2.3 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeBiologiaIl segreto della longevità potrebbe risiedere nel microbioma intestinale

Il segreto della longevità potrebbe risiedere nel microbioma intestinale

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Vivere oltre 100 anni è un’impresa rara per un essere umano. Una nuova ricerca suggerisce che i centenari potrebbero dover ringraziare i loro microbiomi intestinali, almeno in parte.

Uno studio sui giapponesi che hanno vissuto più di un secolo ha scoperto che ospitano gruppi distinti di batteri nel loro intestino, che generano composti unici e potrebbero persino scongiurare infezioni e altri fattori di stress ambientale.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I centenari, in generale, sono meno suscettibili alle malattie croniche legate all’età e in qualche modo in grado di contrastare le malattie infettive. Ora sembra che il microbioma intestinale – i miliardi di microrganismi che vivono nel nostro tratto digestivo – potrebbe aiutare a spiegare perché.

Potremmo pensare che i segreti di una lunga vita siano scritti nei nostri geni. Ma la genetica rappresenta meno del 30 percento della longevità, il che lascia la porta spalancata a molti altri fattori che cambiano nel tempo, tra cui dieta, relazioni e ora, forse, batteri intestinali.

Lo studio ha reclutato 160 centenari provenienti da tutto il Giappone con un’età media di 107 anni e ha confrontato le comunità batteriche trovate nei loro campioni fecali con gli insetti intestinali di altri 112 anziani alla fine degli anni ’80 e anche con quelli di 47 persone più giovani.

I ricercatori, guidati dal microbiologo Yuko Sato della Keio University School of Medicine di Tokyo, stavano cercando differenze nei loro microbiomi intestinali, ovvero i tipi di specie batteriche presenti e i tipi di composti che producono.

Precedenti studi su centenari sardi in Italia avevano evidenziato che le persone di età superiore ai 100 anni hanno una maggiore diversità di specie di microbiota centrali che vivevano nel loro intestino rispetto ai giovani e agli anziani.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il fascino dello studio del microbioma intestinale è che, immaginando che aspetto ha uno sano, gli scienziati potrebbero essere in grado di trovare modi per spostare le comunità batteriche o correggere i loro squilibri per prevenire le malattie e migliorare la salute di altre persone.

Per quanto attraente possa sembrare l’idea, il microbioma intestinale è una bestia potente, complessa ma anche molto sensibile. Gli studi hanno dimostrato che i cambiamenti nella dieta possono alterare rapidamente la composizione dei microbi intestinali nel giro di pochi giorni, favorendo alcune specie rispetto ad altre.

Detto questo, i centenari sono un esempio estremo di invecchiamento sano, quindi queste persone devono fare qualcosa di giusto per vivere così a lungo.

Mentre alcuni dei centenari in questo nuovo studio giapponese mostravano segni tipici dell’invecchiamento, come bassi livelli di infiammazione, “la maggior parte dei centenari era libera da malattie croniche come obesità, diabete, ipertensione e cancro“, scrivono i ricercatori nel paper.

Il carico totale di acidi biliari non era diverso tra i gruppi, ma i centenari si è rilevato un mix unico di acidi biliari, grazie a una manciata di ceppi batterici in grado di sintetizzarli.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

A un’ulteriore ispezione, è emerso un gruppo di batteri: i ceppi di Odoribacteraceae, che producono in modo affidabile un tipo di acido biliare chiamato acido isoallo-litocolico (isoalloLCA).

In particolare, sia il profilo dell’acido fecale che il tipo di comunità [microbica] dei centenari erano generalmente stabili tra i campioni longitudinali“, raccolti nel corso di 1-2 anni, scrivono i ricercatori .

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ma lo studio non ha tenuto conto di altri fattori dello stile di vita, come la dieta, quindi non possiamo dire cosa abbia contribuito esattamente al loro profilo unico del microbioma.

In ulteriori esperimenti, Sato e colleghi hanno dimostrato che l’isoalloLCA potrebbe inibire la crescita del Clostridium difficile coltivato in laboratorio, un comune batterio intestinale che causa grave diarrea e grave infiammazione del colon.

E quando i topi infetti da C. difficile sono stati trattati con Odoribacteraceae, i ceppi produttori di bile identificati nei centenari, il trattamento ha ridotto la quantità di C. difficile versata negli escrementi di topo al di sotto dei livelli rilevabili, il che suggerisce che li ha aiutati a eliminare l’infezione.

Per quanto ne sappiamo, l’isoalloLCA è uno dei più potenti agenti antimicrobici selettivi contro i microbi gram-positivi, compresi i patogeni multiresistenti“, concludono i ricercatori  nel loro articolo, arrivando al punto di suggerire che le specie produttrici di isoalloLCA, come le Odoribacteraceae, potrebbero essere utilizzate per aiutare a mantenere una buona salute intestinale fino alla vecchiaia.

Mentre questi esperimenti di laboratorio aiutano a spiegare come le specie batteriche trovate nei centenari potrebbero offrire una certa protezione contro le infezioni attraverso gli acidi biliari, altri esperti sono più cauti sui risultati.

Come molti studi che cercano di implicare specifiche firme del microbioma con particolari condizioni negli esseri umani, finora il lavoro rivela principalmente correlazioni piuttosto che causalità“, spiega il fisiologo ricercatore Kim Barrett, dell’UC San Diego, che non era coinvolto nello studio.

D’altra parte, gli acidi biliari stanno emergendo come una nuova classe di ormoni intestinali che sembrano fare molto di più che aiutare la digestione e l’assorbimento dei grassi, dice Barrett.

È certamente ipotizzabile che la manipolazione delle concentrazioni di specifici acidi biliari, sia microbici che somministrandoli direttamente, possa esercitare benefici per la salute“, ha affermato.

Tuttavia, i trattamenti probiotici contenenti batteri vivi che si ritiene conferiscano benefici per la salute hanno avuto risultati variabili nella ricerca finora, quindi saranno necessarie molte più ricerche prima che ci si possa aspettare una pillola ricca di batteri per la longevità.

Articoli più letti