Il litio potrebbe essere un fattore di rischio per l’autismo

La presenza di litio disciolto nell'acqua potabile è stata identificata come possibile fattore di rischio per l'autismo

0
523
Il litio potrebbe essere un fattore di rischio per l'autismo
Il litio potrebbe essere un fattore di rischio per l'autismo

Il livello di litio nell’acqua è stato identificato dagli scienziati come un potenziale fattore di rischio per l’autismo. La presunta scoperta è avvenuta in un approvvigionamento idrico della Danimarca. Mentre lo studio di 52.706 bambini non è sufficiente per dimostrare che il litio sta causando direttamente l’autismo, la possibilità è degna di ulteriori indagini.

Pur essendo un elemento presente in natura e un farmaco comunemente usato per trattare i disturbi dell’umore, il litio è stato precedentemente associato ad aborti spontanei e malformazioni cardiache nei neonati. Questa è la prima volta che viene fatta un’associazione con il disturbo dello spettro autistico (ASD).

Litio correlato ad autismo: la ricerca del team danese

I ricercatori scrivono nello studio recentemente pubblicato: “In questo studio caso-controllo basato sulla popolazione nazionale danese, il team ha scoperto che l’esposizione materna a livelli più elevati di litio nell’acqua potabile residenziale durante la gravidanza era associata a un moderato aumento del rischio di ASD nella prole. I risultati sono rimasti robusti dopo l’adeguamento per diversi fattori socioeconomici del vicinato materno e le esposizioni all’inquinamento atmosferico”.

Il litio in genere si fa strada nell’acqua potabile attraverso l’erosione dei minerali sotterranei. Rispetto ad altri paesi, i livelli del metallo nell’acqua potabile della Danimarca sono da moderati a bassi.

Lo studio sui pazienti

I ricercatori hanno utilizzato i database dei pazienti e le informazioni del registro civile per identificare i bambini nati tra il 2000 e il 2013 con o senza una diagnosi di disturbo dello spettro autistico, mappati in 151 diversi acquedotti pubblici (che rappresentano l’approvvigionamento idrico per circa la metà della popolazione del paese).



Le concentrazioni di litio nell’acqua sono state suddivise in quattro parti uguali, con l’esposizione al litio prenatale determinata per ciascun quartile. I livelli nel secondo e terzo quartile erano associati a un rischio maggiore del 24-26% di diagnosi di autismo rispetto al quartile più basso. Nel quartile più alto, quel livello di rischio era superiore del 46%.

Degli 8.842 partecipanti allo studio con diagnosi di autismo, 2.850 provenivano da aree in cui i livelli di litio nell’acqua potabile erano nel quartile più alto, rispetto ai 1.718 del quartile più basso. Una relazione simile è stata scoperta quando i ricercatori hanno esaminato i singoli sottotipi di autismo.

La correlazione tra litio e autismo è risultata anche leggermente più forte per le persone che vivevano nelle aree urbane rispetto alle aree rurali e alle città più piccole. Il team ha aggiunto controlli per alcuni fattori socioeconomici e per l’inquinamento atmosferico.

Il punto di Beate Ritz

Beate Ritz è è neurologa ed epidemiologa presso l’Università della California, a Los Angeles. La studiosa ha spiegato: “In futuro, le fonti antropogeniche di litio nell’acqua potrebbero diventare più diffuse a causa dell’uso e dello smaltimento delle batterie al litio nelle discariche con il potenziale di contaminazione delle acque sotterranee”.

È noto che il litio è in grado di attraversare la placenta e la barriera emato-encefalica fetale, e sono già state effettuate ricerche sulla possibilità che possa influenzare determinati segnali e percorsi nel cervello in via di sviluppo.

Le ricerche proseguono

È un quadro complicato però: il litio è anche ampiamente utilizzato come bilanciatore dell’umore per curare le persone con disturbi bipolari e depressione. Livelli più elevati di litio nell’acqua potabile sono stati anche collegati a tassi di suicidio inferiori, suggerendo che l’elemento potrebbe essere aggiunto artificialmente alle riserve idriche. Saranno necessarie ulteriori ricerche per indagare ulteriormente su questa relazione per superare i limiti dello studio. In futuro, i ricercatori potrebbero includere il consumo di acqua, ad esempio, piuttosto che utilizzare la fonte locale di acqua potabile come mezzo per stimare l’esposizione. Ritz ha affermato: “Tutti i contaminanti dell’acqua potabile che possono influenzare il cervello umano in via di sviluppo meritano un attento esame”.

La ricerca è stata pubblicata su JAMA Pediatrics.

2