Le cose giuste per andare su Marte

Un ingegnere del CERN ha testato sé stessa per capire se ha quello che serve per vivere e lavorare su Marte

751

Di Madeleine O’Keefe

Molte persone dicono che vorrebbero viaggiare su Marte, ma Zoe Townsend non si limita a parlare. Come ingegnere meccanico al CERN, conosce l’importanza di mettere alla prova le idee. Per vedere se è in grado davvero di gestire le sfide uniche poste dal vivere e fare scienza su un altro pianeta, Townsend ha trascorso 12 giorni in una missione simulata su Marte nei deserti dello Utah.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Townsend e altri sei volontari provenienti dall’Europa e dall’America Latina costituivano il 212° equipaggio della Mars Desert Research Station, o MDRS, una struttura analogica spaziale di proprietà e gestita dall’organizzazione no profit The Mars Society. Dal 6 al 17 maggio, hanno vissuto in una struttura a due piani, larga 8 metri, circondata da sabbia rossa simile all’argilla a perdita d’occhio.

Mangiando cibo disidratato, lavandosi con una spugna umida e indossando tute calde pesanti 9 chili ogni volta che si avventuravano fuori, i membri della missione simulata hanno provato in prima persona come sarebbe fare scienza su Marte. “Tutto ciò che sembra facile è molto più difficile“, afferma Townsend.

Townsend ha conseguito una laurea e un master in ingegneria aerospaziale presso l’Università dell’Inghilterra occidentale. Al CERN lavora su progetti per l’aggiornamento ad alta luminosità del Large Hadron Collider ed il Future Circular Collider. Nel progetto MDRS Townsend doveva testare un rover utilizzabile per perforare la superficie di Marte.

Durante la missione, la massima priorità dell’equipaggio era rimanere al sicuro, seguita dal mantenimento della simulazione, quindi dalla scienza (Non è stato loro permesso di interrompere la simulazione per il bene delle loro ricerche, per esempio).

La prima sfida è arrivata subito dopo l’inizio della missione quando, a causa di un disordine problema con i bagagli, Townsend è rimasta senza la chiavetta USB che doveva permetterle di avviare e controllare il rover.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Normalmente, pensi, okay, lo cercherò su Google e scoprirò cosa mi serve“, afferma Townsend. Ma su Marte, “Non ce l’hai. Non c’è niente. Hai solo il tuo cervello, il cervello e la posta elettronica di tutti gli altri“.

Fortunatamente la missione Crew 212 era composta da una grande varietà di cervelli in grado di aiutare. I membri erano astrofisici, ingegneri, astrobiologi, persino un architetto dello spazio, provenienti da Regno Unito, Italia, Spagna, Perù, Messico e Colombia.

Oltre a collaborare per condurre esperimenti e gestire la struttura, ogni membro dell’equipaggio aveva un ruolo designato: c’era un comandante che raddoppiava come scienziato dell’equipaggio, un astronomo, un ufficiale di Greenhab (responsabile della serra MDRS), un ufficiale esecutivo e due ingegneri.

Townsend era il giornalista dell’equipaggio, non tanto come giornalista, quanto come uno storico che incaricato di tenere il diario del viaggio. Ogni giorno Townsend redigeva brevi appunti e li inviava al supporto della missione con altri rapporti tecnici del suo equipaggio, tutto il materiale è stato poi pubblicato sul sito web della missione MDRS.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il membro dell’equipaggio Crew 212, Paolo Guardabasso, un ingegnere di sistemi spaziali dall’Italia, ha apprezzato particolarmente i diari della Townsend. Secondo Guardabasso, era facile perdere il senso del tempo durante la simulazione perché l’equipaggio usava i giorni di Marte (chiamati “Sols”) invece di giorni terrestri per misurare il tempo. “Per me, [leggere i rapporti di Townsend] è stato come rimanere in contatto con la realtà“, afferma Guardabasso.

Una volta terminata la missione, Townsend e i suoi colleghi membri dell’equipaggio sono tornati alle loro normali attività con le nuove abilità apprese grazie alla loro esperienza su “un altro pianeta“. L’MDRS può ora aggiungere le esperienze del Crew 212 al loro vasto database di conoscenze che sperano possano aiutare a progettare un giorno un equipaggio e una missione su Marte efficaci e di successo.

Dopo tutto ciò, Townsend vuole ancora andare su Marte? “Assolutamente sì“, dice. “Ne ho ancora più voglia“.