La latitudine della Piramide di Giza sembra corrispondere alla misura della velocità della luce

La luce viaggia nel vuoto a 299.792.458 metri al secondo, il limite di velocità assoluto dell'Universo. La Grande Piramide di Giza si trova alla latitudine 29,9792458 N. Una coincidenza assoluta che sta spopolando in siti e gruppi complottisti e UFO

2
632
La latitudine della Piramide di Giza è uguale alla velocità della luce

Sta spopolando nei siti e nei gruppi social dedicati al complottismo e agli UFO ma si tratta solo di una clamorosa coincidenza e per screditare qualsiasi assurda teoria basta pensare all’unità di misura che utilizzavano gli antichi egizi per misurare lo spazio.

Vediamo nello specifico: utilizzando il moderno sistema metrico decimale, la luce viaggia nel vuoto a 299.792.458 metri al secondo, il limite di velocità assoluto dell’Universo. La latitudine della Grande Piramide di Giza è infatti 29,9792458 N, ma questo vale anche per tutti gli altri luoghi o oggetti posizionati alla stessa latitudine.

Piramide di Giza
Piramide di Giza

La latitudine della Grande Piramide di Giza

Gli antichi egizi, anche se avessero calcolato la velocità della luce secoli prima della sua misurazione da parte dell’astronomo danese Ole Roemer nel 1676 d.C. e per qualche motivo avessero scelto di tacere al riguardo, non utilizzavano il metro, principalmente perché il metro utilizzato come unità di misura moderna non fu definito fino al 1791 d.C.

Gli antichi egizi usavano come misura lineare i cubiti, con i quali la velocità della luce sarebbe di circa 571.033.253 cubiti al secondo. Essi non misuravano la velocità della luce, né tantomeno utilizzavano per la navigazione il sistema globale di linee che definiscono la longitudine e la latitudine.

Piramide di Giza
Piramide di Giza

E se lo avessero fatto, probabilmente ci sarebbero delle prove in più rispetto al posizionamento della Grande Piramide di Giza ad una latitudine che corrisponde alla linea di latitudine espressa in un sistema di misurazione distante secoli dall’invenzione. Ricordiamo che i sistemi di misurazione lineare altro non sono che convenzioni, nulla impone che possano essere sistemi assoluti.



La costruzione della Piramide di Giza

La Grande Piramide di Giza è stata costruita per durare per l’eternità. Le tombe monumentali sono reliquie dell’era dell’Antico Regno egizio e sono state edificate circa 4.500 anni fa.

I faraoni egiziani si aspettavano di diventare dei nell’aldilà. Per prepararsi a questo passaggio, eressero templi agli dei e enormi tombe piramidali per se stessi, contenenti tutte le cose di cui ogni sovrano avrebbe avuto bisogno per guidarsi e sostenersi.

Il faraone Cheope è stato il primo re egiziano a costruire una piramide a Giza, un progetto iniziato intorno al 2550 a.C. La Grande Piramide di Giza originariamente torreggiava a circa 147 metri sopra l’altopiano. I suoi circa 2,3 milioni di blocchi di pietra pesano ciascuno in media da 2,5 a 15 tonnellate.

Il figlio di Cheope, Chefren, fece costruire la seconda piramide a Giza, intorno al 2520 a.C. La sua necropoli, o luogo di sepoltura, si distingue nel paesaggio perché comprende anche la Sfinge, un misterioso monumento in pietra calcarea con il corpo di un leone e la testa di un faraone.

Piramide di Giza

La Sfinge, che prima del 1800 ha trascorso migliaia di anni sepolta nella sabbia con solo la testa visibile, potrebbe fungere da sentinella per il complesso tombale del faraone, sebbene non ci siano prove definitive che sia stato lui ad ordinarne la costruzione.

La terza delle piramidi di Giza è considerevolmente più piccola delle prime due: meno della metà della loro altezza. Costruita dal figlio di Chefren, Menkaure, intorno al 2490 aC, l’elaborato complesso della piramide comprende due templi separati collegati da una lunga strada rialzata e tre piramidi di regine individuali.

Le camere di Menkaure includono decorazioni di nicchie uniche a Giza e un soffitto a volta nella sua stessa camera funeraria. L’elaborato sarcofago del faraone è andato perduto in mare vicino a Gibilterra nel 1838.

Come sono state costruite le piramidi?

Le antiche imprese ingegneristiche di Giza sono così impressionanti che ancora oggi scienziati e ingegneri non possono essere sicuri di come siano state costruite esattamente le piramidi.

I costruttori erano operai egiziani qualificati che vivevano in una vicina città temporanea che si estendeva su circa 17 acri. I resti di panifici e mucchi di ossa di animali mostrano che erano molto ben nutriti per il loro lavoro. Gli scavi archeologici sull’affascinante sito hanno rivelato una comunità altamente organizzata, ricca di risorse, che doveva essere sostenuta da una forte autorità centrale.

Piramide di Giza

Siti archeologici in tutto l’Egitto e documenti scritti su antichi papiri mostrano che i barcaioli utilizzavano il Nilo e una rete di corsi d’acqua artificiali per portare materiali sull’altopiano di Giza, tra cui granito dalle cave di Assuan, utensili da taglio in rame dalla penisola del Sinai e legname dal Libano. Per sostenere i lavoratori, consegnavano anche bestiame dalle fattorie vicino al delta del Nilo.

È probabile che le comunità di tutto l’Egitto contribuissero con lavoratori, cibo e altri beni di prima necessità, per quello che divenne in qualche modo un progetto nazionale per mostrare la ricchezza e il controllo degli antichi faraoni.

Scienziati e ingegneri stanno ancora discutendo su come siano state costruite esattamente le piramidi. Si ritiene generalmente che gli egiziani spostassero massicci blocchi di pietra in alto lungo grandi rampe bagnate con acqua o con argilla umida, utilizzando un sistema di slitte, corde, rulli e leve. Alcuni suggeriscono rampe esterne a zig-zag o a spirale attorno a ciascuna piramide, mentre una teoria più controversa suggerisce che siano state utilizzate rampe interne.

2