Il metaverso è diventato la nuova frontiera del settore immobiliare

Il metaverso, un numero crescente di mondi online virtuali in ​​cui gli utenti vivono e giocano, è diventato un focolaio di speculazioni immobiliari. Gli investitori scommettono sul fatto che sia parte integrante di un possibile cambio di paradigma nel modo in cui utilizziamo Internet

0
495
Il metaverso è diventato la nuova frontiera del settore immobiliare, tecnologia

Il metaverso, un numero crescente di mondi online virtuali in ​​cui gli utenti vivono e giocano, è diventato un focolaio di speculazioni immobiliari. Gli investitori scommettono sul fatto che sia parte integrante di un possibile cambio di paradigma nel modo in cui utilizziamo Internet: una versione decentralizzata chiamata Web3, che secondo i suoi sostenitori strapperà il controllo del Web alle grandi aziende tecnologiche e ridistribuirà potere, privacy e sicurezza agli utenti.

Secondo la società di consulenza McKinsey, società, venture capitalist e private equity hanno investito 120 miliardi di dollari nel metaverso tra gennaio e maggio 2022, più del doppio dei 57 miliardi di dollari investiti nel 2021.
Ma i valori immobiliari sono crollati. I prezzi dei terreni nelle quattro principali piattaforme del metaverso, The Sandbox, Decentraland, Cryptovoxels e Somnium Space, sono diminuiti dal 50 all’80% quest’anno, secondo Winston Robson, CEO e co-fondatore della società di analisi del metaverso WeMeta. A contribuire al declino sarebbero stati i problemi nell’economia del mondo reale e nel mercato delle criptovalute.
Guardando oltre i numeri, tuttavia, intere professioni sono state sconvolte, da architetti e designer a sviluppatori e agenti immobiliari. E lungi dall’essere isolate nel metaverso, le loro iniziative stanno già avendo un impatto sul mondo reale.

Costruire per il futuro

George Bileca, CEO di Voxel Architects, ha studiato architettura e design e stava lavorando per una carriera nel design automobilistico quando gli è stato concesso un terreno a Cryptovoxels con cui giocare. All’inizio della pandemia, l’ha usato per costruire una concessionaria per vendere NFT (token non fungibili) di auto digitali progettate dal suo amico. Due anni dopo, Bileca ha un team di 25 persone che lavorano a tempo pieno nel metaverso.
Voxel Architects, con sede in Portogallo, ha progettato e realizzato oltre 100 progetti metaverse, ha affermato il CEO, tra cui gallerie per la casa d’aste Sotheby’s, sedi della settimana della moda e uno stabilimento di produzione NFT per l’artista americano Tom Sachs. Il prossimo progetto: un’esperienza ufficiale di Elvis Presley in The Sandbox e Decentraland.
Sotheby's a Decentraland, progettato e realizzato da Voxel Architects. L'edificio è modellato sulla vera casa d'aste di New Bond Street, Londra.
Sotheby’s a Decentraland, progettato e realizzato da Voxel Architects. L’edificio è modellato sulla vera casa d’aste di New Bond Street, Londra. Credito: cortesia Voxel Architects
Inizialmente, il processo di progettazione per gli edifici del metaverso è molto simile a quello del mondo reale, spiega Bileca. Un architetto o un designer si consulta con un cliente e abbozza idee, su carta o computer. Una volta concordato un progetto, viene modellato in 3D, utilizzando un software di progettazione tradizionale, ma conforme alle specifiche di progettazione del metaverso che popolerà (metaversi diversi utilizzano blocchi di costruzione diversi e hanno gamme di texture e colori diverse).
Quindi inizia la codifica. “La costruzione è solo una carcassa vuota“, dice. “Dentro a quel guscio aggiungiamo le funzionalità, come la possibilità di aprire le porte, interagire con le opere d’arte… per creare (interfacce utente) personalizzate, missioni di gioco e molti altri elementi interattivi.” Una volta completato, viene realizzato in un metaverso“.
Voxel Architects ha progettato Auroboros, una sede per la Metaverse Fashion Week nel marzo 2022. L'artista Grimes ha tenuto un concerto durante l'evento.
Voxel Architects ha progettato Auroboros, una sede per la Metaverse Fashion Week nel marzo 2022. L’artista Grimes ha tenuto un concerto durante l’evento. Credito: cortesia Voxel Architects
Lo studio addebita una tariffa oraria per il suo lavoro, con alcuni progetti che arrivano a centinaia di migliaia di dollari – il più costoso è vicino a $ 500.000 per la progettazione, la costruzione e l’implementazione di uno sviluppo in The Sandbox, afferma Bileca, che non ha rivelato il cliente.

