La covid-19 diventerà una malattia stagionale?

Un rapporto, pubblicato su Frontiers in Public Health, ha esaminato i precedenti virus respiratori endemici, come l'influenza e altri coronavirus, per cercare di capire cosa potrebbe accadere con la Covid-19.

937

Tutto, dalle differenze di temperatura stagionali ai cambiamenti nel comportamento umano, può influire sul modo in cui un virus si diffonde; cosa significa questo per il futuro della Covid-19?
Ebbene, secondo una recente pubblicazione, la Covid-19 potrebbe finire per diventare un malattia stagionale come l’influenza. Il rapporto, pubblicato su Frontiers in Public Health, ha esaminato i precedenti virus respiratori endemici come l’influenza e altri coronavirus per cercare di capire cosa potrebbe accadere con Covid-19.
Esistono già da tempo almeno quattro coronavirus stagionali ma non è ancora chiaro il motivo per cui alcuni sono stagionali e altri no. “Non tutti i virus mostrano picchi di infezione più elevati in inverno: dipende dalla loro via di trasmissione. Per i virus respiratori, che raggiungono il picco in inverno, un fattore importante è la capacità del virus reale di resistere agli stress ambientali. Questi includono calore, umidità e luce UV“, ha spiegato Mike Skinner, virologo dell’Imperial College di Londra, in un’intervista con BBC Science Focus Magazine .
Inoltre, il comportamento umano gioca spesso un ruolo importante nel motivo per cui un virus potrebbe raggiungere il picco nei mesi invernali: “In inverno tendiamo ad essere molto più vicini gli uni agli altri e creiamo umidità relativa più elevata nelle nostre case e nei luoghi di lavoro perché rimaniamo all’interno e aumentiamo il riscaldamento“, ha aggiunto Skinner.
Quindi determinare se un virus è maggiormente influenzato dal comportamento sociale o dalla temperatura può essere difficile. Nel caso della Covid-19, entrambi potrebbero avere lo stesso impatto.
Nello studio più recente, i ricercatori hanno esaminato il modo in cui i precedenti virus respiratori endemici si sono evoluti e ipotizzano che il Covid-19 diventerà probabilmente stagionale in quei paesi in cui si vive una stagione invernale fredda. “Anche se le regioni tropicali soffrono di un elevato carico pandemico di Covid-19, la trasmissione del virus è stata più aggressiva nelle regioni temperate dove l’inverno è prevalente. Ciò indica che condizioni fredde e secche potrebbero promuovere le infezioni da SARS-CoV-2“, hanno spiegato i ricercatori nel loro articolo.
Sulla base delle nostre conoscenze precedenti sulla stagionalità dei virus respiratori e dei recenti studi sulla stabilità e la trasmissione di SARS-CoV-2, ipotizziamo che il virus possa imitare gli altri virus respiratori e diminuire la sua diffusione durante l’estate a causa del clima più caldo e umido“.
Ma le prime ricerche hanno dimostrato che la temperatura ha poco a che fare con la diffusione del coronavirus. Uno studio ha esaminato i casi di Covid-19 in 144 luoghi diversi (varie province, stati e paesi) nel mese di marzo, quando la pandemia si stava rapidamente diffondendo in tutto il mondo.
I ricercatori hanno raccolto dati su temperatura, umidità e latitudine, nonché le misure di salute pubblica introdotte per controllare il virus, tra il 7 e il 13 marzo. Quindi hanno aspettato due settimane in modo che le nuove infezioni potessero svilupparsi, essere diagnosticate e segnalate. Il numero crescente di casi per il periodo dal 21 al 27 marzo ed i risultati hanno mostrato che la diffusione del virus non è dipesa dalla temperatura ma piuttosto dalle misure di salute pubblica che sono state implementate, come, ad esempio, l’allontanamento sociale e la chiusura delle scuole.
Tuttavia, i risultati dello studio potrebbero essere stati influenzati dal fatto che la maggior parte delle persone non ha immunità nei confronti del virus. La mancanza di immunità significa che il tasso di trasmissione della Covid-19 (R0) è molto più alto che in  altri virus stagionali, quindi i ricercatori sostengono che la Covid-19 non diventerà un virus stagionale fino a quando non verrà raggiunta l’immunità di gregge.
La Covid-19 è qui per restare e continuerà a causare epidemie tutto l’anno fino al raggiungimento dell’immunità di gregge“, ha detto l’autore dello studio Hassan Zaraket, dell’Università americana di Beirut in Libano, nel comunicato. “Ma, una volta raggiunta l’immunità di gregge attraverso infezioni naturali e vaccinazioni, l’R0 dovrebbe diminuire notevolmente, rendendo il virus più suscettibile ai fattori stagionali“.
Tuttavia, molti esperti sottolineano che la Covid-19 non ha agito come gli altri coronavirus, quindi è impossibile dire se si comporterà come loro. E nonostante il crescente numero di ricerche scientifiche, non sappiamo ancora molto sul virus e sull’immunità. Ad esempio, sono stati segnalati casi di reinfezione e finora i tentativi di ottenere l’immunità naturale di gregge sono falliti.
E mentre molti ripongono le speranze in un futuro vaccino, ci sono ancora molte domande su quanto durerà l’immunità da vaccino. Inoltre, con la recente notizia che non sarà possibile fornire a tutti un vaccino contro il coronavirus prima del 2024, l’immunità di gregge sembra un sogno irrealizzabile.
Questo virus rimane nuovo e nonostante i numerosi studi pubblicati e in corso di pubblicazione, ci sono ancora molte cose su di lui che non sappiamo. Se le nostre previsioni sono vere o meno si vedrà in futuro. Ma pensiamo che sia altamente probabile che, dato ciò che sappiamo finora, la Covid-19 finirà per diventare stagionale, come altri coronavirus“, ha detto Zaraket nel rilasciare lo studio.
Ma la vera domanda, al momento è: alla fine” diventerà mai una realtà?
Fonte: Forbes