Marte, Perseverance testa lo strumento supercam

Lo strumento SuperCam di Perseverance sta fornendo i primi risultati delle sue operazioni su Marte. I dati del potente strumento scientifico includono i suoni del laser che colpisce una roccia per analizzarne la composizione

0
545

Il SuperCam del rover Perseverance sta fornendo i primi risultati delle sue operazioni su Marte. I dati del potente strumento scientifico includono i suoni del laser che colpisce una roccia per vedere di che materiale sia fatta. SuperCam è stato sviluppato congiuntamente dal Los Alamos National Laboratory (LANL) nel New Mexico e da un consorzio di laboratori di ricerca francesi sotto gli auspici del Centre National d’Etudes Spatiales (CNES). Lo strumento ha fornito dati al centro operativo dell’Agenzia spaziale francese a Tolosa che include il primo audio di laser zap su un altro pianeta.

SuperCam, le dichiarazioni di Roger Wiens e Naomi Murdoch

Roger Wiens, il ricercatoe principale del team dello strumento SuperCam di Perseverance, del Los Alamos National Laboratory ha dichiarato: “È incredibile vedere SuperCam funzionare così bene su Marte” e poi ancora: “Quando abbiamo ideato per la prima volta questo strumento otto anni fa, eravamo preoccupati di essere troppo ambiziosi. 

Ora è lassù che funziona come un incantesimo”. Naomi Murdoch, ricercatrice e docente presso la scuola di ingegneria aerospaziale ISAE-SUPAERO di Tolosa, ha affermato invece: “I suoni acquisiti sono di qualità straordinaria”. La Murdoch è apparsa visibilmente soddisfatta per il passo avanti che farà il mondo della scienza grazie ai suoi dati provenienti dal Pianeta Rosso.

I ringraziamenti di Thomas Zurbuchen

Thomas Zurbuchen, amministratore associato per la scienza presso la sede della NASA a Washington, ha detto: “Voglio estendere i miei sinceri ringraziamenti e congratulazioni ai nostri partner internazionali al CNES e al team SuperCam per aver preso parte a questo viaggio epocale con noi” e poi ancora: “SuperCam offre davvero ai nostri occhi la possibilità di vedere campioni di roccia promettenti e orecchie per sentire come suonano quando i laser li colpiscono. Queste informazioni saranno essenziali per determinare quali campioni memorizzare nella cache e alla fine riportare sulla Terra attraverso la nostra rivoluzionaria campagna di ritorno dei campioni di Marte, che sarà una delle imprese più ambiziose mai intraprese dall’umanità”.

Dati anche da VISIR

Marte



Il team di SuperCam ha anche ricevuto eccellenti primi set di dati dal sensore visibile e infrarosso (VISIR) e dallo spettrometro Raman. VISIR raccoglie la luce riflessa dal Sole per studiare il contenuto minerale di rocce e sedimenti. Questa tecnica integra lo spettrometro Raman che utilizza un raggio laser verde per eccitare i legami chimici di un campione per produrre un segnale a seconda di quali elementi sono legati insieme, fornendo a loro volta informazioni sulla composizione minerale della roccia.

I commenti di Olivier Beyssac

Olivier Beyssac, direttore della ricerca del CNRS presso l’Institut de Minéralogie, de Physique des Matériaux et de Cosmochimie a Parigi, ha dichiarato: “Questa è la prima volta che uno strumento utilizza la spettroscopia Raman in un luogo diverso dalla Terra” e poi ancora: “La spettroscopia Raman giocherà un ruolo cruciale nella caratterizzazione dei minerali per ottenere una visione più approfondita delle condizioni geologiche in cui si sono formati e per rilevare potenziali molecole organiche e minerali che potrebbero essere state formate da organismi viventi”.

Informazioni in generale su SuperCam

SuperCam è guidato dal Los Alamos National Laboratory nel New Mexico, dove è stata sviluppata l’unità fisica dello strumento. Quella parte dello strumento include diversi spettrometri, elettronica di controllo e software. L’unità Mast è stata sviluppata e costruita da diversi laboratori del CNRS (Centro nazionale francese per la ricerca scientifica) e università francesi sotto l’autorità contraente del CNES. Gli obiettivi di calibrazione sul ponte del rover sono forniti dall’Università spagnola di Valladolid.

Un obiettivo chiave per la missione di Perseverance su Marte è l’astrobiologia, inclusa la ricerca di segni di antica vita microbica. 

Il rover caratterizzerà la geologia del pianeta e il clima passato, aprirà la strada all’esplorazione umana del Pianeta Rosso e sarà la prima missione a raccogliere e memorizzare roccia marziana e regolite (roccia rotta e polvere). Una successiva missione della NASA, in collaborazione con l’ESA (Agenzia spaziale europea), invierà un veicolo spaziale su Marte per raccogliere questi campioni sigillati dalla superficie e riportarli sulla Terra per un’analisi approfondita.

2