8.9 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaL'intero universo è una gigantesca rete neurale?

L’intero universo è una gigantesca rete neurale?

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

L’idea centrale è apparentemente semplice: ogni fenomeno osservabile nell’intero universo può essere modellato da una rete neurale. E questo significa che, per estensione, l’universo stesso potrebbe essere una rete neurale.

Vitaly Vanchurin, professore di fisica presso l’Università di Duluth, Minnesota, ha pubblicato lo scorso agosto un incredibile articolo intitolato “Il mondo come rete neurale” sul server di pre-stampa arXiv. È, però, sfuggito alla nostra attenzione fino ad oggi, quando Victor Tangermann di Futurism ha pubblicato un’intervista con Vanchurin in cui se ne parlava.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’ipotesi della rete neurale universale

Discutiamo la possibilità che l’intero universo al suo livello più fondamentale sia una rete neurale“. Recita il paper, che continua: “Identifichiamo due diversi tipi di gradi di libertà dinamici: variabili “addestrabili” (es. Vettore di bias o matrice di peso) e variabili “nascoste” (es. Vettore di stato dei neuroni)“.

Nella sua forma più elementare, il lavoro di Vanchurin tenta di spiegare il divario tra la fisica quantistica e quella classica. Sappiamo che la fisica quantistica fa un ottimo lavoro nello spiegare cosa sta succedendo nell’universo su scale molto piccole. Quando, ad esempio, abbiamo a che fare con singoli fotoni, possiamo dilettarci con la meccanica quantistica su una scala osservabile, ripetibile e misurabile.

Ma quando iniziamo a procedere siamo costretti a usare la fisica classica per descrivere ciò che sta accadendo perché, in un certo senso, perdiamo il filo quando effettuiamo la transizione dai fenomeni quantistici osservabili alle osservazioni classiche.

L’argomento del paper

Il problema principale quando si scopre una teoria di ogni cosa – in questo caso quella che definisce la natura dell’universo stesso – è che di solito finisce per sostituire un proxy per dio con un altro. Laddove i teorici hanno postulato di tutto, da un creatore divino all’idea che stiamo tutti vivendo in una simulazione al computer, le due spiegazioni più durature per il nostro universo si basano su interpretazioni distinte della meccanica quantistica. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Queste sono chiamate interpretazioni dei “molti mondi” e delle “variabili nascoste” e sono quelle che Vanchurin tenta di conciliare con la sua teoria del “mondo come rete neurale“.

A tal fine, Vanchurin conclude:

In questo articolo abbiamo discusso la possibilità che l’intero universo al suo livello più fondamentale sia una rete neurale. Questa è un’affermazione molto audace. Non stiamo solo dicendo che le reti neurali artificiali possono essere utili per analizzare sistemi fisici o per scoprire leggi fisiche, stiamo dicendo che è così che funziona il mondo che ci circonda. Sotto questo aspetto potrebbe essere considerato come una proposta per la teoria del tutto, e come tale dovrebbe essere facile dimostrarlo. Tutto ciò che serve è trovare un fenomeno fisico che non può essere descritto dalle reti neurali. Purtroppo (o fortunatamente) è più facile a dirsi che a farsi“.

Insomma, Vanchurin dice specificamente che non sta aggiungendo nulla all’interpretazione “molti mondi“, ma è qui che risiedono le implicazioni filosofiche più interessanti (secondo l’umile opinione di questo autore).

Se il lavoro di Vanchurin si risolve in una revisione tra pari, o almeno porta a una maggiore fissazione scientifica dell’idea dell’universo come rete neurale pienamente funzionante, allora avremo trovato un filo da tirare che potrebbe metterci sul percorso verso una teoria di successo di tutto.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ma se davvero fossimo tutti nodi in una rete neurale, qual è lo scopo della rete? 

L’universo è una rete gigantesca e chiusa o è un singolo strato in una rete più ampia? O forse siamo solo uno dei trilioni di altri universi collegati alla stessa rete? 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Quando addestriamo le nostre reti neurali eseguiamo migliaia o milioni di cicli fino a quando l’IA non viene adeguatamente “addestrata”. Siamo solo uno di un numero innumerevole di cicli di addestramento di una macchina più grande che persegue per un più grande scopo universale?

Puoi leggere l’intero documento qui su arXiv .

Articoli più letti