Mattoni di polvere lunare: la CNSA vuole costruire una base sulla Luna

La Cina ha un progetto ambizioso: costruire una struttura permanente sulla Luna fatta di mattoni di polvere lunare

2
204
Mattoni di polvere lunare, Mengzhou, silenzio radio

La China National Space Administration (CNSA) ha chiesto ad aziende e ricercatori di sviluppare mattoni di polvere lunare, nonché un robot per assemblarli in un primo prototipo di habitat di una futura stazione di ricerca a sud della Luna. Un lavoro del genere potrebbe essere utilizzato non appena sarà pianificata la missione Chang’e 8, che è provvisoriamente prevista per il 2028.

Mattoni di polvere lunare

Mattoni di polvere lunare per dare vita ad un progetto ambizioso della Cina: costruire una base sulla Luna

La missione è destinata a consegnare centinaia di chili di attrezzature scientifiche sulla Luna, inclusi un totale di 14 strumenti progettati per studiarne la geologia e come gli esploratori potrebbero utilizzare le risorse locali e poter generare mattoni di polvere lunare.

Uno di questi strumenti dovrebbe essere un lander che utilizza l’energia solare per polverizzare il suolo lunare in “parti funzionali”, secondo l’SCMP, a circa 40 cm cubi all’ora. L’agenzia spaziale cinese sta anche cercando di sviluppare un robot in grado di preparare un’area di lavoro e iniziare ad assemblare i mattoni di polvere lunare con un “alto grado di precisione“.

Poco più di 199 kg del carico utile della missione Chang’e 8 saranno riservate ai partner internazionali che collaborano con la Cina. Si tratta di un progetto estremamente ambizioso, ma dato l’immenso slancio dietro le missioni spaziali, potrebbe avere una possibilità di realizzarsi.



La luna si sta restringendo, SCALPSS, mattoni di polvere lunare

Nel 2019, il Paese è stato il primo a far atterrare un rover sul lato nascosto della Luna come parte della missione Chang’e 4 e ha rapidamente fatto seguito a questo risultato con una missione di ritorno di campioni nel 2020, la prima del suo genere dopo la missione Luna 24 dell’Unione Sovietica nel 1976.

Nel Gennaio 2024, la sonda lunare Chang’e 6 della CNSA è arrivata allo spazioporto di Wenchang per prepararsi al lancio di maggio. Il piano è quello di inviare quattro diversi veicoli spaziali sul lato nascosto della Luna, raccogliere campioni per costruire il prototipo dei mattoni di polvere lunare e riportarli sulla Terra. Chang’e 7 è previsto per il 2026 e vedrà un lander, una piccola sonda saltellante e un rover puntare al polo sud lunare.

La base costruita con mattoni di polvere lunare dovrà essere una struttura permanente

Naturalmente, costruire una struttura permanente sulla superficie lunare, spesso scossa dai terremoti, è ancora più ambizioso. Tuttavia, visti i rapidi progressi della Cina nel campo dell’esplorazione lunare, potrebbe esserci più di una possibilità al tentativo di sviluppare mattoni in polvere lunare.

La CNSA ha dichiarato sul suo sito web che il suo obiettivo è “sfruttare appieno i punti di forza di tutte le parti e ottenere tecnologie avanzate a livello internazionale e risultati di ricerca innovativi. I team di imprese, università e istituti di ricerca hanno tempo fino al 10 marzo 2024 per registrare le proprie candidature, insieme a proposte preliminari che siano tecnicamente fattibili, finanziariamente sostenibili e gestibili entro i tempi della missione.

Secondo le dichiarazioni della CNSA, sarà necessario monitorare la forma e la temperatura del terreno durante la fusione e la modellatura dei mattoni di polvere lunare, nonché misurare le proprietà meccaniche e termiche dei risultati prodotti.

La Luna ha milioni di anni in più di quanto si pensasse in precedenza, SLIM, mattoni di polvere lunare

Un robot da 100 kg, alimentato principalmente a batteria, preparerà un’area di lavoro sulla superficie lunare e trasferirà i campioni dal lander e assemblarli, che misureranno 5 cm x 5 cm x 3 cm o 10 cm x 10 cm x 6 cm.

Il robot dovrà essere in grado di viaggiare ad una velocità massima di almeno 400 metri all’ora, nonché di scaricare strumenti dal lander e dispiegarli sulla superficie lunare con un elevato grado di precisione, secondo il rapporto.

Gli strumenti includeranno un sismometro e più sensori per un rilevatore di campo elettromagnetico a bassa frequenza per indagare sui terremoti frequenti al polo sud lunare e sulla struttura profonda. Il robot aiuterà anche a raccogliere rocce lunari in un dispositivo di analisi dei campioni a bordo del rover, che elaborerà e analizzerà la loro composizione chimica ed età per comprendere ulteriormente l’evoluzione della luna.

Al 74° Congresso Astronautico Internazionale a Baku, in Azerbaigian, hanno anche affermato che i siti di atterraggio candidati per la missione includono Leibnitz Beta, il cratere Amundsen, il cratere Cabeus e la cresta Shackleton-de Gerlache.

2