Lo spazio oltre il Sistema Solare finisce o continua per sempre?

Ti sei mai chiesto come sarebbe viaggiare nello spazio allontanandosi sempre di più lontano dalla Terra, fino oltre il nostro sistema solare e oltre la galassia? Cosa troveresti?

0
5899

Proprio sopra di te c’è il cielo o, come lo chiamerebbero gli scienziati, l’atmosfera. Si estende per circa 32 chilometri sopra la superficie del nostro pianeta, la Terra. L’atmosfera è composta da una miscela di gas, minuscole molecole così piccole che ne assorbi miliardi ogni volta che respiri.

Sopra l’atmosfera c’è lo spazio. Si chiama così perché ha molte meno molecole, con molto spazio vuoto tra di loro.

Ti sei mai chiesto come sarebbe viaggiare nello spazio allontanandosi sempre di più lontano dalla Terra, fino oltre il nostro sistema solare e oltre la galassia? Cosa troveresti?
Gli scienziati sono in grado di spiegare molto di ciò che potresti vedere ma ci sono alcune cose che non sappiamo ancora, ad esempio, fino a dove arriva lo spazio.

Pianeti, stelle e galassie

All’inizio del tuo viaggio nello spazio potresti riconoscere alcune degli oggetti che incontreresti. La Terra fa parte di un gruppo di pianeti che orbitano intorno al Sole, insieme a lune, asteroidi orbitanti e comete.

Un diagramma del sistema solare, che mostra il sole e i suoi pianeti orbitanti.

Un quartiere familiare: il sistema solare. Mark Garlick/Science Photo Library tramite Getty Images

Potresti già sapere che il Sole è in realtà solo una stella media e sembra più grande e più luminoso delle altre stelle solo perché è più vicino. Per arrivare alla stella più vicina, Proxima Centauri, dovresti viaggiare attraverso migliaia di miliardi di chilometri nello spazio.

Se potessi viaggiare sulla sonda spaziale più veloce che la NASA ha lanciato attraverso il nostro sistema solare, impiegheresti migliaia di anni per giungere su Proxima Centauri.



Se le stelle sono come le case, allora le galassie sono come le città piene di case. Gli scienziati stimano che ci siano 100 miliardi di stelle nella nostra galassia, la Via Lattea. Se potessi guardarle da ben oltre la via Lattea, quei 100 miliardi di stelle si fonderebbero insieme in un’unica luce, come fanno le luci degli edifici delle città se viste dall’alto di un aereo.

Recentemente gli astronomi hanno appreso che molte o addirittura la maggior parte delle stelle hanno propri pianeti orbitanti. Alcuni sono simili alla Terra, quindi è possibile che siano la casa di altri esseri che si chiedono anche cosa c’è là fuori.

Un'immagine che mostra i dettagli di una galassia, ma implica visivamente che ce ne sono molte altre.

Una galassia tra tante altre galassie. Michael Miller/Stocktrek Images tramite Getty Images

Dovresti viaggiare attraverso milioni di trilioni di chilometri in più di spazio solo per raggiungere un’altra galassia. La maggior parte di quello spazio è quasi completamente vuoto, con solo alcune molecole vaganti e minuscole misteriose particelle invisibili che gli scienziati chiamano “materia oscura“.

Usando grandi telescopi, gli astronomi vedono milioni di galassie, là fuori, in ogni direzione.

Se potessi osservare abbastanza a lungo, per milioni di anni, avresti l’impressione che lo spazio tra le galassie aumenti. Puoi visualizzarlo immaginando piccoli punti su un palloncino sgonfio: gonfiando quel palloncino, i punti si allontanerebbero l’uno dall’altro per effetto della dilatazione della sua superficie, proprio come fanno le galassie.

C’è una fine?

Se potessi continuare ad allontanarti nell’universo, sempre più in profondità, continueresti a incontrare nuove galassie per sempre? Esiste un numero infinito di galassie in ogni direzione? O alla fine tutto finisce? E se finisce, con cosa finisce?

Queste sono domande a cui gli scienziati non hanno ancora risposte certe. Molti pensano che probabilmente continuerai ad incontrare galassie in ogni direzione, per sempre. In tal caso, l’universo sarebbe infinito, senza fine.

Alcuni scienziati pensano che sia possibile che l’universo alla fine possa avvolgersi su se stesso, quindi, continuando ad andare avanti,, un giorno torneresti da dove sei partito, dalla direzione opposta.

Un modo per pensare a questo è immaginare un globo e immaginare di essere una creatura che può muoversi solo in superficie. Se inizi a camminare in qualsiasi direzione, ad esempio verso est, e continui semplicemente ad andare, alla fine tornerai al punto di partenza.

Se questo fosse il caso dell’universo, significherebbe che non è infinitamente grande, anche se sarebbe comunque più grande di quanto tu possa immaginare.

In entrambi i casi, non potresti mai arrivare alla fine dell’universo o dello spazio. Gli scienziati ora considerano improbabile che l’universo abbia una fine: una regione in cui le galassie si fermano o dove ci sia una barriera di qualche tipo che segna la fine dello spazio.

Ma nessuno lo sa per certo.

Come rispondere a questa domanda dovrà essere scoperto da un futuro scienziato.

2