Microfossili potrebbero fornirci informazioni sulla “Terra a palla di neve”

Qualunque cosa sia, questo eucariota sembra essersi fossilizzato sulla terraferma circa 635 milioni di anni fa, proprio mentre la Terra si stava riprendendo da un'era glaciale globale. Questi Microfossili antichissimi potrebbero raccontarci molto sulla fine dell'era della cosiddetta Terra a palla di neve

1490

Un team internazionale di scienziati nel sud della Cina ha scoperto accidentalmente il più antico fossile terrestre mai trovato, circa tre volte più antico del più antico dinosauro conosciuto. Le indagini sono ancora in corso e le osservazioni dovranno essere verificate in modo indipendente, ma il team internazionale sostiene che le lunghe dita filiformi di questo antico organismo assomigliano molto ai funghi.

Qualunque cosa sia, questo eucariota sembra essersi fossilizzato sulla terraferma circa 635 milioni di anni fa, proprio mentre la Terra si stava riprendendo da un’era glaciale globale. Questi Microfossili antichissimi potrebbero raccontarci molto sulla fine dell’era della cosiddetta Terra a palla di neve.

Microfossili di milioni di anni fa

Durante questo imponente evento di glaciazione, il nostro pianeta sembrava una grande palla di neve , i suoi oceani sigillati dal Sole da più di un chilometro (0,6 miglia) di ghiaccio solido. E poi, in un “lampo” geologico, il nostro mondo ha cominciato inspiegabilmente a scongelarsi , permettendo alla vita di prosperare sulla terra per la prima volta. I funghi potrebbero essere stati tra le prime forme di vita a colonizzare quel nuovo spazio. La data di questo nuovo microfossile supporta sicuramente l’ idea emergente  che alcuni organismi simili a funghi abbiano abbandonato gli oceani per vivere sulla terra prima ancora che le piante. In effetti, questa transizione potrebbe essere stata ciò che ha aiutato il nostro pianeta a riprendersi da un’era glaciale così catastrofica.

“Se la nostra interpretazione è corretta, sarà utile per comprendere il cambiamento paleoclimatico e l’evoluzione precoce della vita”, afferma il geobiologo Tian Gan, del Virginia Tech College of Science. Oggi, la prima evoluzione dei funghi rimane un grande mistero, in gran parte perché senza ossa o gusci, questi organismi non si fossilizzano facilmente. Non molto tempo fa, molti scienziati non pensavano nemmeno che fosse possibile per i funghi durare così a lungo.

Terra a palla di neve, un genoma ci racconta il passato

Il genoma dei funghi moderni suggerisce che il loro antenato comune sia vissuto oltre un miliardo di anni fa, ma, sfortunatamente, bisogna aspettare fino a 600 milioni di anni, dopo l’enorme glaciazione della Terra a palla di neve, prima che il primo ovvio fossile di funghi compaia nei nostri archivi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Negli ultimi anni, un flusso di scoperte intriganti e controverse ha contribuito a colmare questa lacuna. Nel 2019, gli scienziati hanno riportato la scoperta di un fossile simile a un fungo in Canada, che si era fossilizzato un miliardo di anni fa in un estuario. Le implicazioni sono enormi, vale a dire che l’antenato comune dei funghi potrebbe essere esistito molto prima dell’antenato comune delle piante, evolvendosi immediatamente dopo la fase geologica chiamata Terra a palla di neve.

La scoperta nel Congo

Nel 2020, un fossile simile, con una certa somiglianza con i funghi, è stato trovato nella Repubblica Democratica del Congo ed è rimasto fossilizzato in una laguna o in un lago tra 810 e 715 milioni di anni fa. Esiste ancora una controversia sul fatto che questi antichi organismi fossero effettivamente funghi, e il nuovo microfossile trovato in Cina senza dubbio stimolerà un dibattito simile. 

Dopo aver confrontato attentamente le caratteristiche dell’organismo con altri fossili e forme di vita viventi, gli autori hanno ritenuto che si tratti di un eucariota e di “probabili funghi”. 

“Vorremmo lasciare le cose aperte ad altre possibilità, come parte della nostra indagine scientifica”, afferma il  geoscienziato Shuhai Xiao della Virginia Tech. “Il modo migliore per dirlo è che non siamo certi che si tratti di un fungo ma, al momento, questa è la migliore interpretazione che possiamo dare”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Detto questo, la nuova scoperta fornisce ulteriori prove che organismi simili a funghi potrebbero aver preceduto le piante sulla terra. “La domanda è se c’erano funghi nel regno terrestre prima dell’ascesa delle piante terrestri”, spiega  Xiao. “E penso che il nostro studio suggerisca di sì”.

La domanda successiva è: come sono sopravvissuti quei funghi? Oggi molte specie di funghi terrestri sono incapaci di fotosintesi. In quanto tali, si basano su una relazione mutualistica con le radici delle piante, scambiando acqua e sostanze nutritive dalle rocce e da altra materia organica dura in cambio di carboidrati.

A causa di questa relazione, si pensava che piante e funghi fossero emersi insieme iniziando a popolare la terra. Ma il più antico fossile di piante terrestri risale solo a 470 milioni di anni fa. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Dove è stato scoperto il microfossile simile a un fungo

Il microfossile simile a un fungo scoperto di recente è molto più antico di quello ed è stato trovato nascosto all’interno delle piccole cavità di rocce calcaree dolomitiche, situate nella Formazione Doushantuo nel sud della Cina. La roccia in cui è stato trovato il fossile sembra essersi depositata circa 635 milioni di anni fa, dopo che la Terra a palla di neve era tornata a riscaldarsi e ad offrire nuovamente un ambiente favorevole alla vita. 

Queste forme di vita simili a funghi potrebbero aver convissuto con altri microrganismi terrestri, anch’essi diffusi all’epoca, come i cianobatteri o le alghe verdi. Se queste specie simili a funghi fossero stati ubiquitari, è possibile che abbiano contribuito ad accelerare gli agenti atmosferici chimici, consegnando fosforo ai mari e innescando un’ondata di bioproduttività nell’ambiente marino.

Sulla terra, avrebbero anche potuto aiutare a portare alla luce minerali argillosi per il sequestro del carbonio nel suolo terrestre, creando un ambiente fertile per piante e animali e forse cambiando l’atmosfera stessa del nostro pianeta. “Così”, concludono gli autori, “i microrganismi simili a funghi Doushantuo, per quanto criptici, potrebbero aver svolto un ruolo nel catalizzare l’ossigenazione atmosferica e l’evoluzione biosferica, all’indomani della glaciazione globale criogenica terminale”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’espressione “Terra palla di neve” fa riferimento ad una teoria scientifica secondo cui il nostro pianeta in epoche molto remote avrebbe attraversato dei periodi di abbassamento drastico della temperatura durante i quali la superficie della Terra fu completamente ricoperta di ghiaccio (da Wikipedia).