Migliaia di antiche tombe scoperte in Sudan

Migliaia di tombe islamiche medievali e non sono state trovate nel Sudan orientale disposte secondo schemi difficili da individuare

0
2309

Migliaia di tombe islamiche medievali e non sono state trovate nel Sudan orientale disposte secondo schemi difficili da individuare, con tombe sacre “genitoriali” che ospitavano sottogruppi di altre sepolture collegate, secondo gli archeologi.

Il team ha utilizzato immagini satellitari per identificare le posizioni di oltre 10.000 monumenti nella regione di Kassala, nel Sudan orientale. I monumenti includono i tumuli, che sono fatti di pietra e sono “strutture rialzate relativamente semplici, diffuse nella preistoria e nella storia africane” e “qubbas“, che è un termine che si riferiva a tombe e santuari islamici nel mondo pan-arabo.

L’articolo è stato pubblicato sulla rivista PLOS One .

Dopo che il team ha mappato i monumenti funerari, ha avuto difficoltà a interpretare i dati, dato che pochi dei monumenti erano stati effettivamente scavati.

Abbiamo affrontato la sfida di interpretare la creazione del paesaggio funerario quasi senza  dati archeologici tradizionali, ma [avevamo] un set di dati sufficientemente ampio da poter ipotizzare la presenza di processi complessi sia a scala regionale che locale”, ha detto Stefano Costanzo, studente di dottorato in archeologia presso l’Università di Napoli L’Orientale e autore principale dell’articolo.

A occhio nudo, era chiaro che le tombe a grappolo erano condizionate dall’ambiente, ma un significato più profondo potrebbe essere stato implicato nella loro disposizione spaziale“, ha detto Costanzo.



Un modello cosmologico per individuare le tombe

Lui e altri membri del team hanno cercato tecniche di modellazione statistica che potessero aiutarli a rilevare i modelli. Alla fine, hanno utilizzato un metodo chiamato processo a grappolo di Neyman-Scott, originariamente sviluppato per studiare i modelli spaziali di stelle e galassie. Per quanto ne sa il team, gli archeologi non hanno mai usato questa tecnica.

La più grande caratteristica di questo modello risiede nel fatto che può trattare con set di dati archeologici che [mancano di dati di scavo e documenti storici] ma sono composti da un numero molto elevato di elementi, che è la base per analisi statistiche significative“, ha spiegato Costanzo.

La tecnica di modellazione ha rivelato che le tombe islamiche “nascondevano diversi sottogruppi che ruotavano attorno a tombe “genitoriali” non identificabili che fungevano da centri di attrazione per le sepolture successive, apparentemente guidate dalla sacralità generale del luogo e dalle traiettorie sociali dei gruppi mobili ancora esistenti“, ha affermato Costanzo.

Lo studio ha anche confermato che le aree in cui il materiale da costruzione era facilmente disponibile tendevano anche ad avere più tombe e che anche i fattori ambientali, come la topografia del paesaggio, potevano influenzare la posizione delle tombe.

La regione di Kassala è abitata dal popolo Beja, molti membri del quale vivono ancora uno stile di vita semi-nomade, ha affermato il team nell’articolo di giornale.

I cluster locali sono molto probabilmente cimiteri tribali/familiari del popolo Beja“, ha scritto il team nell’articolo. Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare le posizioni precise delle tombe dei “genitori”. Ulteriori ricerche potrebbero anche rivelare chi è stato sepolto in queste tombe dei genitori e cosa le ha rese così speciali.

Vista del paesaggio delle tombe qubba, Jebel Maman. (Stefano Costanzo,CC-BY 4.0)Vista del paesaggio delle tombe qubba, Jebel Maman. (Stefano Costanzo,CC-BY 4.0)

Interessante metodo archeologico

Gli studiosi non affiliati alla ricerca hanno affermato che i metodi e i risultati del team sono interessanti.

L’approccio è adatto alle indagini sui gruppi nomadi, che spaziano su vasti territori“, ha affermato Derek Welsby, un assistente custode (simile a un curatore) al British Museum che ha svolto un’ampia ricerca archeologica in Sudan. “La ricerca dovrebbe facilitare i futuri scavi nell’area“, ha affermato Welsby.

La tecnica cosmologica utilizzata dal team “sembra un’aggiunta piuttosto interessante e potenzialmente preziosa al già ampio arsenale di metodi statistici dell’archeologia per ottenere informazioni sullo sviluppo di paesaggi come questi“, ha affermato David Wheatley, professore di archeologia presso l’Università di Southampton a il Regno Unito.

Fornisce inoltre informazioni sulla storia delle persone che vi abitavano. “Fornisce un supporto quantitativo per la profonda storia del popolo Beja“, ha affermato Giovanni Ruffini, professore di storia alla Fairfield University nel Connecticut.

Gli studiosi moderni hanno fatto affidamento su riferimenti sparsi nei testi letterari per scrivere la storia di Beja, e i risultati non sono soddisfacenti“, ha spiegato Ruffini, che ha condotto ricerche approfondite sul Sudan medievale.

Tuttavia, uno studioso ha suggerito una limitazione dello studio.

Philip Riris, docente di modellistica archeologica e paleoambientale presso la Bournemouth University nel Regno Unito, ha espresso preoccupazione per il fatto che il team abbia incluso tombe di periodi di tempo molto diversi nello stesso modello. Questo “è rischioso perché diverse tradizioni funerarie sono tutte messe insieme“, ha detto Riris.

2