Ambizioni di marca

Alcuni stanno acquistando immobili per uso ricreativo; altri stanno costruendo spazi commerciali o esperienze con biglietti; altri stanno affittando la loro terra a marchi che cercano di raggiungere i consumatori nel metaverso. Secondo McKinsey, l’e-commerce nel metaverso potrebbe avere un impatto sul mercato fino a 2,6 trilioni di dollari entro il 2030.
LandVault afferma di essere il più grande sviluppatore di terreni nel metaverso, affittando la sua terra a marchi e sviluppando campagne per loro. Basta non chiamarla pubblicità, insiste il CEO Sam Huber. “Nel Web3 … la parola in realtà non ha significato“, ha detto. “Quello che stiamo costruendo non è pubblicità. Sono esperienze di marca, che sono molto diverse“.
Ha fornito l’esempio di un gioco nel metaverso, all’interno di un’arena con il logo Mastercard. “Puoi ancora giocare. Non è pubblicità. Non è fastidioso. È come la vita reale“, ha affermato.
La pubblicità (online) così come la conosciamo, invadente… che compromette i dati degli utenti e così via — semplicemente non ha posto in Web3“.
Lo sviluppatore di Metaverse LandVault ha creato esperienze di marca per artisti del calibro di Mastercard.
Lo sviluppatore di Metaverse LandVault ha creato esperienze di marca per artisti del calibro di Mastercard. Credito: cortesia LandVault
Come nel mondo reale, la posizione ha un grande impatto sul prezzo dell’affitto. Essere in una zona ad alto traffico, vicino a un gioco molto amato o vicino a un bene prezioso (la casa di una celebrità, per esempio) può essere importante. Ma alcuni sostengono che anche il buon design ha valore.
Un sostenitore è Janine Yorio, CEO di Everyrealm. La società di sviluppo del metaverso, precedentemente nota come Republic Realm, ha ricevuto finanziamenti per 66 milioni di dollari fino ad oggi ed è sostenuta da celebrità tra cui The Weeknd, Will Smith e Paris Hilton. I suoi progetti di lusso hanno generato titoli. Nel novembre 2021 Everyrealm ha acquistato 792 pacchi di The Sandbox (l’equivalente di circa tre miglia quadrate) per $ 4,3 milioni, ancora un acquisto record. Più o meno nello stesso periodo ha venduto un superyacht da $ 650.000, il Metaflower, completo di cabina DJ, eliporto e vasca idromassaggio per l’acquirente esigente.
L’ultima avventura dell’azienda è The Row, un’imminente comunità solo su invito di 30 case. Everyrealm ha invitato artisti tra cui Daniel Arsham, Misha Kahn e Alexis Christodoulou a contribuire ai progetti. Accanto agli edifici neoclassici e ai giganteschi cantilever ci sono forme aliene, che realizzano la promessa dell’architettura digitale non vincolata dalle leggi della fisica.
Abbiamo davvero lasciato che gli artisti avessero carta bianca“, ha detto Yorio. Il principio trainante, ha aggiunto, era “un‘architettura così importante ed esclusiva, che diventa qualcosa a cui le persone guardano come una sorta di high watermark“.
Un rendering di un immobile progettato dallo studio di Barcellona Six N. Five per il progetto Everyrealm The Row.
Un rendering di un immobile progettato dallo studio di Barcellona Six N. Five per il progetto Everyrealm The Row. Credito: per gentile concessione di Six N. Five/Everyrealm
Yorio cita il progetto Fantasy Island di Everyrealm – in cui 100 isole private in The Sandbox sono andate esaurite in un solo pomeriggio nell’agosto 2021 – come esempio di come queste risorse possono apprezzare. Venduti a circa $ 15.000 ciascuno, il CEO ha affermato che ora vengono scambiati per circa $ 100.000, in calo rispetto ai $ 250.000 al culmine del boom del mercato delle criptovalute e degli NFT alla fine del 2021.
Gli acquirenti di proprietà in The Row acquisteranno piani architettonici sotto forma di un NFT, che può essere costruito e distribuito su diverse piattaforme.
Alexis Christodoulou Studio si è fatto un nome nel design 3D e ha clienti tra cui Kenzo e Microsoft. Ora sta lavorando alla proprietà digitale, incluso questo rendering di una casa per The Row.
Alexis Christodoulou Studio si è fatto un nome nel design 3D e ha clienti tra cui Kenzo e Microsoft. Ora sta lavorando alla proprietà digitale, incluso questo rendering di una casa per The Row. Crediti: per gentile concessione di Alexis Christodoulou/Everyrealm
Vogliamo aderire all’ethos del decentramento“, ha detto Yorio, ma il modello di vendita parla anche dell’incertezza che incombe sugli investimenti nel metaverso. “È molto difficile sapere quale metaverso sarà il più popolare tra uno o cinque anni“, ha affermato.
Con il nome dello sviluppo ispirato a Billionaires ‘Row a Manhattan, Everyrealm ha arruolato i servizi degli agenti immobiliari d’élite di New York Oren e Tal Alexander per supervisionare le vendite.
I fratelli Alexander stanno attualmente esaminando i potenziali acquirenti, ha affermato Yorio, con vendite private a partire da settembre. “Vogliamo assicurarci che l’arte vada al giusto tipo di collezionisti, e non a persone che stanno cercando di acquistare, capovolgere e creare quella dinamica di iper-speculazione NFT“, ha spiegato. I prezzi non sono stati divulgati.
Yorio contesta l’idea che The Row sia un esempio di metaverso diretto verso la stratificazione sociale. “Si tratta di possedere una delle prime opere seminali di arte tridimensionale abitabile in un nuovo media. E penso che sia una conversazione molto diversa (a), ‘stiamo costruendo un country club a cui possono aderire solo 30 persone’” sostiene.

