2.3 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeAttualitàMaturità, davvero interessanti ma improbabili le tracce dei temi di quest'anno

Maturità, davvero interessanti ma improbabili le tracce dei temi di quest’anno

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Inizia la maturità e, al contrario di quanto ci si aspettava il ministero ignora gli anniversari che cadono quest’anno (i 150 anni di Luigi Pirandello, 25 dalla strage di Capaci, 60 anni dalla stipula dei Trattati di Roma e i 50 dalla morte di Don Milani, l’inizio delle trattative per la Brexit) e presenta argomenti piuttosto interessanti e legati soprattutto ai programmi più recenti. La poesia di Giorgio Caproni, gli anni della ricostruzione e del boom economico, la contrapposizione tra tecnologia e lavoro, la natura tra minaccia ed idillio e un’interessante richiesta analisi sui disastri e la ricostruzione.

Insomma, una serie di temi, nei vari orientamenti, tutti proiettati all’attualità e ad argomenti necessariamente compresi nella parte finale dello sviluppo dei programmi del quinto anno dei licei.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Personalmente, temo che gran parte degli argomenti dei temi in questione non abbiano fatto in tempo ad essere adeguatamente sviscerati durante l’anno. L’analisi del testo su Giorgio Caproni, poeta contemporaneo morto nel 1990 e, probabilmente, nei programmi di letteratura italiana a malapena citato negli ultimi giorni dell’anno scolastico, così come la traccia storica  sugli anni ’50 e ’60 difficilmente saranno stati oggetto di analisi approfondita. io feci la maturità nell’82 e, a quei tempi, il programma di storia si fermava alla prima guerra mondiale, tra l’altro affrontata genericamente, così come la letteratura del ‘900 a malapena affrontava i futuristi. Anche la contrapposizione tra robotica e lavoro e tutti i problemi connessi implica un’informazione che i ragazzi devono essersi creati da soli perché su questo ho la certezza che i programmi scolastici non abbiano nemmeno considerato la questione.

Insomma, se si voleva parlare di attualità si potevano affrontare argomenti di più ampia portata e interesse, maggiormente affrontate dai media generalisti.

Da ultimo, la chicca del ministero che ieri sul proprio sito ha scritto “traccie” invece del corretto “Tracce”…

Articoli più letti

Articolo precedente
Articolo successivo