più efficaci nella rotazione del veicolo spaziale. La maggior parte dei veicoli spaziali utilizza propulsori chimici per desaturare le ruote del momento; LightSail 2 si basa su barre di torsione elettromagnetiche, che orientano il veicolo spaziale spingendo contro il campo magnetico terrestre.

La ruota del momento di LightSail 2 raggiunge attualmente il suo limite di saturazione un paio di volte al giorno e la desaturazione della ruota temporaneamente toglie l’astronave dal suo corretto orientamento per la navigazione solare. Il team della missione ha già applicato un aggiornamento software che ha aumentato il tempo tra gli eventi di saturazione e sta anche lavorando per automatizzare il processo di desaturazione. Entrambi i perfezionamenti dovrebbero comportare un miglioramento delle prestazioni di navigazione solare.

LightSail 2 Orbit Apogee e Perigee dal lancio

LIGHTSAIL 2 ORBIT APOGEE E PERIGEE DAL LANCIO

Questo grafico mostra l’apogeo e il perigeo dell’orbita di LightSail 2 dal lancio. Dal 26 luglio al 30 luglio, l’astronave ha sollevato il suo punto orbitale più alto orbitale, o apogeo, di circa 2 chilometri. È disponibile una versione PDF di questo grafico.

Dopo la fase di innalzamento dell’orbita di LightSail 2, il veicolo spaziale inizierà a deorbitarsi, rientrando infine nell’atmosfera in circa un anno. La vela in Mylar alluminizzata, delle dimensioni di un ring di pugilato, potrebbe essere attualmente visibile per alcuni osservatori al crepuscolo e all’alba. Il pannello di controllo della missione della Planetary Society  mostra i prossimi passaggi in base alla posizione dell’utente e include un collegamento a una pagina che evidenzia i passaggi indicando quando è più probabile che la vela sia visibile.

LightSail 2 è uno dei numerosi progetti scientifici e tecnologici della  Planetary Society che mirano a far progredire la scienza e l’esplorazione dello spazio. All’inizio di questo mese, la NASA ha scelto PlanetVac, una tecnologia finanziata dalla società costruita da Honeybee Robotics che semplifica il processo di raccolta di campioni da altri mondi, per volare sulla Luna come parte del programma CLPS (Commercial Lunar Payload Services) dell’agenzia.

Il programma LightSail è iniziato nel 2009 sotto la direzione del co-fondatore della Planetary Society, Louis Friedman, in seguito al  lancio di Cosmos 1, la prima vela solare al mondo che, però, non raggiunse l’orbita.

Fonte: Planetary Society