La Nasa lancia l’allarme per i progetti lunari dei cinesi

L'amministratore Bill Nelson afferma che Pechino potrebbe rivendicare come "proprie" aree della Luna ricche di risorse e che i prossimi due anni potrebbero essere la chiave per la competizione USA-Cina

598
La Nasa lancia l'allarme per i progetti lunari dei cinesi
La Nasa lancia l'allarme per i progetti lunari dei cinesi

Gli Stati Uniti sono coinvolti in una corsa alla Luna con la Cina e il paese deve “fare attenzione” affinché i rivali non arrivino primi e stabiliscano aree di interesse esclusivo sulle risorse lunari.

La valutazione è arrivata dall’amministratore della Nasa, Bill Nelson, ex astronauta e senatore della Florida, che ha poi avvertito che la Cina, se stabilisse per prima una base sulla Luna, potrebbe eventualmente affermare di “possedere” le aree più ricche di risorse della Luna.

La competizione tra Stati Uniti e Cina, ha aggiunto, si sta intensificando e i prossimi due anni potrebbero determinare quale paese otterrà un vantaggio.

È un dato di fatto: siamo in una corsa allo spazio“, ha detto Nelson a Politico, “Ed è vero che faremo meglio a stare attenti che non ci precedano con il pretesto della ricerca scientifica. Non è oltre il regno delle possibilità che dicano: ‘State fuori, siamo qui, questo è il nostro territorio‘”.

Nelson ha citato l’occupazione cinese delle isole nel Mar Cinese Meridionale, dove Pechino ha stabilito basi militari, come prova delle sue ambizioni territoriali. “Chi ha dei dubbi guardi cosa hanno fatto con le Isole Spratly“, ha detto.

L’anno scorso, il programma spaziale cinese ha installato una stazione spaziale in orbita attorno alla Terra e ha organizzato diverse missioni automatiche in orbita lunare e di raccolta di campioni. Una terza fase del programma, per stabilire una stazione di ricerca lunare autonoma vicino al polo sud della Luna, è prevista per il 2025.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

A dicembre, il governo cinese ha offerto la sua visione per un atterraggio lunare con equipaggio, trasporto spaziale, infrastrutture e governance spaziale. La Cina ha anche annunciato l’obiettivo di far sbarcare i taikonauti sulla Luna entro la fine di questo decennio.

La Nasa, nel frattempo, ha recentemente completato la missione Artemis I. Le missioni future sono progettate per stabilire più attività sulla Luna. Tuttavia, gli Stati Uniti sono concentrati principalmente su Marte.

I vertici militari statunitensi hanno lanciato l’allarme sulla militarizzazione cinese dello spazio e sui relativi problemi di sicurezza. “È del tutto possibile che possano raggiungerci e superarci“, ha detto il tenente generale della Space Force Nina Armagno durante una visita in Australia. “I progressi che hanno fatto sono stati sbalorditivi, incredibilmente veloci“.

Pechino, però, ha respinto alcune interpretazioni statunitensi sui motivi alla base della spinta spaziale cinese. “Lo spazio non è un campo di battaglia“, ha detto a Politico Liu Pengyu, portavoce dell’ambasciata cinese a Washington.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il portavoce ha affermato che alcuni funzionari statunitensi hanno “parlato in modo irresponsabile per travisare i normali e legittimi sforzi spaziali della Cina“.

La Cina sostiene sempre l’uso pacifico dello spazio, si oppone all’armamento e alla corsa agli armamenti nello spazio e lavora attivamente per costruire una comunità con un futuro condiviso per l’umanità nel dominio spaziale“, ha aggiunto Liu nella dichiarazione.