La ricerca della stabilità

Il valore a lungo termine della proprietà del metaverso può anche dipendere dal fatto che gli utenti decidano di lavorarci oltre che di giocarci. Lo sta già facendo Pallavi Dean, CEO dello studio di design Roar con sede a Dubai, che ha acquistato uno spazio aziendale a Decentraland. Dean voleva mostrare il lavoro di Roar ai clienti e ha acquistato quattro trame per circa $ 60.000 in totale nel gennaio 2022. “Devi avere la pelle nel gioco prima di convincere altre persone“, ha detto. “Lo considero denaro per il marketing“.
Ha già trasferito alcune delle sue operazioni commerciali nel metaverso, ospitando riunioni con i clienti nell’ufficio virtuale di Roar. Nei prossimi due mesi, ha in programma di tenere un corso di formazione dalla sua sala riunioni del metaverso.
Lo studio di design Roar, con sede a Dubai, ha creato uno spazio aziendale a Decentraland.
Lo studio di design Roar, con sede a Dubai, ha creato uno spazio aziendale a Decentraland. Credito: Roar
Roar sta anche cercando di generare entrate nel metaverso, costruendo una galleria NFT, uno spazio commerciale e capsule galleggianti che potrebbero diventare un hotel. Anche se Dean ammette che sta ancora aspettando il suo primo noleggio e la prima vendita di NFT, rimane fiduciosa nella crescita futura.
Data la breve durata e la rapida accelerazione del metaverso, le previsioni a lungo termine sono pericolose, soprattutto perché il mercato immobiliare sta vivendo difficoltà crescenti. Ma il settore immobiliare nel metaverso potrebbe mai diventare un investimento affidabile come mattoni e malta? O potrebbe essere l’equivalente di Web3 della bolla delle dot-com?
È difficile sapere se il settore immobiliare all’interno (metaversi) sarà stabile “, ha detto Yorio.
Molti all’esterno potrebbero vedere le sue prospettive a lungo termine con più di un pizzico di cautela. Comprensibilmente, alcune persone che lavorano in questo fiorente settore rimangono ottimiste.
È molto probabile che il settore immobiliare nel metaverso sia un investimento stabile per il futuro“, ha affermato Robson, della società di analisi WetMeta.
Questa non è una bolla“, ha insistito Huber, che distilla il metaverso in una combinazione di due tendenze: il gioco e la blockchain, nessuna delle quali potrebbe essere definita una moda passeggera. “C’è un elemento di clamore se inizi a ingrandire: il prezzo della terra è triplicato negli ultimi sei mesi. È ovviamente guidato dalla speculazione. Ma questo è un breve blip e ora è stato corretto“.
(Su una) base a breve termine, c’è un sacco di clamore“, ha aggiunto. “Ma non è quello che mi interessa. Mi interessa la macro – e la macro è sicuramente qui per restare“.
Molti ricorderanno che accadde qualcosa di simile in Second Life, il primo vero metaverso, qualcosa come 15 anni fa. Oggi Second Life esiste ancora, ha ancora qualcosa come un milione di utenti contro gli oltre 100 milioni di un tempo ma i tempi belli sono finiti da molto, forse perché era un progetto troppo avanti, necessitava di computer potenti e connessioni a banda larga che, all’epoca, non erano facilmente disponibili per tutti.
Cosa accadrà questa volta?
2