L’agopuntura può causare il collasso del polmone

Anche la medicina tradizionale cinese può avere effetti indesiderati

0
1690
Indice

Per un’anziana paziente, un sottile ago per agopuntura inserito nella parte posteriore del torace è stato la causa di fitte lancinanti per due giorni, finché in ospedale hanno scoperto che aveva con un polmone collassato. Anche se casi come questo capitano raramente, non si tratta di un evento senza precedenti.

L’agopuntura non è esente da rischi e gli operatori che praticano questo trattamento tradizionale cinese potrebbero non avere sempre la necessaria familiarità con l’anatomia. Questo è evidente nel caso sopra, quello di una donna portoghese di 79 anni, recentemente riportato dai medici del Centro Hospitalar Universitário de Lisboa Central.

La donna anziana si era presentata una prima volta in ospedale lamentando moderate difficoltà respiratorie. Una radiografia ne aveva rivelato la causa: il suo polmone destro era collassato in quello che tecnicamente viene definito pneumotorace.

I polmoni, semplicemente, non collassano da soli. Perché ciò avvenga, è necessario che entri aria cavità pleurica, lo spazio che separa il polmone dalla parete del torace. A volte l’aria può provenire da un polmone danneggiato o malato. In questo caso, la causa è risultata essere una sottile fessura provocata da un ago che era stato brevemente inserito nella schiena del paziente due giorni prima, nel tentativo di curare il suo mal di schiena cronico.

L’agopuntura è comunemente promossa come un’antico sistema di cura della medicina tradizionale cinese in grado di alleviare una serie di disagi, curare malattie o promuovere la salute e la fertilità.



L’età esatta e le origini della pratica sono poco conosciute, così come sono abbastanza discutibili la maggior parte dei benefici che porterebbe. Per quanto riguarda il trattamento del dolore e altri disagi personali, le prove della sua efficacia non sono schiaccianti, diciamo che “potrebbe essere qualcosa in alcuni casi“.

Nonostante tutti i dubbi sollevati dalla scienza ufficiale, però l’agopuntura resta un trattamento molto popolare. Insieme ad altre forme di medicina tradizionale cinese, l’agopuntura ha rapidamente preso piede in tutto il mondo.

Molto dell’interesse suscitato da questa pratica sta nel fatto che appare come un’alternativa a basso rischio all’assunzione di farmaci o altre forme di intervento medico. Per quanto riguarda il basso rischio, è abbastanza vero che nella maggior parte dei casi non si registrano effetti collaterali al di là di qualche sanguinamento e dolore localizzato, ma è anche vero che i problemi più seri non sono molto reclamizzati.

Uno studio effettuato in Germania su circa 230.000 pazienti sottoposti ad agopuntura nel 2009 ha rilevato solo due casi di pneumotorace, ma una revisione effettuata dall’OMS su articoli scientifici cinesi ha permesso di individuare 201 casi di questa patologia riportati in letteratura negli ultimi 30 anni.

Nel caso in esame, l’ago era stato inserito in uno spazio vicino alla scapola del paziente dove il polmone può arrivare a pochi centimetri dalla pelle. In quel punto, un ago inserito con l’angolo e la profondità sbagliati può facilmente bucare la cavità pleurica e provocare uno pneumotorace che fa collassare il polmone.

La buona notizia è che la donna è sopravvissuta alla prova. Essendo anche la sua prima esperienza con l’agopuntura, non sarebbe sorprendente se non tornasse agli aghi. Anche quando si tratta di qualcosa di così raro come questo evento, i pazienti hanno il diritto di sapere quali rischi corrono. La signora, in questo caso,  non aveva idea che uno pneumotorace era uno dei possibili effetti collaterali indesiderati del trattamento a base di agopuntura. È anche possibile che non ne fosse al corrente nemmeno il suo agopuntore.

Gli operatori che eseguono qualsiasi tipo di trattamento medico hanno la responsabilità non solo di essere informati su tutto ciò che riguarda il trattamento che eseguono, ma anche di informare correttamente i loro pazienti. Gli agopuntori devono conoscere le strutture anatomiche e gli strati che si trovano sotto tutti i punti di agopuntura, specialmente per i punti di agopuntura ad alto rischio“.

Vorremmo tutti poter fruire di alternative a basso costo e basso rischio all’assistenza sanitaria canonica, ma, sfortunatamente, il meglio che possiamo fare è usare la scienza per sapere quali sono le probabilità di complicazioni e chiederci se siamo preparati al peggio.

Questo case study è stato pubblicato su BMJ Case Reports.

2